Il nazionalismo degli stupidi

Solo trent’anni fa festeggiavamo la caduta del Muro di Berlino e, pochi anni dopo, la progressiva caduta delle frontiere interne all’Ue. A qualcuno tutto ciò non va bene ed è incredibile che trovi le sue migliori sponde nei nazionalisti dei paesi europei, pronti a svendersi e a svendere noi stessi per il loro potere personale. E pronti a esporci ai rischi che il nazionalismo porta con sé e che inevitabilmente esplodono in maniera violenta: non da un giorno all’altro, però. Il segreto è che alla violenza ci si deve abituare.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]È mol­to popo­la­re sui social net­work, in que­ste ore, un acco­sta­men­to tra il soste­gno rice­vu­to dal PCI da par­te dell’Unione sovie­ti­ca e il soste­gno che sem­bra (sem­bra! — qui vola­no que­re­le) abbia rice­vu­to la Lega di Sal­vi­ni dal­la Rus­sia di Vla­di­mir Putin. 

Eppu­re c’è un equi­vo­co di fon­do. Se da un lato c’era un’ideologia per sua natu­ra inter­na­zio­na­li­sta, dall’altro lato c’è il più nazio­na­li­sta dei pen­sie­ri sem­pli­ci. Un nazio­na­li­smo degli strac­cio­ni, che raci­mo­la (sem­bra) dena­ro dagli altri nazio­na­li­sti. Ed è anche un nazio­na­li­smo degli stu­pi­di, per­ché quel dena­ro ser­ve per costrui­re muri e mili­ta­riz­za­re le fron­tie­re, per orga­niz­za­re respin­gi­men­ti, per armar­si ed esse­re pron­ti ad affron­ta­re le minac­ce por­ta­te dagli altri nazio­na­li­sti.

Al di là dell’equivoco, però, c’è anche una tra­ma di fon­do, che ogni set­ti­ma­na emer­ge con sem­pre mag­gio­re chia­rez­za. La tra­ma di fon­do è intes­su­ta da un filo nero che acco­sta (que­sta sì) le poli­ti­che sovie­ti­che e quel­le di Putin, poli­ti­che che si inter­se­ca­no e alle vol­te impat­ta­no con le poli­ti­che di altri pae­si. Si chia­ma poli­ti­ca di poten­za: è vec­chia come il cuc­co e allo stes­so tem­po è sem­pre, sem­pre attuale.

L’idea di Unio­ne euro­pea, par­to­ri­ta non a caso da anti­fa­sci­sti, era ed è un pri­mo appro­do per chi vuo­le costrui­re poli­ti­che di pace e di coo­pe­ra­zio­ne. Non a caso, anco­ra una vol­ta, i pri­mi pas­si mos­si da quel­la che diven­te­rà l’Unione euro­pea era­no tesi a met­te­re in comu­ne la gestio­ne del­le risor­se fin lì sem­pre uti­liz­za­te per far­si la guer­ra. 

Il risul­ta­to, sep­pur con limi­ti enor­mi che par­to­no dall’incapacità di ave­re una poli­ti­ca este­ra effi­ca­ce (ricor­dia­mo pro­prio in que­sti gior­ni, per via di Sre­bre­ni­ca, la guer­ra in Jugo­sla­via) e fini­sco­no con la man­ca­ta costru­zio­ne di un’Europa socia­le, è sta­to dupli­ce: gli sta­ti mem­bri non si sono più fat­ti la guer­ra, tan­to da far­ce­la appa­ri­re, la pace, come scon­ta­ta. E in secon­do luo­go l’Unione costi­tui­sce un atto­re inter­na­zio­na­le di tut­to rispet­to. 

Sul­l’al­tro fron­te, c’è chi pre­fe­ri­sce un’Unione debo­le, com­po­sta da pae­si inca­ro­gni­ti tra di loro, divi­si non solo da con­fi­ni, ma da veri e pro­pri muri. Pae­si più fra­gi­li, quin­di più faci­li da inclu­de­re nel­le pro­prie sfe­re di influen­za e con­trol­lo, dove il con­trol­lo­re può fare un po’ quel che gli pare, tra sta­ti fan­toc­cio e sta­ti di poli­zia. C’è un altro filo nero, quel­lo del­le riser­ve ener­ge­ti­che fos­si­li. Anco­ra una vol­ta, non è un caso che i nazio­na­li­sti sia­no in pri­ma linea per nega­re i cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci e osta­co­la­re la tran­si­zio­ne ver­so la sovra­ni­tà ener­ge­ti­ca di cia­scun sin­go­lo cit­ta­di­no.  

Solo trent’anni fa festeg­gia­va­mo la cadu­ta del Muro di Ber­li­no e, pochi anni dopo, la pro­gres­si­va cadu­ta del­le fron­tie­re inter­ne all’Ue. A qual­cu­no tut­to ciò non va bene ed è incre­di­bi­le che tro­vi le sue miglio­ri spon­de nei nazio­na­li­sti dei pae­si euro­pei, pron­ti a sven­der­si e a sven­de­re noi stes­si per il loro pote­re per­so­na­le. E pron­ti a espor­ci ai rischi che il nazio­na­li­smo por­ta con sé e che ine­vi­ta­bil­men­te esplo­do­no in manie­ra vio­len­ta: non da un gior­no all’altro, però. Il segre­to è che alla vio­len­za ci si deve abi­tua­re.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?