Mozione per dichiarare l’emergenze climatica: il fronte si allarga

La dichiarazione di emergenza climatica serve a plasmare politiche volte a mitigare i cambiamenti climatici in atto, riducendo i rischi che questi comportano: innalzamento del livello del mare, desertificazione, fenomeni meteorologici estremi, guerre, migrazioni di massa, carestie, estinzione di numerose specie vegetali e animali.
#

Non solo Regno Unito, Scozia, Galles, Catalogna e sempre più numerose città in tutto il mondo, oltre 500 consigli comunali, da San Francisco a Melbourne, da Basilea a Londra a Vancouver.  L’impegno istituzionale per dichiarare l’emergenza climatica si sta espandendo sempre di più, trovando sponde importanti anche nel nostro paese. Il comune di Acri è stato il primo comune italiano a dichiarare lo stato di emergenza climatica, seguito da Lucca e da altri comuni italiani, comprese importanti città come Milano, Napoli e Torino.

La dichiarazione di emergenza climatica serve a plasmare politiche volte a mitigare i cambiamenti climatici in atto, riducendo i rischi che questi comportano: innalzamento del livello del mare, desertificazione, fenomeni meteorologici estremi, guerre, migrazioni di massa, carestie, estinzione di numerose specie vegetali e animali.

Dato il suo diffondersi e le sempre più illustri adesioni, vi proponiamo la terza versione (dopo la prima e la seconda), aggiornata, del testo.

SCARICA E DIFFONDI LA MOZIONE PER DICHIARARE EMERGENZA CLIMATICA

SOTTOSCRIVI LA PETIZIONE SU CHANGE.ORG

  •  
  •  
  •  
  •  

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!

Iscriviti alla newsletter di Possibile

Please wait

Post Correlati