Una mozione consiliare per dichiarare lo stato di emergenza climatica e ambientale

Una mobilitazione a tutto campo, strada per strada, casa per casa e - anche - consiglio comunale per consiglio comunale. Fino alle aule parlamentari. Una proposta di mozione consiliare da poter discutere e approvare in tutti i consigli comunali. 

[vc_row][vc_column][vc_column_text]

Una mobi­li­ta­zio­ne a tut­to cam­po, stra­da per stra­da, casa per casa e — anche — con­si­glio comu­na­le per con­si­glio comu­na­le. Fino alle aule parlamentari.

Di segui­to tro­ve­re­te una pro­po­sta di mozio­ne con­si­lia­re da poter discu­te­re e appro­va­re in tut­ti i con­si­gli comunali.

SOTTOSCRIVI LA PETIZIONE SU CHANGE.ORG

 

Mozione per dichiarare lo stato di Emergenza Climatica e Ambientale

PREMESSO CHE
Il 15 mar­zo scor­so si è tenu­to (così come acca­drà il 24 mag­gio) il ‘Glo­bal Stri­ke for Futu­re’, gior­na­ta di mobi­li­ta­zio­ne mon­dia­le con­tro i cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci pro­mos­sa dal movi­men­to spon­ta­neo dei FFF (Fri­days for Futu­re), ispi­ra­to dall’attivista Gre­ta Thun­berg, che ha visto milio­ni di gio­va­ni sfi­la­re nel­le cit­tà di tut­to il mon­do (mol­tis­si­me quel­le italiane);

La poli­ti­ca non fa abba­stan­za per con­tra­sta­re i cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci in cor­so, quan­do que­sti dovreb­be­ro esse­re la prio­ri­tà nell’agenda poli­ti­ca di qual­sia­si gover­no, dal Pre­si­den­te del Con­si­glio fino all’amministratore del più pic­co­lo dei comuni;

Per ricon­ver­ti­re eco­lo­gi­ca­men­te la nostra eco­no­mia occor­re la par­te­ci­pa­zio­ne di tut­ti, accet­ta­re di modi­fi­ca­re alcu­ne abi­tu­di­ni per non dover­le modi­fi­ca­re tut­te, per­chè i cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci a que­sto por­te­ran­no: un mon­do nuo­vo poco ospi­ta­le per l’uomo;

Occor­re che gover­ni e impre­se adot­ti­no il model­lo dell’economia cir­co­la­re e intra­pren­da­no poli­ti­che radi­ca­li per ren­de­re le atti­vi­tà uma­ne soste­ni­bi­li sia ambien­tal­men­te che social­men­te, affin­chè l’innovazione tec­no­lo­gi­ca sia a bene­fi­cio del­la col­le­ti­vi­tà, per tute­la­re i lavo­ra­to­ri e i sog­get­ti debo­li del­la socie­tà, per arre­sta­re lo sfrut­ta­men­to del­le risor­se oltre i limi­ti natu­ra­li di rige­ne­ra­zio­ne e dar­si tem­pi cer­ti per arri­va­re alla com­ple­ta de-car­bo­niz­za­zio­ne del­le fon­ti di ener­gia a favo­re di quel­le rinnovabili.

 

CONSIDERATO CHE

L’accordo di Pari­gi del 2015, frut­to dell’intesa rag­giun­ta alla con­fe­ren­za sul cli­ma (COP 21), è entra­to in vigo­re il 4 novem­bre 2016 ed è il pri­mo accor­do uni­ver­sa­le e giu­ri­di­ca­men­te vin­co­lan­te che impe­gna la comu­ni­tà inter­na­zio­na­le a ridur­re le emis­sio­ni di gas ser­ra per arri­va­re, nel­la secon­da par­te del seco­lo ad una tem­pe­ra­tu­ra glo­ba­le di 1,5 °C supe­rio­re ai livel­li pre-industriali;

L’accordo rico­no­sce il ruo­lo dei sog­get­ti inte­res­sa­ti che non sono par­ti dell’accordo nell’affrontare i cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci, com­pre­se le cit­tà, altri enti a livel­lo sub­na­zio­na­le, la socie­tà civi­le, il set­to­re pri­va­to e altri anco­ra. E che sono invi­ta­ti a: 1) inten­si­fi­ca­re i loro sfor­zi e soste­ne­re le ini­zia­ti­ve vol­te a ridur­re le emis­sio­ni. 2) costrui­re resi­lien­za e ridur­re la vul­ne­ra­bi­li­tà agli effet­ti nega­ti­vi dei cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci. 3) man­te­ne­re e pro­muo­ve­re la coo­pe­ra­zio­ne regio­na­le e internazionale.

La Came­ra dei Comu­ni bri­tan­ni­ca ha appro­va­to la mozio­ne del Par­ti­to Labu­ri­sta per­chè il Regno Uni­to dichia­ri lo sta­to di emer­gen­za cli­ma­ti­ca, dichia­ra­zio­ne segui­ta da quel­le di Sco­zia, Gal­les, Cata­lo­gna e da nume­ro­se cit­tà in tut­to il mon­do, da San Fran­ci­sco a Mel­bour­ne fino a Basilea.

La dichia­ra­zio­ne di emer­gen­za cli­ma­ti­ca ser­ve a pla­sma­re poli­ti­che vol­te a miti­ga­re i cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci in atto, ridu­cen­do i rischi che que­sti com­por­ta­no: innal­za­men­to del livel­lo del mare, deser­ti­fi­ca­zio­ne, feno­me­ni meteo­ro­lo­gi­ci estre­mi, guer­re, migra­zio­ni di mas­sa, care­stie, estin­zio­ne di nume­ro­se spe­cie vege­ta­li e animali.

Uno dei moti­vi che desta­no mag­gior pre­oc­cu­pa­zio­ne, anche a bre­ve ter­mi­ne, è dato dal­l’im­pat­to che que­sti cam­bia­men­ti han­no nel­la vita quo­ti­dia­na del­le per­so­ne e la loro salu­te, sen­za dimen­ti­ca­re gli effet­ti sul­l’e­co­si­ste­ma e la bio­di­ver­si­tà che met­te in ginoc­chio ampi set­to­ri del­la nostra economia.

 

RICORDATO CHE

Il report del­lo scor­so 8 otto­bre dell’IPCC (Inter­go­vern­men­tal Panel on Cli­ma­te Chan­ge) evi­den­zia come la soglia mas­si­ma di sicu­rez­za di aumen­to del­la tem­pe­ra­tu­ra media glo­ba­le (1,5 °C) rischia di esse­re supe­ra­ta nel 2030 se non si inter­ver­rà urgen­te­men­te e che il supe­ra­men­to di tale soglia com­por­te­rà alte­ra­zio­ni cli­ma­ti­che irreversibili.

 

Il Con­si­glio Comunale 

DICHIARA sim­bo­li­ca­men­te lo sta­to di Emer­gen­za Cli­ma­ti­ca e Ambien­ta­le;

RICONOSCE alla lot­ta ai cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci un ruo­lo prio­ri­ta­rio nell’agenda dell’Amministrazione comu­na­le, tenen­do con­to in ogni azio­ne ammi­ni­stra­ti­va o ini­zia­ti­va degli effet­ti che que­sta com­por­ta sul clima;

CHIEDE all’Amministrazione comu­na­le di impe­gnar­si a col­la­bo­ra­re con gli enti pre­po­sti affi­chè il Gover­no Ita­lia­no vari urgen­te­men­te un pia­no per affron­ta­re l’E­mer­gen­za cli­ma­ti­ca e ambien­ta­le con misu­re con­cre­te e immediate.

IMPEGNA l’Amministrazione comu­na­le ad atte­ner­si alle diret­ti­ve con­te­nu­te nell’accordo di Pari­gi, con par­ti­co­la­re riguar­do agli inve­sti­men­ti vol­ti a ridur­re le emis­sio­ni di gas serra;

IMPEGNA l’Amministrazione comu­na­le ad intra­pren­de­re un dia­lo­go isti­tu­zio­na­le con gli enti gover­na­ti­vi regio­na­li e nazio­na­li, affin­chè si dia con­cre­ta attua­zio­ne a prov­ve­dia­men­ti, su sca­la regio­na­le e nazio­na­le, vol­ti alla lot­ta con­tro i cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci e alla ridu­zio­ne del­le emis­sio­ni di gas ser­ra e del loro assor­bi­men­to;

IMPEGNA l’Amministrazione comu­na­le a fare pro­pria l’esigenza di miglio­ra­re lo sta­to di salu­te del nostro Pia­ne­ta prov­ve­den­do ad infor­ma­re, edu­ca­re e orien­ta­re i cit­ta­di­ni ver­so model­li di con­su­mo soste­ni­bi­li anche tra­mi­te incon­tri ad hoc con la cit­ta­di­nan­za dove si pos­sa impa­ra­re a pro­dur­re meno rifiu­ti, spre­ca­re meno ali­men­ti, spre­ca­re meno acqua e meno ener­gia ed indi­riz­zan­do i cit­ta­di­ni ver­so un uso respon­sa­bi­le del­le risor­se naturali.

PRENDE ATTO che per rag­giun­ge­re una vera ‘rivo­lu­zio­ne ver­de’ occor­re la con­vin­ta par­te­ci­pa­zio­ne di tut­ti, ogni sin­go­lo cit­ta­di­no, per por­re in esse­re azio­ni di con­tra­sto ai cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci, dal­la rac­col­ta dif­fe­ren­zia­ta alla lot­ta ad ogni tipo di spre­co, fino alla modi­fi­ca di abi­tu­di­ni dele­te­rie per l’ambiente e per l’uomo, a favo­re di com­por­ta­men­ti vir­tuo­si impron­ta­ti alla soste­ni­bi­li­tà ambien­ta­le e sociale.

SOTTOSCRIVI LA PETIZIONE SU CHANGE.ORG

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

L’unica soluzione possibile è ampliare gli organici, di giudici e cancellieri, senza toppe messe male come gli assistenti mal pagati dell’Ufficio del Giudice oppure il ricorso sistematico a magistrati precari, che hanno funzioni e doveri uguali ai togati, eccetto che per compensi e diritti.
Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.