Elezioni e par condicio, la beffa più grande

"La beffa più grande che il diavolo abbia mai fatto è stato convincere il mondo che lui non esiste", diceva Verbal-Keyser Söze ne I soliti sospetti, la beffa più grande che la politica italiana abbia mai fatto, si potrebbe invece dire parafrasandolo, è convincere il mondo che non ne esiste un'altra.
donne-europa-possibile

“La bef­fa più gran­de che il dia­vo­lo abbia mai fat­to è sta­to con­vin­ce­re il mon­do che lui non esi­ste”, dice­va Ver­bal-Key­ser Söze ne I soli­ti sospet­ti, la bef­fa più gran­de che la poli­ti­ca ita­lia­na abbia mai fat­to, si potreb­be inve­ce dire para­fra­san­do­lo, è con­vin­ce­re il mon­do che non ne esi­ste un’al­tra.

A die­ci gior­ni esat­ti dal voto il tema del­le ele­zio­ni euro­pee è qua­si assen­te dai mez­zi d’in­for­ma­zio­ne, a dispet­to di un’im­por­tan­za inve­ce capi­ta­le, e di cui tut­ti si ricor­de­ran­no solo tra qual­che mese quan­do lo spread si impen­ne­rà ulte­rior­men­te o sali­rà l’I­va, per­ché anche quel­li più seri e pre­oc­cu­pa­ti pre­fe­ri­sco­no occu­par­si del gos­sip inve­ce che del­le que­stio­ni com­ples­se. La poli­ti­ca è subli­ma­ta nel con­fron­to tra Sal­vi­ni e Di Maio che met­ten­do in sce­na un con­flit­to fra loro rie­sco­no nel­l’o­pe­ra­zio­ne di can­tar­se­la e suo­nar­se­la da soli, mag­gio­ran­za e oppo­si­zio­ne a tur­ni alter­ni nel­lo stes­so Gover­no. Non si sa quan­to volu­ta­men­te, ma l’o­pe­ra­zio­ne fun­zio­na nel­la misu­ra in cui tut­ti gli orga­ni d’in­for­ma­zio­ne van­no loro die­tro. Genia­li gli auto­ri, al net­to del­le gaf­fe e degli inci­den­ti di per­cor­so in cui per for­tu­na, alme­no quel­lo, inciam­pa­no, un po’ meno chi abboc­ca all’a­mo: chia­mia­mo­li uti­li idioti.

In più, Sal­vi­ni e Di Maio pos­so­no riven­di­ca­re il loro pro­fi­lo di lea­der nuo­vi e ana­gra­fi­ca­men­te gio­va­ni, che si pren­do­no lo spa­zio e che i rispet­ti­vi par­ti­ti trat­ta­no da lea­der rico­no­sciu­ti, cosa che pur­trop­po nel­le altre liste non accade.

Non è che nel­le altre liste man­chi­no le can­di­da­tu­re inno­va­ti­ve, e gio­va­ni, con un pun­to di vista diver­so sul­le cose e sul mon­do, che pos­so­no chie­de­re la fidu­cia degli elet­to­ri per­ché non l’han­no già tra­di­ta in pas­sa­to, è che in qua­si tut­ti i casi sono lì per dare una pen­nel­la­ta di fre­schez­za, ma poi tut­to lo spa­zio se lo pren­do­no i soli­ti. Che han­no più spa­zio, che par­la­no diret­ta­men­te con le reda­zio­ni, e che non sono così signo­ri­li da cede­re que­gli spa­zi a chi avan­za. Con un cer­to cini­smo, che non è esat­ta­men­te una dote in poli­ti­ca, men che mai a sini­stra. E la fre­schez­za scompare.

Ma, per capir­ci, è come se le cam­pa­gne di Lega e M5S, al net­to dei suoi due gio­va­ni lea­der, le stes­se­ro facen­do Umber­to Bos­si e Bep­pe Gril­lo. Sareb­be incom­pren­si­bi­le, eppu­re tut­ti gli altri che vedia­mo sfi­la­re in tivù face­va­no già esat­ta­men­te lo stes­so mestie­re pro­prio quan­do Bos­si e Gril­lo era­no i capi di Lega e M5S. E nes­su­no fa una pie­ga, nes­su­no si pre­oc­cu­pa del fat­to che que­sta situa­zio­ne è la mor­te del­la poli­ti­ca come disci­pli­na in gra­do di com­pren­de­re non dico il futu­ro, ma alme­no il pre­sen­te. Cosa impos­si­bi­le, se è rivol­ta solo al passato.

Dal par­ti­to­ne al par­ti­ti­no è tut­to uno sfi­la­re di lea­der bol­li­ti, bol­li­tis­si­mi, che le per­so­ne a casa ascol­ta­no e poi pen­sa­no: anco­ra? Dav­ve­ro? Allo­ra meglio vota­re qual­cun altro, qual­cu­no che alme­no mi dica del­le cose diver­se, che non mi fac­cia ricor­da­re con la sua sola pre­sen­za tut­te le delu­sio­ni e i casi­ni com­bi­na­ti in que­sti ulti­mi ven­ti anni.

Non è nuo­vi­smo, è che così risul­ta impos­si­bi­le rac­con­ta­re un mon­do diver­so, un mon­do nuo­vo, per­ché banal­men­te non c’è, non è visi­bi­le, non ha spa­zio, lo spa­zio se lo tie­ne stret­to e lo occu­pa tut­to il mon­do vec­chio, anzi vec­chis­si­mo. E chi ne fa par­te non capi­sce nem­me­no di cosa stia­mo par­lan­do, pro­se­gue la sua mar­cia sul­la scia di una popo­la­ri­tà che fu ma che è con­di­zio­ne suf­fi­cien­te per poter con­ti­nua­re a sta­re in pri­ma fila: e sic­co­me vige una leg­ge fisi­ca che si chia­ma incom­pe­ne­tra­bi­li­tà del­lo spa­zio, occu­pan­do­lo loro lo tol­go­no a qual­co­sa di più interessante.

Lo capi­sco­no istin­ti­va­men­te gli elet­to­ri, lo dimo­stra­no i risul­ta­ti, gli uni­ci che pro­prio non ci arri­va­no sono i diret­ti inte­res­sa­ti: i bol­li­tis­si­mi di cui sopra — e pazien­za se poi muo­re San­so­ne con tut­ti i fili­stei — e gli addet­ti ai lavo­ri. Gli stes­si che poi si chie­de­ran­no come mai le cose sia­no anda­te male, ma non pre­oc­cu­pa­te­vi, non lo faran­no in silen­zio: ver­ran­no in tivù anche dopo il voto, per spiegarcelo.

Per que­sto, in assen­za di una par con­di­cio che non sia inu­ti­le come quel­la vigen­te, e che non si limi­ti a distri­bui­re lo spa­zio tra for­ze ma lo divi­da tra il vec­chio e il nuo­vo garan­ten­do­glie­ne alme­no una par­te, ser­ve uno sfor­zo ulte­rio­re, tita­ni­co, da par­te di chi vota non accon­ten­tan­do­si di quel che pas­sa il con­ven­tolo sfor­zo di sce­glie­re qual­co­sa di meglio — qual­cu­no, in par­ti­co­la­re, di miglio­re — andan­do­se­lo a cer­ca­re nel­le liste, nel­le ini­zia­ti­ve loca­li, sui social tra chi vi sta sopra con con­te­nu­ti e modi più bril­lan­ti. È una fati­cac­cia, ma tan­to vale met­ter­ci­si, per­ché altri­men­ti non se ne esce.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

E così il Governo ha deciso di abbassare l’Iva sugli assorbenti femminili al 10%, bene ma non benissimo visto che la misura corretta sarebbe quella del 4%, ma in più viene da chiedersi cosa stiano facendo esattamente i partiti in Parlamento se su una misura di questo tipo arrivano a farsi bagnare il naso da Draghi. Osservazioni simili si potrebbero fare a proposito di eutanasia e cannabis legale, e lo stesso ci si augura accada per la proposta di legge d'iniziativa popolare sul salario minimo su cui Possibile si impegna a raccogliere adesioni.
Dopo molti anni, ben 6 dalla proposta che facemmo con Giuseppe Civati e Possibile, se ne è colto il significato simbolico e però concretissimo. Un passo avanti, sicuramente. Anche se spiace per il tempo perso. E spiace perché l'IVA sugli assorbenti non è ancora al 4%, come quella per i prodotti di prima necessità, com'è giusto che sia. Perché le mestruazioni non sono un lusso. Continueremo a insistere.
Il tempo del bla bla bla è finito e bisogna agire: non c'è più tempo. Infine c’è da cambiare un paradigma e da riscrivere una storia: sembra che le decisioni sul clima le prendano in pochi e in tavoli decisamente ristretti con la presenza delle lobby del carbone. Va completamente ribaltato il tavolo, dando voce e ruolo a chi oggi subisce le conseguenze maggiori di questa crisi socio climatica e ambientale.