Civati

#

22 Ago: Diciotti, Civati (Possibile): Ora basta, Salvini si dimetta

Salvini deve dimettersi da ministro dell'Interno e da vicepresidente del Consiglio. Di fronte alla possibile  indagine della magistratura sulle persone bloccate sulla Diciotti, Salvini dice che lui può agire come gli pare perché è stato eletto. Sarebbe il caso che qualcuno gli spiegasse che giurare sulla Costituzione significa rispettare le leggi della Repubblica
#

13 Giu: Un’Italia che non si adegua: il 21 giugno a Milano

C'è un'Italia che non si adegua al salvinismo e che non si è mai adeguata alle prove muscolari di governi forti con i deboli, alla rincorsa alle pulsioni peggiori, alle soluzioni facili e sbagliate che individuano nello straniero e nel "diverso" la ragione di tutti i nostri problemi. 
#

19 Mar: La lealtà

Il testo della relazione con la quale Giuseppe Civati ha aperto gli Stati Generali di Possibile

  • 110
  •  
  •  
  •  
#

18 Mar: Cose Possibili

Come contributo alla discussione degli Stati generali di Possibile e, immediatamente, ai suoi iscritti, presentiamo qui di seguito un rapporto sulle attività di Possibile, sui «lavori in corso», che hanno proseguito e accompagnato la campagna elettorale
#

18 Gen: Anche basta

È per questo che esiste Liberi e Uguali, perché la maggior parte dei problemi del nostro paese viene da una iniqua distribuzione della ricchezza e il nostro compito è quello di rimediare a questa ingiustizia. Lo dico con rispetto e spirito di servizio: l’unico governo del presidente a cui lavoro è quello del presidente Grasso.
#

28 Dic: Un anno Possibile

E' tempo di scorgere in tutto ciò che si muove a sinistra ciò che vi è di più prezioso, arricchendo la nostra proposta perché l’Italia stessa sia più ricca di programmi, progetti, soluzioni.
#

20 Nov: Jobs Act, Civati: Argomento politico, non telefonico

L'articolo 18 è un tema politico non telefonico e da solo non basta. È fondamentale che si riapra la discussione su come il contratto a tutele crescenti assicuri che esistano tutele vere e che il contratto sia unico come si auguravano i suoi ideatori