Migranti, Civati-Schlein (Possibile-Leu): Respingimenti Minniti rafforzano la destra

Le dichiarazioni di Minniti hanno dell’incredibile, il ministro funziona al contrario: sostiene di aver rimandato i migranti nei lager libici a subire torture, per non indurre in tentazione violenta fascisti e razzisti

[vc_row][vc_column][vc_column_text]“Le dichia­ra­zio­ni di Min­ni­ti han­no dell’incredibile, il mini­stro fun­zio­na al con­tra­rio: sostie­ne di aver riman­da­to i migran­ti nei lager libi­ci a subi­re tor­tu­re, per non indur­re in ten­ta­zio­ne vio­len­ta fasci­sti e raz­zi­sti. Ricor­da chi sostie­ne che per fer­ma­re la vio­len­za sul­le don­ne biso­gna che si copra­no e si chiu­da­no in casa. Anzi­ché occu­par­si di fer­ma­re l’escalation di vio­len­za e inti­mi­da­zio­ni di stam­po fasci­sta, Min­ni­ti impe­di­sce mani­fe­sta­zio­ni anti­fa­sci­ste. Con le sue gra­vi paro­le sta dan­do ragio­ne a Sal­vi­ni, che dice che il pro­ble­ma sono gli immi­gra­ti, più di chi spa­ra con­tro di loro”. Lo affer­ma­no Giu­sep­pe Civa­ti e Elly Schlein, segre­ta­rio ed euro­par­la­men­ta­re di Pos­si­bi­le ed espo­nen­ti di Libe­ri e Ugua­li, in meri­to alle affer­ma­zio­ni del mini­stro dell’Interno appar­se oggi su diver­si orga­ni di stampa.

“Min­ni­ti e le sue poli­ti­che di respin­gi­men­to — aggiun­go­no Civa­ti e Schlein — han­no una respon­sa­bi­li­tà nell’aver raf­for­za­to la destra, sfon­dan­do un argi­ne che ora fa teme­re l’immigrato anche all’elettorato di cen­tro­si­ni­stra, come ripor­ta­no i son­dag­gi. Mutua­re poli­ti­che e lin­guag­gi di destra non fa che raf­for­za­re la destra, e i risul­ta­ti sono sot­to gli occhi di tut­ti. La vera bat­ta­glia era per una mag­gior con­di­vi­sio­ne del­le respon­sa­bi­li­tà sull’accoglienza a livel­lo euro­peo, ma su que­sto Min­ni­ti non dice nul­la, e nem­me­no su un siste­ma di acco­glien­za tenu­to emer­gen­zia­le per­ché fa como­do a pochi”.

“A poco ser­vo­no i distin­guo e i con­ti­nui richia­mi di Min­ni­ti ai prin­ci­pi di lega­li­tà e demo­cra­zia — con­clu­do­no gli espo­nen­ti di Leu — se l’effetto pra­ti­co è da un lato quel­lo di igno­ra­re le vio­la­zio­ni dei dirit­ti uma­ni in Libia come in gran par­te dell’Africa, men­tre dall’altro grup­pi neo­fa­sci­sti agi­sco­no indi­stur­ba­ti, com­pien­do aggres­sio­ni e facen­do aper­ta­men­te pro­pa­gan­da xenofoba”.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.