Con Pippo, Beatrice, Andrea e Luca: una legislatura di proposte, che continuano a essere il nostro programma

Non siamo andati a letto presto, non abbiamo dormito sonni tranquilli mentre il centrosinistra veniva sacrificato sull'altare delle larghe intese, abbiamo depositato proposte parlamentari che sono e continueranno a essere il nostro programma politico.

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Cosa ave­te fat­to in tut­ti que­sti anni di legi­sla­tu­ra? Non sia­mo anda­ti a let­to pre­sto, non abbia­mo dor­mi­to son­ni tran­quil­li men­tre il cen­tro­si­ni­stra veni­va sacri­fi­ca­to sul­l’al­ta­re del­le lar­ghe inte­se, abbia­mo depo­si­ta­to pro­po­ste par­la­men­ta­ri che sono e con­ti­nue­ran­no a esse­re il nostro pro­gram­ma poli­ti­co.

Cita­re tut­ti i prov­ve­di­men­ti depo­si­ta­ti (pro­po­ste di leg­ge, emen­da­men­ti, inter­ro­ga­zio­ni, ecce­te­ra) sareb­be impre­sa (qua­si) impos­si­bi­le, ma pos­sia­mo sicu­ra­men­te rica­pi­to­la­re le prin­ci­pa­li ini­zia­ti­ve. E allo­ra vediamole.

Con Pip­po Civa­ti ci sia­mo bat­tu­ti depo­si­tan­do pro­po­ste di leg­ge chia­re, sicu­ra­men­te di par­te, e che rite­nia­mo tut­to­ra asso­lu­ta­men­te vali­de. In tema ambien­ta­le, sul con­su­mo di suo­lo — per azze­rar­lo, inve­sten­do sul­la rige­ne­ra­zio­ne urba­na — e sul­la gestio­ne dei rifiu­ti — per ten­de­re sem­pre di più ver­so un siste­ma eco­no­mi­co che non pre­ve­da rifiu­ti. Pro­po­ste costi­tu­zio­na­lis­si­me, non solo per ridur­re i costi del­la poli­ti­ca attra­ver­so un rie­qui­li­brio del­le inden­ni­tà par­la­men­ta­ri e un taglio di depu­ta­ti e sena­to­ri, ma soprat­tut­to per resti­tui­re un sen­so alla par­te­ci­pa­zio­ne dei cit­ta­di­ni alla poli­ti­ca valo­riz­zan­do e ren­den­do mag­gior­men­te acces­si­bi­li gli isti­tu­ti di demo­cra­zia diret­ta. Con­tro il con­flit­to di inte­res­si. Pro­po­ste per rie­qui­li­bra­re la dispa­ri­tà retri­bu­ti­va tra don­ne e uomi­ni, attra­ver­so la tra­spa­ren­za e attra­ver­so l’e­sclu­sio­ne di chi non la rispet­ta dagli appal­ti pub­bli­ci. Pro­po­ste per com­bat­te­re la cri­mi­na­li­tà eco­no­mi­ca e i rea­ti finan­zia­ri attra­ver­so una pro­cu­ra nazio­na­le dedi­ca­ta, e una pro­po­sta tra­sver­sa­lis­si­ma che riguar­da mafie, dirit­ti, liber­tà e sicu­rez­za e cioè la lega­liz­za­zio­ne del­la can­na­bis.

Anche con Bea­tri­ce Bri­gno­ne ci sia­mo con­cen­tra­ti sul­la pari­tà tra don­ne e uomi­ni, a par­ti­re da una pro­po­sta dileg­gia­ta da mol­ti che igno­ra­va­no fos­se in linea con Oba­ma, per dire, e cioè l’e­li­mi­na­zio­ne del­la “tam­pon tax” (ridur­re l’I­va su assor­ben­ti igie­ni­ci, tam­po­ni, cop­pe e spu­gne mestrua­li, da con­si­de­ra­re “beni essen­zia­li”). E inol­tre, pro­po­ste per un’appli­ca­zio­ne rea­le del­la leg­ge 194 garan­ten­do la pre­sen­za di medi­ci non obiet­to­ri, per l’i­sti­tu­zio­ne di un fon­do per le vit­ti­me (don­ne e bam­bi­ni) del­le vio­len­ze di gene­re, che così sia­no incen­ti­va­te a denun­cia­re, per la pari­tà anche nel­lo sport pro­fes­sio­ni­sti­co (le don­ne non lo pos­so­no esse­re, pro­fes­sio­ni­ste, al momen­to). E pro­po­ste che ci stan­no mol­to a cuo­re, sia di stam­po ani­ma­li­sta che, soprat­tut­to, per l’in­tro­du­zio­ne del­la dichia­ra­zio­ne anti­ci­pa­ta di trat­ta­men­to.

Con Andrea Mae­stri sia­mo sta­ti sem­pre dal­la par­te dei più debo­li, di colo­ro che la poli­ti­ca ha abban­do­na­to per­ché così non si pren­do­no voti. Abbia­mo depo­si­ta­to non solo una pro­po­sta per l’e­li­mi­na­zio­ne del rea­to di clan­de­sti­ni­tà, ma per una rifor­ma com­ples­si­va del­la legi­sla­zio­ne vigen­te in mate­ria (Bos­si-Fini) ela­bo­ra­ta insie­me alle prin­ci­pa­li asso­cia­zio­ne del set­to­re, sedu­te attor­no a un tavo­lo. Pro­po­ste per la lai­ci­tà, sull’8 per­mil­le inop­ta­to, sul­la intro­du­zio­ne del­l’in­se­gna­men­to del­la cul­tu­ra civi­ca e del­la edu­ca­zio­ne alla cit­ta­di­nan­za nel­le scuo­le. Pro­po­ste per chi è sta­to più col­pi­to dal­la cri­si, intro­du­cen­do chia­ra­men­te gli sce­na­ri pro­ba­bi­li­sti­ci dei pro­dot­ti finan­zia­ri, isti­tuen­do un fon­do per l’e­di­li­zia pub­bli­ca finan­zia­to dai depo­si­ti cau­zio­na­li. E un altro tema dimen­ti­ca­to: fuo­ri i bam­bi­ni dal­le car­ce­ri, amplian­do il siste­ma del­le case pro­tet­te per le dete­nu­te con figli.

Con Luca Pasto­ri­no sia­mo sta­ti ovun­que ci fos­se una cri­si azien­da­le, un lavo­ra­to­re sfrut­ta­to, un ricer­ca­to­re pre­ca­rio. E abbia­mo por­ta­to la loro voce in com­mis­sio­ne Finan­ze e in com­mis­sio­ne Bilan­cio, con un lavo­ro costan­te e sot­to­trac­cia, pre­si­dian­do l’as­sem­blea a ora­ri impos­si­bi­li, emen­da­men­to per emen­da­men­to. Con Luca abbia­mo costrui­to la pri­ma alter­na­ti­va allo sche­ma del­le lar­ghe inte­se, con la sua can­di­da­tu­ra corag­gio­sa alle regio­na­li in Ligu­ria, con­tro tut­ti e con­tro tut­to, ma con tan­tis­si­me per­so­ne al suo fianco.

Ci rican­di­dia­mo così, per un secon­do man­da­to, libe­ri e ugua­li, for­ti e orgo­glio­si di que­sto per­cor­so.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.
Cosa ha caratterizzato le destre di tutto il mondo negli ultimi anni se non la precisa strategia di solleticare la sfiducia e le paure dell’elettorato?
Non si possono fare tornare i vita i morti, non si può restituire la pace alle loro famiglie, né ricostituire tutte quelle vite e quelle famiglie che si sono sgretolate nel tempo, per conseguenze dirette ed indirette di un sistema mafioso e corrotto. Ma la giustizia sì che si può fare, ed è doveroso pretenderla. Per chi ha dato la vita per difenderla, per la nostra dignità di cittadini e per le generazioni future.