In risposta a Francesco Costa

Vorrebbe votare la sinistra vera ma secondo lui non c'è, quindi si lancia in una critica di Liberi e Uguali che sembra trascritta dalla campagna di Renzi delle primarie 2012 contro Bersani.
martini-oliva

[vc_row][vc_column][vc_column_text]

Gira in rete un pez­zo di Fran­ce­sco Costa del Post, per­fet­ta­men­te in linea con la cam­pa­gna del turar­si il naso, dove (rias­su­mo) dice che dob­bia­mo guar­dar­ci negli occhi e ras­se­gnar­ci al fat­to che quel­la del PD è l’u­ni­ca clas­se diri­gen­te ita­lia­na, anche se sug­ge­ri­sce che sono in gran par­te inca­pa­ci, e che quel­li che han­no per­so il lavo­ro o non rie­sco­no a tro­var­ne uno sta­bi­le per col­pa del Jobs act, quel­li, sia inse­gnan­ti che geni­to­ri, tar­tas­sa­ti dal­la Buo­na scuo­la, quel­li che si lamen­ta­no degli accor­di di Min­ni­ti con la Libia sul­la pel­le dei migran­ti, insom­ma tut­ti quel­li che ne han­no subi­to le poli­ti­che (com­pre­sa l’at­tua­le leg­ge elet­to­ra­le, direi) devo­no far­se­ne una ragio­ne e vota­re PD anche se Ren­zi è anti­pa­ti­co (?) altri­men­ti è la fine del mon­do, che gli altri fan­no schi­fo ma che lui vive in una del­le cit­tà più pro­spe­re e meglio ammi­ni­stra­te d’Italia, è un uomo, ha la cit­ta­di­nan­za ita­lia­na, è rela­ti­va­men­te gio­va­ne, è nor­mo­do­ta­to, auto­suf­fi­cien­te, ete­ro­ses­sua­le, bian­co, sen­za figli, ha un lavo­ro sta­bi­le e che gli pia­ce e uno sti­pen­dio che gli per­met­te di vive­re sere­na­men­te, quin­di lui può vota­re chi gli pare e sta­rà bene comun­que.

Inve­ce don­ne, stu­den­ti, stra­nie­ri, geni­to­ri, mala­ti, disoc­cu­pa­ti, pre­ca­ri, disa­bi­li, omo­ses­sua­li, non bian­chi, che non pos­so­no vac­ci­nar­si, o chi ha a cuo­re la sere­ni­tà di alme­no una di que­ste cate­go­rie di per­so­ne (noto­ria­men­te quel­li che leg­go­no Costa, giu­sto?) non si pos­so­no per­met­te­re di gio­ca­re col fuo­co.

Ecco, secon­do me que­sta impo­sta­zio­ne fun­zio­na esat­ta­men­te come la cam­pa­gna di Hil­la­ry Clin­ton, ma è appe­na più radi­cal chic, tan­to per esse­re sicu­ri del­la stes­sa disa­stro­sa conclusione.

Poi, a fron­te del­le doman­de e con­te­sta­zio­ni dei com­men­ta­to­ri, Costa scri­ve un secon­do post, dove emer­ge chia­ra­men­te la vera natu­ra del suo inter­ven­to: bana­le pro­pa­gan­da elet­to­ra­le.

Vor­reb­be vota­re la sini­stra vera ma secon­do lui non c’è, quin­di si lan­cia in una cri­ti­ca di Libe­ri e Ugua­li che sem­bra tra­scrit­ta dal­la cam­pa­gna di Ren­zi del­le pri­ma­rie 2012 con­tro Bersani.

In più, a con­fer­ma del­le sue tesi, lin­ka scor­ret­ta­men­te un pez­zo nostro che c’en­tra come i cavo­li a meren­da, e chis­sà che non gli vada di tra­ver­so l’o­li­va del Mar­ti­ni, men­tre inse­gna ai pove­ry come devo­no vota­re dal suo pun­to di vista dichia­ra­ta­men­te privilegiato.

Scher­zo dài, non ce l’ho con Costa, ma con le sue tesi.

Entria­mo nel meri­to, scen­den­do dal pero dei mas­si­mi siste­mi e del­la pre­sun­ta uni­ca clas­se diri­gen­te in campo.

Quin­di mi chie­do, andan­do al sodo, banal­men­te, quan­ti col­le­gi vin­ce­rà il Pd?

Per­ché l’a­na­li­si del voto uti­le (que­sto il vero tema dei post di Costa) è basa­ta sui son­dag­gi, giu­sto? E chi ci dice che LeU sia così indie­tro rispet­to al Pd?

Che i bolo­gne­si vote­ran­no Casi­ni (a pro­po­si­to, gli ulti­mi son­dag­gi leci­ti dava­no in cla­mo­ro­so van­tag­gio Erra­ni nel suo col­le­gio uni­no­mi­na­le) e i lom­bar­di vote­ran­no gli uomi­ni di For­mi­go­ni? O i mode­ne­si la Loren­zin? O i bol­za­ni­ni Boschi? O al Sud la clas­se diri­gen­te di De Luca? E così via, da Pai­ta a Geno­va ad altre can­di­da­tu­re già vin­cen­ti. I son­dag­gi dico­no che il Pd è intor­no al 20%, quin­di di col­le­gi ne vin­ce­rà pochis­si­mi, qua­si nes­su­no. E for­se la col­pa è del Pd e di chi l’ha soste­nu­to e fa smac­ca­ta­men­te cam­pa­gna elet­to­ra­le anche ora, sen­za fare una pie­ga, con l’u­ni­co argo­men­to che se vin­co­no gli altri chis­sà cosa acca­de. Noi sap­pia­mo che cosa è acca­du­to con il Pd. Ed è sufficiente.

Ma il pas­sag­gio che lo stes­so Costa smen­ti­sce con il suo secon­do post, attac­can­do dichia­ra­ta­men­te LeU, è che non è vero che non ci sia una clas­se diri­gen­te alter­na­ti­va a quel­la fal­li­men­ta­re che gira intor­no al PD.

Facen­do qual­che esem­pio a caso, vuo­le for­se dir­ci che Ros­sel­la Muro­ni, pre­si­den­te di Legam­bien­te fino a ieri l’altro, non fareb­be meglio del com­mer­cia­li­sta che tutt’ora reg­ge il mini­ste­ro dell’Ambiente?

O che Lau­ra Bol­dri­ni, la but­to lì, agli Este­ri, non fareb­be meglio di Ange­li­no Alfa­no?

Il cur­ri­cu­lum di Ber­sa­ni da mini­stro ce lo sia­mo dimenticati?

Per­si­no io farei meglio di Orlan­do alla Giu­sti­zia, e que­sto signi­fi­ca che, visto che ci sono cen­ti­na­ia di per­so­ne più com­pe­ten­ti di me in mate­ria, lo sono anche di lui.

Spe­ran­za, Fra­to­ian­ni e Civa­ti, segre­ta­ri di tre par­ti­ti, non sono clas­se dirigente?

Pie­tro Gras­so non è una figu­ra abba­stan­za istituzionale?

Il vero sen­so del post è che la clas­se diri­gen­te alter­na­ti­va c’è ecco­me, solo che a Costa non pia­ce per nien­te, e rivor­reb­be gli inca­pa­ci.

Altro argo­men­to ine­si­sten­te riguar­da la pre­sun­ta natu­ra di LeU come car­tel­lo elettorale.

Ricor­do a Costa che LeU è una lista, non una coa­li­zio­ne che com­pren­de le destre di Loren­zin e (spia­ce) di Boni­no, ha un solo pro­gram­ma e non ne ha quat­tro discor­dan­ti fra loro, ha un’unica lista, maga­ri imper­fet­ta, ma chiara.

E che ci sia­no tre com­po­nen­ti (più un note­vo­le appor­to di asso­cia­zio­ni e socie­tà civi­le che nel PD è com­ple­ta­men­te assen­te, al net­to di qual­che can­di­da­to media­ti­co) è un altro pun­to di chia­rez­za e tra­spa­ren­za, anche nel­la discus­sio­ne, per­ché tut­ti san­no che nel PD ci sono più cor­ren­ti che nell’Oceano Atlan­ti­co, che non risul­ta abbia­no orga­ni demo­cra­ti­ca­men­te elet­ti e che inve­ce pare fun­zio­ni­no come satra­pie per­sia­ne, ret­te da tan­ti pic­co­li auto­no­mi capet­ti, con un cli­ma inter­no mol­to simi­le alla cor­te dei Borgia.

Mi sto dilun­gan­do, scusate.

Lo slo­gan di Civa­ti è “sia­te libe­ri”, per­ché il voto è lar­ga­men­te pro­por­zio­na­le, non but­ta­te via due ter­zi per pren­der­ne uno, che poi rischia­te di per­de­re comunque.

Vota­te quel che vi pia­ce, se pen­sa­te che ci sia, non sie­te costret­ti a vota­re quel che non vi pia­ce, per­ché solo votan­do quel che vi pia­ce, nono­stan­te que­sta leg­ge elet­to­ra­le, lo ren­de­re­te for­te ma soprat­tut­to miglio­re.

Si chia­ma demo­cra­zia.

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Ci vediamo a Roma, il 23 e 24 ottobre, Largo Venue, con la nostra Scuola di Politica. Non abbiamo mai smesso di studiare, ma ora torniamo a farlo tutti e tutte insieme, di persona, finalmente.
Mentre sono sicura che si potrà fare a meno di benzina per qualche giorno (il benzinaio più vicino mi ha detto di riprovare lunedì o martedì), o dell’acqua sugli scaffali dei supermercati, o mangiare qualche verdura in meno per adesso, la situazione diventerà ancora più insostenibile per i diritti di chi lavora in questi settori e di conseguenza per l’intero paese, che, nel frattempo, raziona anche un dibattito profondo sull’impatto della Brexit.