QUADERNI

Negli ulti­mi anni con Pos­si­bi­le ed Euro­pa Pos­si­bi­le abbia­mo soste­nu­to varie ini­zia­ti­ve pro­mos­se da orga­niz­za­zio­ni del­la socie­tà civi­le, come il Movi­men­to Fede­ra­li­sta Euro­peo, per por­ta­re avan­ti que­sto pro­get­to di rifor­ma neces­sa­rio per costrui­re un pre­sen­te ed un futu­ro all’insegna del­la soste­ni­bi­li­tà eco­no­mi­ca, socia­le e ambien­ta­le. E soprat­tut­to per raf­for­za­re le fon­da­men­ta del pro­get­to di un’Europa libe­ra e uni­ta, capa­ce di garan­ti­re attra­ver­so il dirit­to e non con la for­za, una pace dura­tu­ra in Euro­pa e nel mondo. 
Non può esser­ci pace se non c’è rispet­to dei dirit­ti uma­ni. Nes­sun luo­go al mon­do può dir­si sicu­ro, fin­ché non ci saran­no pace e giu­sti­zia in Palestina. 
Il Medi­ter­ra­neo que­st’an­no ha visto pro­ba­bil­men­te più mor­ti in mare di quan­te ne sia­no mai avve­nu­te pri­ma. Le per­so­ne con­ti­nua­no a mori­re nel deser­to del Saha­ra, nei lager libi­ci o per­cor­ren­do la rot­ta balcanica. 
Ormai sia­mo abi­tua­ti a leg­ge­re le dichia­ra­zio­ni dei poli­ti­ci nei momen­ti di cri­si. Si pon­go­no, sot­to i riflet­to­ri, a fian­co di qual­cu­no, che sia una per­so­na fisi­ca, una popo­la­zio­ne, uno Sta­to sovra­no, “sen­za se e sen­za ma”. 
Tut­ta la poli­ti­ca mon­dia­le deve sen­tir­si sul­le spal­le la respon­sa­bi­li­tà degli attac­chi di oggi. Lavo­ra­re per la pace signi­fi­ca lavo­ra­re per la giu­sti­zia, per la fine dell’occupazione e del­le atro­ci­tà rap­pre­sen­ta­te in tut­ta la loro dram­ma­ti­ca evi­den­za negli stes­si rap­por­ti dell’ONU, che la comu­ni­tà inter­na­zio­na­le rappresenta. 
Rac­con­ta­ci anche tu la tua espe­rien­za per aiu­tar­ci a svi­lup­pa­re pro­po­ste di miglio­ra­men­to del­la nor­ma­ti­va! Scri­vi­ci pure un mes­sag­gio pri­va­to sui social oppu­re via email all’in­di­riz­zo europa@possibile.com.
Di fron­te a que­sta situa­zio­ne la richie­sta di una solu­zio­ne diplo­ma­ti­ca al con­flit­to non è solo figlia di un approc­cio geo­po­li­ti­co che ripu­dia la guer­ra, ma anche l’unica rispo­sta pra­ti­ca a un pro­ble­ma di gra­vi­tà stra­zian­te. Di fron­te a una guer­ra che non può esse­re vin­ta da nes­sun lato le opzio­ni sono due: com­bat­te­re all’infinito o far tace­re le armi, sap­pia­mo da che par­te stare.