Il lavoro culturale tra scioperi e precariato, dal Colosseo alla Valle Camonica

Il Ministero della Cultura, da anni, per tamponare la cronica mancanza di investimenti e assunzioni, permette si deleghi a bandi di gara con il principio del massimo ribasso: una pratica che permette a cooperative di partecipare promettendo un costo enormemente più basso di quello che spenderebbe il Ministero a fronte dell'erogazione dello stesso servizio.

Negli ulti­mi mesi, nono­stan­te la poca visi­bi­li­tà media­ti­ca, lavo­ra­tri­ci e lavo­ra­to­ri dei ser­vi­zi ester­na­liz­za­ti del­la cul­tu­ra han­no scio­pe­ra­to in più occa­sio­ni. In qua­si ogni regio­ne (soprat­tut­to Lazio, Cam­pa­nia e Lom­bar­dia) sono sta­te orga­niz­za­te mani­fe­sta­zio­ni che han­no sot­to­li­nea­to due aspet­ti: la spac­ca­tu­ra tra le diver­se con­di­zio­ni di lavo­ro anche nel­lo stes­so luo­go – tra chi è dipen­den­te del mini­ste­ro e chi è ester­na­le – e l’in­ter­ru­zio­ne di ser­vi­zio alla cit­ta­di­nan­za a cau­sa del­la cro­ni­ca man­can­za di per­so­na­le. Que­sta situa­zio­ne non riguar­da solo l’ac­ces­so a una mostra di gri­do nel cen­tro di Mila­no o di Roma, ma tut­ta la peni­so­la: archi­vi, tea­tri, musei, siti archeo­lo­gi­ci, par­chi natu­ra­li. Come per quan­to riguar­da gli scio­pe­ri per il cli­ma e dei tra­spor­ti, il disa­gio del­l’u­ten­za vie­ne appal­ta­to solo ed esclu­si­va­men­te al per­so­na­le scio­pe­ran­te, e non al siste­ma di cir­co­lo che costrin­ge le per­so­ne a vive­re in siste­mi iper­pre­ca­riz­za­ti e con sala­ri da fame.

Nel caso del­lo scio­pe­ro dei dipen­den­ti del Colos­seo di qual­che anno fa, si è attri­bui­ta alla dire­zio­ne l’in­ca­pa­ci­tà di pre­ve­de­re scio­pe­ri e riu­nio­ni del per­so­na­le, lascian­do sco­per­to il tur­no di cas­sa. L’i­dea stes­sa che le per­so­ne lavo­ra­tri­ci pos­sa­no inter­rom­pe­re la loro man­sio­ne, e quin­di non accon­ten­ta­re i turi­sti pagan­ti, è let­te­ral­men­te luna­re per i mini­stri del­la Cul­tu­ra, che han­no inve­ce ocu­la­ta­men­te par­te­ci­pa­to allo stroz­zo del siste­ma: inter­rom­pe­re il ser­vi­zio per qual­che ora è per loro un vero e pro­prio rea­to di lesa maestà.

Le ulti­me, solo in ordi­ne di tem­po, sono sta­te le per­so­ne alle dipen­den­ze del museo del Nove­cen­to (Mila­no, Piaz­za Duo­mo) assun­te come per­so­na­le ester­na­liz­za­to, e le cosid­det­te masche­re del tea­tro La Sca­la (Mila­no, piaz­za del­la Sca­la), con la con­se­guen­te agi­ta­zio­ne del sin­da­co Sala e del diret­to­re del tea­tro per il rischio che la pri­ma del­la Sca­la pos­sa sal­ta­re. Due mon­di diver­si, stes­se riven­di­ca­zio­ni: sala­ri trop­po bas­si, pre­ca­riz­za­zio­ne, scle­ro­tiz­za­zio­ne del­la vita lavo­ra­ti­va in con­te­sti che, se non sono di diret­ta dipen­den­za del Mini­ste­ro del­la Cul­tu­ra, han­no un’o­cu­la­ta inser­zio­ne di pri­va­to che avreb­be dovu­to miglio­ra­re le cose, e dove si sta attuan­do un sin­cre­ti­smo tra lavo­ra­tri­ci e lavo­ra­to­ri. Colo­ro che han­no più tute­le mani­fe­sta­no, come è suc­ces­so que­st’e­sta­te sem­pre a Mila­no davan­ti a un muto Palaz­zo Mari­no, anche a nome di chi non ne ha e non se la sen­te di scen­de­re a mani­fe­sta­re per­ché teme riper­cus­sio­ni sul posto di lavoro.

Riper­cus­sio­ni sul pro­ba­bi­le rin­no­vo. Per scen­de­re a mani­fe­sta­re e scio­pe­ra­re. Pro­ba­bi­le rinnovo.

Per­ché suc­ce­de que­sto? Per­ché il Mini­ste­ro del­la Cul­tu­ra, da anni, per tam­po­na­re la cro­ni­ca man­can­za di inve­sti­men­ti e assun­zio­ni, per­met­te si dele­ghi a ban­di di gara con il prin­ci­pio del mas­si­mo ribas­so: una pra­ti­ca che per­met­te a coo­pe­ra­ti­ve di par­te­ci­pa­re pro­met­ten­do un costo enor­me­men­te più bas­so di quel­lo che spen­de­reb­be il Mini­ste­ro a fron­te del­l’e­ro­ga­zio­ne del­lo stes­so ser­vi­zio. Il mec­ca­ni­smo ormai è ben noto nel­le gare di appal­to in edi­li­zia, soprat­tut­to per la ten­den­za poi alla spe­sa a gon­fiar­si fino alla decu­pli­ca­zio­ne del­le spe­se, meno in con­te­sti cul­tu­ra­li poi­ché tec­ni­ca­men­te esi­ste una for­ma con­trat­tua­le da appli­ca­re (il famo­so feder­cul­tu­re), ma che spes­so vie­ne igno­ra­to a favo­re di ver­go­gno­si con­trat­ti come l’or­mai cele­ber­ri­mo Vigi­lan­za pri­va­ta e ser­vi­zi fidu­cia­ri, che non è inde­cen­te solo per i musei, è inde­cen­te, pun­to, pen­sa­re che una per­so­na adul­ta pos­sa cavar­se­la con € 4/ ora.

Altre situa­zio­ni? Nel baci­no dei mestie­ri cul­tu­ra­li c’è l’im­ba­raz­zo del­la scel­ta e del­le com­bi­na­zio­ni di disa­gio pos­si­bi­li. Musei, siti archeo­lo­gi­ci, par­chi natu­ra­li, (il mini­ste­ro del­la cul­tu­ra dovreb­be tute­la­re il pae­sag­gio. Dovreb­be), archi­vi, biblio­te­che, pina­co­te­che, tea­tri, giu­sto per par­la­re dei patri­mo­nio pas­sa­to da tute­la­re, comu­ni­ca­re, con­ser­va­re. Edi­to­ria, arti per­for­ma­ti­ve, gra­fi­che, ricer­ca, arti pla­sti­che, arti deco­ra­ti­ve, cine­ma: la loro pro­du­zio­ne, comu­ni­ca­zio­ne e frui­zio­ne. Le gui­de turi­sti­che, gli insegnanti.
A que­sto, anzi­ché appli­ca­re i con­trat­ti già in esse­re, o il feder­cul­tu­re, si ha un ven­ta­glio di scel­te degra­dan­ti: sta­gi­smo, ser­vi­zio civi­le, vigi­lan­za pri­va­ta, vou­cher, alter­nan­za scuo­la lavo­ro, co.co.co., fin­te p.iva, rite­nu­te d’ac­con­to, a chia­ma­ta, abu­so di volon­ta­ria­to – e non tut­ti gra­tis. La situa­zio­ne non cam­bia nem­me­no nel pano­ra­ma del­le pro­fes­sio­na­li­tà indi­pen­den­ti, che devo­no misu­rar­si con paga­men­ti a 90 gior­ni da inse­gui­re, costri­zio­ne ad apri­re par­ti­te iva pre­co­ci, gho­sting, man­can­za del rispet­to dei mini­mi con­trat­tua­li già pattuiti.

Un esem­pio lam­pan­te di que­sto siste­ma è dato dal­l’e­spe­rien­za del­le lavo­ra­tri­ci e dei lavo­ra­to­ri ester­ni dei siti archeo­lo­gi­ci del­la Val­le Camo­ni­ca, che da anni stan­no ten­tan­do una stre­nua dife­sa del loro lavoro.

LA VALLE CAMONICA
I graf­fi­ti rupe­stri pre­i­sto­ri­ci del­la Val­le Camo­ni­ca sono sta­ti il pri­mo sito UNESCO nomi­na­to in Ita­lia nel 1979.

Que­sta nomi­na all’e­po­ca destò scal­po­re e scan­da­lo, poi­ché il pri­mo sito ita­lia­no indi­vi­dua­to non era né magno­gre­co né di civil­tà roma­na, ma ano­ni­me inci­sio­ni inca­sto­na­te nel­le Alpi a ope­ra di una suc­ces­sio­ne di popo­la­zio­ni che, alla fine, die­de­ro parec­chia bat­ta­glia a Roma stes­sa: la Val­le Camo­ni­ca fu “paci­fi­ca­ta” pochi decen­ni dopo che Cesa­re sbar­cò in Britannia.

Se si gri­das­se però con metà di que­sta ver­ve allo scan­da­lo per­ché le per­so­ne che lavo­ra­no in que­sti siti han­no una situa­zio­ne lavo­ra­ti­va pre­ca­ria, metà dei pro­ble­mi for­se sareb­be­ro già risolti.
Que­sto acca­de per una situa­zio­ne par­ti­co­la­re del siste­ma in Lom­bar­dia, dove vi è neces­si­tà di per­so­na­le ester­no a quel­lo diret­ta­men­te assun­to per per­met­te­re al sito, museo, par­co di resta­re aper­to. Si trat­ta spe­ci­fi­ca­ta­men­te del­le man­sio­ni di acco­glien­za e vigi­lan­za, e per cui il con­trat­to feder­cul­tu­re è quel­lo indi­ca­to per tut­ti i ser­vi­zi pub­bli­ci ester­ni dei set­to­ri di cul­tu­ra, turi­smo, sport e tem­po libero.

Il livel­lo più bas­so del feder­cul­tu­re sareb­be di € 8,62 lordi.
Il vigi­lan­za pri­va­ta e ser­vi­zi fidu­cia­ri, come det­to, è la metà circa.

Ci sono per­so­ne che lavo­ra­no nei musei e nei par­chi archeo­lo­gi­ci ita­lia­ni che per­ce­pi­sco­no tra i 3 e i 5 euro l’o­ra: sono le per­so­ne all’ac­co­glien­za, in cas­sa, nel book­shop, nel­le sale e per l’a­rea in sor­ve­glian­za, distri­bu­zio­ne audio­gui­de /radio /visori, puli­zie, pun­to infor­ma­zio­ne, guar­da­ro­ba, didat­ti­ca, gui­da, custo­dia, custo­mer care. Ogni per­so­na che incon­tra­te, nei siti cul­tu­ra­li, che non è comu­na­le o mini­ste­ria­le, è poten­zial­men­te una per­so­na sot­to­pa­ga­ta, pre­ca­ria, ricat­ta­ta in un siste­ma che dele­ga alle coo­pe­ra­ti­ve e ad azien­de pri­va­te o peg­gio: il ricor­so al volon­ta­ria­to. Pochi mesi fa infat­ti anche il comu­ne di Mila­no ha ema­na­to un ban­do per la ricer­ca per man­sio­ni musea­li a tito­lo gra­tui­to, poi modi­fi­ca­to inse­gui­to a proteste.

Il ricor­so a per­so­na­le ester­no, pro­prio per­ché il mini­ste­ro non prov­ve­de a inve­sti­men­ti e assun­zio­ni ade­gua­te, diven­ta quin­di sem­pre più neces­sa­rio per tap­pa­re le varie esi­gen­ze a cau­sa del­la man­can­za cro­ni­ca di per­so­na­le, poi­ché la strut­tu­ra deve comun­que esse­re aper­ta ed effi­cien­te. Ma come fun­zio­na que­sto siste­ma, soprat­tut­to nel caso del­la Lom­bar­dia e del­la sto­ria del­la Val­le Camonica?

Le coo­pe­ra­ti­ve par­te­ci­pa­no ai ban­di rin­no­van­ti ema­na­ti dal mini­ste­ro stes­so; que­ste par­te­ci­pa­zio­ni sono del tut­to ano­ni­me e in busta chiusa.
La strut­tu­ra sce­glie, tra le pro­po­ste, quel­la che esi­bi­sce l’of­fer­ta più van­tag­gio­sa: per que­sto il mas­si­mo ribas­so è con­si­de­ra­to un otti­mo stru­men­to, a fron­te del­l’in­ca­pa­ci­tà rea­le poi di for­ni­re dav­ve­ro il ser­vi­zio pro­mes­so. Pro­met­te­re che avrai tut­ti i tur­ni coper­ti pagan­do le per­so­ne 3 euro pri­ma o poi ti por­ta a scon­trar­ti con la real­tà che non sarà pos­si­bi­le. Inol­tre, la man­can­za cro­ni­ca di per­so­na­le sta­ta­le ren­de neces­sa­ria la pre­sen­za del per­so­na­le esterno.

Nel caso spe­ci­fi­co del­la Lom­bar­dia, l’en­te di rife­ri­men­to è la Dire­zio­ne Regio­na­le Musei Lom­bar­dia. In Val­le Camo­ni­ca le real­tà sono tre:

  • Par­co Nazio­na­le del­le Inci­sio­ni Rupe­stri (loca­li­tà Naqua­ne, Capo di Ponte).
  • Museo Nazio­na­le del­le Pre­i­sto­ria del­la Val­le Camo­ni­ca (MuPre) (Capo di Ponte).
  • Museo Archeo­lo­gi­co Nazio­na­le del­la Val­le Camo­ni­ca (Civi­da­te Camuno).

In que­sti tre siti, da otto anni, le per­so­ne sono lavo­ra­to­ri ester­ni. Alcu­ni di que­sti sono a tem­po inde­ter­mi­na­to, ma solo per­ché le coo­pe­ra­ti­ve han­no l’ob­bli­go di assorbirli.

All’i­ni­zio la situa­zio­ne con­trat­tua­li­sti­ca era del tut­to ina­de­gua­ta, come il fami­ge­ra­to vigi­lan­za pri­va­ta e ser­vi­zi fidu­cia­ri (pen­sa­to per ser­vi­zi di por­ti­ne­ria, comun­que una paga da fame). Ina­de­gua­ta sia nel­la for­ma – come det­to, si dovreb­be appli­ca­re il Feder­cul­tu­re – che nel­la sostan­za poi­ché il lor­do è di € 5,37/Ora.

Nel 2022 la dit­ta vin­ci­tri­ce del­l’ap­pal­to per le real­tà cul­tu­ra­li in esa­me del­la Val Camo­ni­ca è risul­ta­ta la COSMOPOL di Avel­li­no, con un ribas­so del 33% sul­la base d’a­sta. La dit­ta stes­sa ha inol­tre insi­sti­to per­ché fos­se fir­ma­to un con­trat­to peg­gio­re del pre­ce­den­te in una situa­zio­ne disagevole.

Le lavo­ra­tri­ci e i lavo­ra­to­ri han­no inau­gu­ra­to una com­ples­sa e impe­gna­ti­va con­trat­ta­zio­ne sin­da­ca­le, che ha por­ta­to anche alla chiu­su­ra dei siti, ma ha otte­nu­to un pic­co­lo aumen­to del­la retri­bu­zio­ne ora­ria (salen­do a € 6,25/ora), ma lascian­do inva­ria­to l’inquadramento.
Se Cosmo­pol suo­na fami­lia­re, è per­ché è la stes­sa che in ago­sto ’23 è sta­ta com­mis­sa­ria­ta dal GIP di Mila­no per ipo­te­si di capo­ra­la­to e sti­pen­di sot­to la soglia di pover­tà nel­l’ap­pli­ca­zio­ne del­la vigi­lan­za pri­va­ta.

Que­sta situa­zio­ne sareb­be già straor­di­na­ria­men­te assur­da in regi­me di libe­ra impre­sa, ma biso­gna con­si­de­ra­re il peri­me­tro mini­ste­ria­le in cui ci si muo­ve: lo Sta­to e la cul­tu­ra, che scle­ro­tiz­za la pre­ca­riz­za­zio­ne e le situa­zio­ni lavo­ra­ti­ve poi­ché non sono cro­ni­ca­men­te in gra­do di pro­gram­ma­re sta­gio­nal­men­te i tur­ni. Viag­gia­no a brac­cio da una set­ti­ma­na all’al­tra, sen­za nes­su­na comu­ni­ca­zio­ne e agen­do con sca­ri­ca­ba­ri­le tra l’en­te e l’a­zien­da, in un momen­to in cui i beni cul­tu­ra­li ormai con­ta­no sem­pre più sui ser­vi­zi ester­ni. Que­sta improv­vi­sa man­can­za di pro­gram­ma­zio­ne è piut­to­sto assur­da, se si con­si­de­ra che non stia­mo par­lan­do di un’a­zien­da che deve far qua­dra­re i con­ti, ma soprat­tut­to che i siti cul­tu­ra­li non han­no aper­to ieri e che la mis­sio­ne è, appun­to, esse­re aper­ti tut­ti i gior­ni del­l’an­no, con o sen­za pub­bli­co. Non “saper pro­gram­ma­re” non è accet­ta­bi­le per un’a­zien­da pri­va­ta, che sareb­be desti­na­ta alla chiu­su­ra, né dal­lo Sta­to, poi­ché deve garan­ti­re il servizio.
Di con­tro, in que­sti anni in cui lavo­ra­tri­ci e lavo­ra­to­ri han­no alza­to la testa e si sono orga­niz­za­ti, da otto­bre di que­st’an­no la dire­zio­ne ha deci­so di chiu­de­re, sen­za comu­ni­ca­zio­ne alcu­na a dipen­den­ti e alla cit­ta­di­nan­za, i siti nel pome­rig­gio. Le chiu­su­re pome­ri­dia­ne pri­va­no di net­to di tur­ni inte­ri di lavo­ro i dipen­den­ti, oltre a dimi­nui­re dra­sti­ca­men­te gli ora­ri di frui­zio­ne al pub­bli­co: un par­co che in autun­no chiu­de alle 14 si ren­de di fat­to infrequentabile.

Da que­sta espe­rien­za è nato il Col­let­ti­vo 5,37, che riu­ni­sce dipen­den­ti, atti­vi­sti e per­so­ne comu­ni inte­res­sa­te al tema, aper­to a rifles­sio­ni. Dal col­let­ti­vo stes­so è nata anche una mostra fotografica.

Il per­so­na­le ester­no dei siti archeo­lo­gi­ci del­la Val­le Camo­ni­ca ha del­le richieste:

  1. Occor­re che nel pros­si­mo capi­to­la­to la Dire­zio­ne Regio­na­le Musei Lom­bar­dia inse­ri­sca il Feder­cul­tu­re come con­trat­to di riferimento;
  2. Che si pre­ve­da una pro­gram­ma­zio­ne dei tur­ni annua­li o seme­stra­li per poter dare sta­bi­li­tà a quan­ti lavo­ra­to­ri sono da anni impe­gna­ti nel garan­ti­re l’a­per­tu­ra dei siti.
  3. L’o­biet­ti­vo fina­le resta l’inter­na­liz­za­zio­ne: sono anni che que­ste per­so­ne lavo­ra­no sot­to la soglia dei € 6/ora, per­so­ne già for­ma­te che manu­ten­go­no un sito cul­tu­ra­le affi­da­to allo Sta­to nel­le sue ema­na­zio­ni. Il per­so­na­le inter­no sta diven­tan­do sem­pre più caren­te nume­ri­ca­men­te par­lan­do. Obiet­ti­vi asso­lu­ta­men­te con­di­vi­si­bi­li per ogni per­so­na che è impie­ga­ta all’in­ter­no di un sito cul­tu­ra­le in manie­ra pre­ca­ria e traballante.

Con­ti­nua…

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.

Risultati del Congresso 2024 di Possibile

Si pro­cla­ma Fran­ce­sca Druet­ti la nuo­va Segre­ta­ria di Pos­si­bi­le, e si inse­dia­no nei rin­no­va­ti Comi­ta­ti orga­niz­za­ti­vo e scien­ti­fi­co le per­so­ne nel­le liste a suo sostegno.