Mettiamoci al lavoro #nelmerito sul lavoro (con o senza referendum)

Possibile - a partire dal suo Comitato scientifico - è pronto a lanciare un focus di approfondimento, comunicazione e mobilitazione sulla questione, fin da ora, accompagnando con precise informazioni, denunce puntuali e, come si suol dire, gli opportuni chiarimenti la campagna referendaria e, in ogni caso, politica.

La Con­sul­ta deci­de­rà doma­ni, 11 gen­na­io, se ammet­te­re i que­si­ti refe­ren­da­ri su cui Cgil ha rac­col­to le fir­me nel cor­so del 2016. Un giu­di­zio di ammis­si­bi­li­tà che non sarà affat­to pri­vo di stret­to­ie.

I que­si­ti ripren­do­no in par­te quel­li pro­mos­si da Pos­si­bi­le nel­l’e­sta­te del 2015, su cui ave­va­mo chia­ma­to alla mobi­li­ta­zio­ne, come ricorderete.

Ora, con o sen­za refe­ren­dum, è venu­to il momen­to di pre­pa­ra­re, come già per il refe­ren­dum costi­tu­zio­na­le, sot­to la gui­da pre­zio­sa di Andrea Per­ti­ci, un lavo­ro #nel­me­ri­to sul­le poli­ti­che del lavo­ro.

Per spie­ga­re di che cosa si trat­ta, qua­li sono i dati rea­li, qua­li le pos­si­bi­li solu­zio­ni, qua­li i risvol­ti del­la even­tua­le cam­pa­gna referendaria.

Con ma anche sen­za refe­ren­dum, Pos­si­bi­le — a par­ti­re dal suo Comi­ta­to scien­ti­fi­co — è pron­to a lan­cia­re un focus di appro­fon­di­men­to, comu­ni­ca­zio­ne e mobi­li­ta­zio­ne sul­la que­stio­ne, fin da ora, accom­pa­gnan­do con pre­ci­se infor­ma­zio­ni, denun­ce pun­tua­li e, come si suol dire, gli oppor­tu­ni chia­ri­men­ti la cam­pa­gna refe­ren­da­ria e, in ogni caso, politica.

Nei mesi scor­si, gra­zie al con­tri­bu­to fon­da­men­ta­le di Davi­de Sera­fin e Danie­la Min­net­ti, abbia­mo get­ta­to le basi di que­sto lavo­ro, attra­ver­so ana­li­si pun­tua­li sia dei dati e dei trend occu­pa­zio­na­li, sia dei prin­ci­pa­li prov­ve­di­men­ti nor­ma­ti­vi, con una par­ti­co­la­re atten­zio­ne (e in tem­pi non sospet­ti) a tut­to quel­lo che riguar­da­va i vou­cher, alla lot­ta alla pover­tà e agli effet­ti che le poli­ti­che del gover­no han­no avu­to sul­la giu­sti­zia socia­le, amplian­do i diva­ri e le frat­tu­re inter­ne alla nostra socie­tà.

E non ci sia­mo fer­ma­ti qui. Abbia­mo cer­ca­to di inda­ga­re anche nel­la quo­ti­dia­ni­tà del­le gio­va­ni e dei gio­va­ni pre­ca­ri, facen­do­ci rac­con­ta­re. Met­ten­do­ci in ascol­to. Ci han­no scrit­to, ci ave­te scrit­to. Ales­san­dro, nel dicem­bre 2015, per denun­cia­re già allo­ra le stor­tu­re cau­sa­te dal­la libe­ra­liz­za­zio­ne dei vou­cherJale, per rac­con­tar­ci di offer­te di lavo­ro del tut­to fuo­ri mer­ca­to, per ammis­sio­ne stes­sa del dato­re; Gine­vra (un nome di fan­ta­sia), che a cau­sa del­l’e­stre­ma pre­ca­rie­tà lavo­ra­ti­va lasce­rà nuo­va­men­te l’I­ta­lia. E così via.

Chi vuo­le par­te­ci­pa­re, chi vuol stu­dia­re e ragio­na­re insie­me a noi sugli stru­men­ti che la poli­ti­ca deve met­te­re in cam­po, chi vuo­le rac­con­tar­ci la pro­pria sto­ria, può far­lo scri­ven­do a [email protected].

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il dare una pacca sul sedere a una donna non è percepito dalla maggioranza dell’opinione pubblica, e intendo non solo maschile, come una cosa grave, come un reato, ma solo, al massimo, come una sciocchezza, uno scherzo, un piccolo, insignificante, errore in una carriera di vita immacolata.