Il lavoro ai tempi del jobs act e delle dichiarazioni di Poletti

Per spiegare il precariato giovanile ai tempi delle dichiarazioni beffarde di Poletti, non bisogna esser esperti del lavoro, ricercatori esperti nella materia, ma basta farne esperienza sulla propria pelle.

A segui­to del­la pub­bli­ca­zio­ne del­la let­te­ra di Gine­vra, vi pro­po­nia­mo un’ul­te­rio­re testi­mo­nian­za di un’al­tra gio­va­ne don­na alla ricer­ca di lavo­ro che ci ha scritto.

Quan­do anco­ra non ave­vo una per­ce­zio­ne effet­ti­va del mon­do del lavo­ro e del­la ricer­ca in Ita­lia, non ero per nien­te con­sa­pe­vo­le di cosa fos­se il pre­ca­ria­to impo­sto dal­la rifor­ma del lavo­ro, dal­le pre­sta­zio­ni ripa­ga­te coi vou­cher e con la pau­ra di per­de­re anche un mini­mo di entra­ta men­si­le, in gra­do, se tut­to va bene, di per­met­ter­ti di paga­re l’affitto.

Per spie­ga­re il pre­ca­ria­to gio­va­ni­le ai tem­pi del­le dichia­ra­zio­ni bef­far­de di Polet­ti, non biso­gna esser esper­ti del lavo­ro, ricer­ca­to­ri esper­ti nel­la mate­ria, ma basta far­ne espe­rien­za sul­la pro­pria pel­le.

L’esperienza del pre­ca­ria­to gio­va­ni­le in Ita­lia par­te dal­la ricer­ca di un lavo­ro nel pri­va­to. Dopo due lau­ree, cer­ti­fi­ca­zio­ni di lin­gua, sta­ge all’estero ed espe­rien­ze abba­stan­za sod­di­sfa­cen­ti nell’ambito del­la comu­ni­ca­zio­ne e del gior­na­li­smo onli­ne, pen­si che non sia tan­to dif­fi­ci­le tro­va­re un posto di lavo­ro appa­gan­te e ben remu­ne­ra­to. La real­tà, però, per un gio­va­ne ven­ti­cin­quen­ne in Ita­lia, è tutt’altro che rosea.

Dopo diver­si ten­ta­ti­vi di can­di­da­tu­ra per sva­ria­ti lavo­ri nel cam­po del­la comu­ni­ca­zio­ne, dal gior­na­li­smo all’ufficio stam­pa, dal ruo­lo di redat­to­re per una casa edi­tri­ce a quel­lo di copy­w­ri­ter, un bel gior­no arri­va l’email di rispo­sta di un’agenzia di comu­ni­ca­zio­ne di Roma, di cui non fac­cio nome. Sem­bra­no vera­men­te inte­res­sa­ti al mio cur­ri­cu­lum — per una vol­ta! -. Han­no biso­gno di una come me, dico­no, e mi chie­do­no di for­ni­re più indi­ca­zio­ni riguar­do alla mia espe­rien­za all’estero e ai ruo­li ricoperti.

Dopo gior­ni di trat­ta­ti­ve onli­ne arri­va la chia­ma­ta con­clu­si­va, duran­te la qua­le la recrui­ter mi chie­de di pas­sa­re entro poche ore dall’ufficio per siste­ma­re il lato buro­cra­ti­co ed entra­re nel team. Con un misto di scon­cer­to e imba­raz­zo rispon­do che non mi tro­vo a Roma in quel momen­to, non viven­do lì, e che non so anco­ra che tipo di con­trat­to mi stia­no offren­do. Non vor­ran­no mica che io intra­pren­da un viag­gio per fir­ma­re un con­trat­to di lavo­ro di cui non cono­sco i ter­mi­ni e, soprat­tut­to, l’aspetto remunerativo?

La recrui­ter al tele­fo­no cam­bia improv­vi­sa­men­te tono. For­se le sono sfug­gi­te le pri­me righe del mio cur­ri­cu­lum, in cui ho impa­ra­to, per espe­rien­za, a indi­ca­re indi­riz­zo di resi­den­za e di domi­ci­lio. “Come non è qui a Roma? Que­sto è un pro­ble­ma. Noi paghia­mo mas­si­mo 500€ euro al mese per­ché offria­mo con­trat­to di sta­ge, se poi non pos­sie­de una casa qui… Insom­ma, a Roma 500€ non basta­no per vive­re…”.

Non ho una casa di pro­prie­tà a Roma, ma nean­che a Bolo­gna, Pado­va, Mila­no, Vene­zia, cit­tà dal­le qua­li ho rice­vu­to rispo­ste simi­li. Sono nata in Cala­bria e non fac­cio par­te del­la casta che ha a dispo­si­zio­ne più case in giro per l’Italia, né pos­so paga­re inva­no un affit­to in ogni cit­tà in cui cer­co di inse­rir­mi. Rispon­do, quin­di, alla recrui­ter dicen­do­le che pur­trop­po non sono domi­ci­lia­ta a Roma ma che il lavo­ro mi inte­res­sa, non tro­van­do altro da tem­po, e che sono dispo­sta a far­ne anche due insie­me per mantenermi.

Non è pos­si­bi­le, però, svol­ge­re un lavo­ro paral­le­lo a quel­lo di mio inte­res­se, visto che il con­trat­to di sta­ge pre­ve­de un impe­gno full time in agen­zia e dun­que la signo­ra al tele­fo­no mi salu­ta dicen­do­mi “Guar­di, lascia­mo per­de­re, non può vive­re qui con que­sto lavo­ro”.

Una vol­ta ter­mi­na­ta la tele­fo­na­ta, ti chie­di come si pos­sa con­ti­nua­re a far fin­ta di nien­te, che tut­to vada bene, per­ché, tut­to som­ma­to, alla fine qual­co­sa per arran­giar­si si tro­va. Qual­co­sa che spes­so non è quel­lo che avrem­mo sperato.

Toglier­si dai pie­di non è sem­pre faci­le e non deve esse­re una scel­ta det­ta­ta dal­la dispe­ra­zio­ne, ma con­sa­pe­vo­le. I gio­va­ni ita­lia­ni all’estero lo san­no, mini­stro, anche io ci sono sta­ta, l’estero non è l’Eldorado. Spes­so è dif­fi­ci­le inse­rir­si e la buro­cra­zia, sep­pur si trat­ti spes­so di nazio­ni euro­pee, è anco­ra un gran­de osta­co­lo da supe­ra­re. Chi se ne va dall’Italia, però, accet­ta anche di pas­sa­re inte­re gior­na­te die­tro alla buro­cra­zia este­ra per rego­la­riz­za­re resi­den­za, assi­sten­za sani­ta­ria, car­te in rego­la per otte­ne­re una casa, iscri­zio­ni agli uffi­ci di impie­go, anche per anda­re a lava­re i piat­ti di qual­cun altro. Non sono tut­ti gran­di cer­vel­li, ha ragio­ne, ma la tute­la dei lavo­ra­to­ri, geni o medio­cri che sia­no, all’estero non è nega­ta a nessuno.

Jale Far­ro­kh­nia

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

E così il Governo ha deciso di abbassare l’Iva sugli assorbenti femminili al 10%, bene ma non benissimo visto che la misura corretta sarebbe quella del 4%, ma in più viene da chiedersi cosa stiano facendo esattamente i partiti in Parlamento se su una misura di questo tipo arrivano a farsi bagnare il naso da Draghi. Osservazioni simili si potrebbero fare a proposito di eutanasia e cannabis legale, e lo stesso ci si augura accada per la proposta di legge d'iniziativa popolare sul salario minimo su cui Possibile si impegna a raccogliere adesioni.
Dopo molti anni, ben 6 dalla proposta che facemmo con Giuseppe Civati e Possibile, se ne è colto il significato simbolico e però concretissimo. Un passo avanti, sicuramente. Anche se spiace per il tempo perso. E spiace perché l'IVA sugli assorbenti non è ancora al 4%, come quella per i prodotti di prima necessità, com'è giusto che sia. Perché le mestruazioni non sono un lusso. Continueremo a insistere.
Il tempo del bla bla bla è finito e bisogna agire: non c'è più tempo. Infine c’è da cambiare un paradigma e da riscrivere una storia: sembra che le decisioni sul clima le prendano in pochi e in tavoli decisamente ristretti con la presenza delle lobby del carbone. Va completamente ribaltato il tavolo, dando voce e ruolo a chi oggi subisce le conseguenze maggiori di questa crisi socio climatica e ambientale.