Scateniamoci

Liberarsi dalle catene di un dibattito pubblico surreale, a colpi di fake (che tutto, così, sembra un fake).

Liberarsi dai condizionamenti del pensiero unico (pensiero, quale pensiero?) che imbriglia tutto e a cui si reagisce con una negazione uguale e contraria (anzi, contraria e però uguale).

Liberarsi dal trucco per cui l’unico programma è non avere programmi, continuare a cambiarli, mandare messaggi pieni di contraddizioni per parlare a tutti.

Liberarsi dai convegni in cui si parla di se stessi, in una regressione all’infinito di sigle, formule e riti inutili.

Liberarsi dagli equivoci, per cui ci si può alleare anche con chi la pensa diversamente su quasi tutto, in ragione di chissà quale intuizione. E la sinistra fa cose di destra, mai il contrario.

Liberarsi dai compromessi, anche perché tra qualche mese si ripartirà da zero. E le rendite di posizione conteranno molto poco, rispetto alle aspettative che questo Paese ha nei confronti di una politica molto diversa da quella che si è vista fin qui.

Liberarsi dai trucchi dell’incoerenza, per cui si vota contro i Cie per poi tornare ai Cie, per citare soltanto l’ultima giravolta della maggioranza di governo. Che a furia di girarsi e di rigirarsi non si capisce più da che parte stia.

Liberarsi dalle idee a metà, compromissorie fin dalle origini, per mediare in continuazione, fino a rendere irriconoscibili le proposte.

Scatenatevi, scateniamoci. Senza lasciare spazio alle bufale e ai loro autori, senza ingigantire cose piccole e banalizzare problemi reali, senza parlare alla pancia (con la pancia).

Numeri alla mano, in un progetto di società che riguardi l’Italia e l’Europa e il mondo intero, sapendo che l’unica strada è quella di avere un pensiero genuinamente progressista, repubblicano, laico, che abbia respiro, che punti ai prossimi anni, che sappia descrivere un percorso concreto, di scelte limpide e inequivocabili, che costruisca relazioni in Europa con chi condivide gli stessi obiettivi. Che si basi sulle competenze, senza scorciatoie. In modo disinteressato, senza poteri e guru alle spalle.

Se volete, basta un click per iniziare, iscrivendosi a Possibile (per condividere e votare) o registrandosi (per partecipare e rimanere in contatto).

Insieme terremo fede a una sfida “fuori moda” ma solo perché cerchiamo di anticipare una moda che ancora non c’è: dare vita un progetto radicale senza demagogia, senza padroni, senza calcoli di sorta.

[ISCRIVITI]

[RESTA IN CONTATTO]

[LEGGI LE FAQ]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.
Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter. Partecipa anche tu!