sicurezza

#

18 Set: I morti sul lavoro non esistono

Se gli omicidi registrati nei primi sette mesi del 2017 sono stati 208 (rispetto ai 245 di un anno prima), i caduti sul lavoro nello stesso periodo sono stati 591 (rispetto ai 562 dello scorso anno).
#

11 Mag: La dottrina Minniti, parola per parola

Ci troviamo di fronte a un disegno preciso, a una rotta tracciata, che associa migrazioni e sicurezza, come nel nostro paese ha sempre fatto la destra. Una associazione cui l'allora centrosinistra rispondeva in maniera ferma, parlando di inclusione sociale, di gestione dei processi, di supremazia del diritto e dei diritti
#

02 Mag: Niente soldi per la prevenzione: senza cartografia geologica proprio Umbria, Marche e Lazio

Sul rischio sismico e idrogeologico dell'Italia e sulla prevenzione della pubblica incolumità: Ministro Galletti, se non ora il progetto Carg, quando? Sono ben 7 le pagine word che, oggi, il Ministro dell'Ambiente e della tutela del territorio e del mare ha riempito di parole inutili o già note, per rispondere alla mia interrogazione del 27 gennaio 2017 dove ponevo solo una semplice domanda: di conoscere lo stato attuale del progetto Carg e ne chiedevo il suo definitivo completamento.
#

25 Mar: Amo il mio negozio di quartiere: per la sicurezza, la socialità e l’ambiente

Dopo un confronto con associazioni, commercianti e singoli cittadini, abbiamo preaparato una mozione di iniziativa popolare che ha raccolto 400 sottoscrizioni e che non chiedesse semplicemente il blocco di opere già di imminente attuazione ma proponesse una soluzione ai piccoli commercianti e alle botteghe artigianali di quartiere per potersi opporre alla concorrenza degli ipermercati.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
#

20 Mar: Decreto Minniti e “decoro urbano”: il lessico ipocrita di una politica di destra

Con il decreto Minniti, il PD ha dichiarato guerra alla marginalità nascondendola sotto il tappeto: per risolvere i problemi delle aree metropolitane, invece di implementare politiche sociali più incisive, si segue la strada della sanzione amministrativa per chiunque venga ritenuto dannoso per il decoro urbano. L’amministrazione comunale di destra di Trieste dovrà ringraziare Minniti: con gli strumenti giuridici messi in campo con il suo decreto potranno, in tranquillità, continuare a produrre ordinanze discriminatorie in nome del decoro.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
#

09 Mar: La sicurezza secondo il ministro Minniti

Con le sanzioni amministrative contro senza fissa dimora, immigrati, persone in situazione di disagio sociale ed economico, tossicodipendenti in nome della sicurezza e del decoro urbano si colpiscono i poveri ma non le cause della povertà. Viene da chiedersi poi con quale presunzione di efficacia.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
#

15 Nov: Sicurezza e stranieri: o c’entrano o non c’entrano

Michele Ainis, stimatissimo costituzionalista (lo stimo molto, davvero, anche personalmente), ci offre su Repubblica di oggi una riflessione riguardante la triangolazione tra stato di diritto, immigrazione e sicurezza. Il punto di partenza è quello che definisce “un fiume in piena”, e cioè l’arrivo di cittadini stranieri che sarebbe decuplicato negli ultimi 25 anni. Il dato ha un suo fondamento, ma apre a due enormi osservazioni.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
#

21 Ott: Un anno di pressing di Possibile: il Governo risponde agli appelli del Corpo dei Vigili del fuoco

Lo scorso 11 ottobre, la Camera dei Deputati ha accolto la nostra mozione sulle iniziative a favore del Corpo dei Vigili del Fuoco, per il rinnovo dei contratti, l’adeguamento contributivo e retributivo rispetto agli altri Corpi a ordinamento civile dello Stato italiano, lo sbocco del turn-over e soprattutto la proroga della scadenza (prevista per il 31 dicembre 2016) di un concorso a 814 posti del 2008 per il quale molti ragazzi risultati idonei ancora sperano.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
#

21 Giu: La retromarcia della sinistra che insegue le destre

Passo dopo passo, ordinanza dopo ordinanza, il campo della sinistra – con alcune eccezioni – ha ceduto alla peggiore retorica leghista, naturalmente adottando toni gentili, cortesi e civili, ma senza il coraggio di imporre un proprio pensiero autonomo. Erano gli anni delle ordinanze antikebab e antiphone-center, delle insegne etniche che non vanno bene, e di un sacco di amenità varie.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •