La sicurezza prima di tutto

“La sicurezza prima di tutto”, ovviamente. Soprattutto quando le misure mirano a proteggere le fasce di popolazione più vulnerabili. Ricordando che però la vulnerabilità, come la sicurezza, contiene moltitudini. A partire dalla giustizia sociale. Su cui dovremmo investire almeno altrettante energie di quelle che stiamo concentrando negli sforzi di questi giorni.
safety first

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Nel mez­zo di una situa­zio­ne di emer­gen­za (rea­le, per­ce­pi­ta, ampli­fi­ca­ta che sia), non è for­se super­fluo chie­der­ci cosa inten­dia­mo con una for­mu­la così sem­pli­ce come “safe­ty fir­st”, “la sicu­rez­za pri­ma di tut­to”

La “sicu­rez­za” stes­sa è un ter­mi­ne sci­vo­lo­so, reso tale dall’uso stru­men­ta­le che ne ha fat­to per anni la destra, ma anche dai ten­ta­ti­vi mal­de­stri o in mala­fe­de di chi a sini­stra ha cer­ca­to di riap­pro­priar­se­ne (ter­mi­ne tec­ni­co, chi va alle assem­blee del­la sini­stra che sta sem­pre ripar­ten­do lo sa). L’esempio più lam­pan­te e rela­ti­va­men­te più recen­te sono i “Decre­ti sicu­rez­za” di Sal­vi­ni, indi­stur­ba­ti se non a paro­le dal nuo­vo gover­no col vec­chio pre­mier, che ver­ran­no (for­se) leg­ger­men­te emen­da­ti e che pog­gia­no sull’idea di gestio­ne di immi­gra­zio­ne e ordi­ne pub­bli­co dei decre­ti Min­ni­ti e Min­ni­ti-Orlan­do.

Ma “sicu­rez­za” ha anche un risvol­to eco­no­mi­co, il “posto sicu­ro”, lo “sti­pen­dio sicu­ro”, la sicu­rez­za di arri­va­re a fine mese. Una que­stio­ne che, sem­pre a paro­le, pare esse­re la prio­ri­tà di tut­ti, ma poi sci­vo­la via tra misu­re tam­po­ne, bonus, ammor­tiz­za­to­ri che scor­da­no sem­pre qual­cu­no. Casual­men­te, sem­pre quel­li che ne avreb­be­ro un po’ più biso­gno. Quel­li che han­no più dif­fi­col­tà. Quel­li che, quan­do c’è una cri­si di qual­che tipo, suc­ce­de a tut­ti, ma a loro di più.

Il caso del coro­na­vi­rus ha espo­sto que­sto pro­ble­ma dram­ma­ti­ca­men­te, ma temo non anco­ra abba­stan­za. La salu­te è una di quel­le situa­zio­ni “safe­ty fir­st”, e ci man­che­reb­be. L’economia ne sof­fre, chi lavo­ra ci rimet­te, si cer­ca di tro­va­re del­le com­pen­sa­zio­ni. Le chie­do­no anche quel­li che gli altri gior­ni dell’anno sono per l’autonomia, l’obsolescenza del wel­fa­re sta­te, la leg­ge del­la giun­gla e altre ame­ni­tà buo­ne solo fin­ché ad aver biso­gno di soste­gno sono gli altri (si scri­ve soste­gno, ma si leg­ge por­to sicu­ro, soc­cor­so in mare, pre­sta­zio­ne sani­ta­ria, libe­ra cir­co­la­zio­ne tra gli stati…). 

Que­sta è una situa­zio­ne di emer­gen­za, e ci stia­mo com­por­tan­do di con­se­guen­za, nel bene e nel male. Ma ci sono anche situa­zio­ni ende­mi­che, in cui i virus non c’entrano. Lavo­ra­to­ri e lavo­ra­tri­ci per cui il tem­po è dena­ro, let­te­ral­men­te, e una set­ti­ma­na o due, su quat­tro che ci sono in un mese, pos­so­no voler dire la dif­fe­ren­za tra equi­li­brio pre­ca­rio e ros­so tota­le. Ci sono set­to­ri, come la cul­tu­ra e il turi­smo, per esem­pio, che non pos­so­no esse­re fer­ma­ti e riav­via­ti come se ci fos­se un inter­rut­to­re on/off: per­ché si basa­no su pro­gram­ma­zio­ni fra­gi­li e con­co­mi­tan­ze che, una vol­ta sal­ta­te, azze­ra­no la resa; per­ché dipen­do­no for­te­men­te dal­la calen­da­riz­za­zio­ne (le vacan­ze di Car­ne­va­le, una vol­ta pas­sa­te, non si recu­pe­ra­no più); per­ché sono influen­za­te dal livel­lo di fidu­cia che si ha nel pae­se e dal­la pos­si­bi­li­tà di muo­ver­si libe­ra­men­te e facilmente.

Per­ché l’esempio di cul­tu­ra e turismo? 

Pri­mo, per­ché ci dico­no che sono stra­te­gi­ci. La cul­tu­ra, “il petro­lio dell’Italia”. Il turi­smo, “l’orgoglio ita­lia­no”. Seguo­no, in gene­re, una serie di dati sul­la quan­ti­tà di siti Une­sco del tut­to sbal­la­ti. Per non par­la­re del “gran­de lavo­ro cul­tu­ra­le” che tut­ti invo­ca­no come neces­sa­rio per fer­ma­re la marea nera di raz­zi­smo, fasci­smo, anti scien­ti­fi­ci­tà con cui si misu­ra tut­ti i gior­ni un pae­se in cui il 15% del­la popo­la­zio­ne non cre­de che la Shoah sia mai esistita. 

Secon­do, per­ché se nes­su­no vuo­le veni­re in Ita­lia, né può andar­se­ne in giro sul ter­ri­to­rio ita­lia­no, e nem­me­no entra­re in un museo o in una sala affol­la­ta (che sia di tea­tro, cine­ma, con­fe­ren­za), di quel­lo che suc­ce­de a turi­smo e beni cul­tu­ra­li dob­bia­mo par­la­re. Se le scuo­le sono chiu­se, se i viag­gi di istru­zio­ne sono fer­mi, se pren­de­re un tre­no diven­ta una scom­mes­sa e gli even­ti ven­go­no annul­la­ti in ottem­pe­ran­za alle ordi­nan­ze e ai decre­ti mini­ste­ria­li, il bilan­cio è impie­to­so (Feder­tu­ri­smo, scri­ve il Sole24Ore, par­la di un dan­no di 5 miliar­di di euro; Feder­vi­vo segna­la 7.400 spet­ta­co­li tea­tra­li sal­ta­ti e 10 milio­ni di euro per­si) e andrà anche oltre al perio­do di chiu­su­ra effet­ti­va. Le scuo­le non sono azien­de, mol­te non recu­pe­re­ran­no le atti­vi­tà che non sono riu­sci­te a svol­ge­re, o lo faran­no con gran­de dif­fi­col­tà. I festi­val, le ras­se­gne non si pos­so­no facil­men­te spo­sta­re e repli­ca­re in un secon­do momen­to. Le spe­se già soste­nu­te, il lavo­ro pre­pa­ra­to­rio svol­to in pre­vi­sio­ne dei futu­ri incas­si spes­so non rien­tra­no più.

Ter­zo, per­ché sono set­to­ri in cui abbon­da­no, tri­ste­men­te, le for­me di lavo­ro che mag­gior­men­te lascia­no vul­ne­ra­bi­li lavo­ra­to­ri e lavo­ra­tri­ci, e che dif­fi­cil­men­te con­sen­ti­ran­no l’accesso alle for­me di com­pen­sa­zio­ne pen­sa­te per altri tipi di con­trat­ti. Chi lavo­ra in pro­prio, chi vie­ne paga­to a chia­ma­ta e solo per le atti­vi­tà svol­te effet­ti­va­men­te, chi non può con­ta­re su ferie, mutua, buste paga. Chi ha una retri­bu­zio­ne che a pie­no regi­me con­sen­te di sta­re sul­la linea di gal­leg­gia­men­to, ma che di fron­te a una ridu­zio­ne for­za­ta del­le ore di lavo­ro spro­fon­da ine­so­ra­bil­men­te. I free­lan­ce, gli auto­no­mi, le par­ti­te IVA. I pre­ca­ri di ogni gene­re e tut­te quel­le for­me di lavo­ro pra­ti­ca­men­te assi­mi­la­bi­li al cottimo. 

Quin­di, “la sicu­rez­za pri­ma di tut­to”, ovvia­men­te. Soprat­tut­to quan­do le misu­re mira­no a pro­teg­ge­re le fasce di popo­la­zio­ne più vul­ne­ra­bi­li. Ricor­dan­do che però la vul­ne­ra­bi­li­tà, come la sicu­rez­za, con­tie­ne mol­ti­tu­di­ni. A par­ti­re dal­la giu­sti­zia socia­le. Su cui dovrem­mo inve­sti­re alme­no altret­tan­te ener­gie di quel­le che stia­mo con­cen­tran­do negli sfor­zi di que­sti gior­ni. [/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Ci vediamo a Roma, il 23 e 24 ottobre, Largo Venue, con la nostra Scuola di Politica. Non abbiamo mai smesso di studiare, ma ora torniamo a farlo tutti e tutte insieme, di persona, finalmente.
Mentre sono sicura che si potrà fare a meno di benzina per qualche giorno (il benzinaio più vicino mi ha detto di riprovare lunedì o martedì), o dell’acqua sugli scaffali dei supermercati, o mangiare qualche verdura in meno per adesso, la situazione diventerà ancora più insostenibile per i diritti di chi lavora in questi settori e di conseguenza per l’intero paese, che, nel frattempo, raziona anche un dibattito profondo sull’impatto della Brexit.