nessun paese è un’isola

#

23 Gen: Cosa ho visto tra i migranti ragazzini bloccati a Belgrado

«E’ una situazione mai vista prima». Comincia così il racconto di Lissett, dirigente dell’associazione “Refugees Aid Serbia”. La presenza di profughi bloccati in Serbia non è nuova: questa estate, con la chiusura delle frontiere europee, sono state gettate le basi della crisi umanitaria che, in queste ore, colpisce i profughi presenti a Belgrado. L’unica differenza è il cambio di stagione, che costringe al gelo tra le 700 e le 1200 persone, in capannoni abbandonati nei pressi della stazione di Belgrado, gli stessi dove già questa estate trovavano protezione alcuni di loro.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
#

10 Dic: Nessun Paese è un’isola – Più muri per tutti

Torniamo a parlare di migrazioni e accoglienza, ripartendo da uno dei più potenti elementi dal punto di vista simbolico, ma anche politico, e cioè i confini, e in particolare la loro gestione, cosa che i governi europei fanno sempre con maggiore attenzione, non limitandosi ai propri.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
#

18 Nov: Nessun Paese è un’isola – L’Europa che respinge

I paesi europei percorrono con sempre maggiore convinzione la strada di accordi “amministrativi” con paesi di provenienza e di transito dei richiedenti asilo, per bloccarli e respingerli. Il diritto internazionale dice però altro. Tutto nel nono numero della newsletter di Nessun Paese è un’isola.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
#

14 Ott: Nessun Paese è un’isola – Tutti gli Afghani a casa loro

Sesto appuntamento con la newsletter di “Nessun Paese è un’isola”, il libro/campagna sull’accoglienza che funziona, a brevissimo nelle librerie. Oggi parliamo del contributo dei cittadini stranieri alla nostra economia, dei rimpatri di cittadini Afghani voluti dagli Stati europei, di cose brutte che succedono alla frontiera. Come sempre, bad news e good news. E un contenuto speciale.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •