Il governo (sostenuto dall’Europa) attua le politiche inaugurate dalla destra

Dopo la generale indignazione per le decisioni di Trump in materia migratoria (muro e #MuslimBan), sono di fatto passati sotto silenzio i provvedimenti firmati e annunciati dal nostro paese e dall’Unione europea, nonostante abbiano lo stesso identico fine.

L’ACCORDO CON LA LIBIA NON RISOLVE NULLA

Dopo la gene­ra­le indi­gna­zio­ne per le deci­sio­ni di Trump in mate­ria migra­to­ria (muro e #Muslim­Ban), sono di fat­to pas­sa­ti sot­to silen­zio i prov­ve­di­men­ti fir­ma­ti e annun­cia­ti dal nostro pae­se e dall’Unione euro­pea, nono­stan­te abbia­no lo stes­so iden­ti­co fine. Se costrui­re un muro nel mez­zo del Medi­ter­ra­neo è impos­si­bi­le, si pos­so­no sigla­re accor­di inter­na­zio­na­li che cer­ca­no di dise­gna­re una vera e pro­pria bar­rie­ra sul­le coste libi­che.

Pri­ma di tut­to, a ini­zio feb­bra­io, è sta­to sot­to­scrit­to un accor­do tra Ita­lia e Libia dai ver­ti­ci dei rispet­ti­vi gover­ni. E’ da subi­to neces­sa­rio fare una pre­ci­sa­zio­ne: l’accordo è sta­to sot­to­scrit­to, per par­te libi­ca, da Al Sar­raj, a capo di un gover­no di uni­tà nazio­na­le che però non ha il con­trol­lo dell’intero ter­ri­to­rio libi­co, ma anzi eser­ci­ta un con­trol­lo (par­zia­le) che si ridu­ce alla Tri­po­li­ta­nia e a Tripoli:

Il resto del ter­ri­to­rio libi­co è con­trol­la­to da mili­zie arma­te e da un altro gover­no, instal­la­to a Tobruk, che ha pre­sto fat­to sape­re di non rite­ne­re vali­do l’accordo sot­to­scrit­to da Al Sar­raj. Que­sta situa­zio­ne pone già enor­mi inter­ro­ga­ti­vi sul­la rea­le effi­ca­cia dell’accordo.

Tor­nan­do al suo con­te­nu­to, stia­mo par­lan­do di un memo­ran­dum che con­tie­ne un impe­gno ben pre­ci­so: «argi­na­re i flus­si di migran­ti ille­ga­li» che pas­sa­no dal­la Libia per appro­da­re in Ita­lia, che sono oltre il 90% del tota­le. L’espressione “migran­ti ille­ga­li” ritor­na più vol­te nell’accordo, alter­nan­do­si con “clan­de­sti­ni”. Le per­so­ne chescap­pa­no dall’Eritrea e dal­la Soma­lia, cui l’Italia rico­no­sce pro­te­zio­ne in pri­ma istan­za nel 98% dei casi, ven­go­no defi­ni­te nell’accordo “ille­ga­li” e “clan­de­sti­ne”. La lar­ghis­si­ma par­te del testo si con­cen­tra sul con­trol­lo dei con­fi­ni libi­ci, tan­to marit­ti­mi (attra­ver­sa­ti “in usci­ta”, ver­so l’Italia) quan­to ter­re­stri (attra­ver­sa­ti “in entra­ta”, ver­so la Libia) che come abbia­mo visto sono con­trol­la­ti solo in par­te da Al Sarraj.

Si pon­go­no, di con­se­guen­za, due que­stio­ni, deri­van­ti da due sce­na­ri. Per sem­pli­fi­ca­re, con­si­de­ria­mo i pro­fu­ghi eri­trei. Per loro si pro­spet­ta­no — se l’ac­cor­do doves­se fun­zio­na­re — due alter­na­ti­ve: esse­re bloc­ca­ti al con­fi­ne meri­dio­na­le del­la Libia o rima­ne­re bloc­ca­ti all’interno dei con­fi­ni libi­ci. Nel pri­mo caso, stan­do al dirit­to inter­na­zio­na­le non è pos­si­bi­le respin­ge­re richie­den­ti asi­lo che si pre­sen­ti­no al pro­prio con­fi­ne, ma la Libia non ha sot­to­scrit­to la Con­ven­zio­ne di Gine­vra e quin­di nul­la può esclu­de­re che lo fac­cia. Tor­ne­ran­no in Eri­trea? Inve­ro­si­mi­le. Si diri­ge­ran­no ver­so il Sudan, pae­se che ver­sa in uno sta­to di vio­len­za dif­fu­sa? Non augu­ra­bi­le. Qua­lo­ra inve­ce riu­scis­se­ro a entra­re in Libia, ver­ran­no ospi­ta­ti in «cam­pi di acco­glien­za tem­po­ra­nei in Libia, sot­to l’esclu­si­vo con­trol­lo del Mini­ste­ro dell’Interno libi­co, in atte­sa del rim­pa­trio o del rien­tro volon­ta­rio nei pae­si di ori­gi­ne», dato che non «devo­no intac­ca­re in alcun modo il tes­su­to socia­le libi­co o minac­cia­re l’equilibrio demo­gra­fi­co del Paese».

Rica­pi­to­lan­do: l’accordo par­la di “clan­de­sti­ni” rife­ren­do­si a per­so­ne cui l’Italia rico­no­sce il dirit­to di asi­lo. Que­ste stes­se per­so­ne saran­no gesti­te in cam­pi di acco­glien­za sot­to l’esclusivo con­trol­lo del gover­no libi­co in atte­sa di esse­re rim­pa­tria­te. In alcun modo dovran­no intac­ca­re il tes­su­to socia­le libi­co o minac­cia­re l’equilibrio demo­gra­fi­co (qual­sia­si cosa voglia dire). Il tut­to, in un pae­se che non ha sot­to­scrit­to la Con­ven­zio­ne di Gine­vra e che — tan­to nel pas­sa­to quan­to nel pre­sen­te — si è distin­to per trat­ta­men­ti inu­ma­ni e vio­len­ti nei con­fron­ti dei migran­ti, dete­nu­ti indi­scri­mi­na­ta­men­te in pri­gio­ni di stato.

L’Italia ha por­ta­to que­sto accor­do al ver­ti­ce euro­peo del­la Val­let­ta come esem­pio. I pae­si euro­pei non si sono posti mol­ti pro­ble­mi e han­no anzi dichia­ra­to che «l’UE si com­pia­ce ed è pron­ta a soste­ne­re l’I­ta­lia nel­la sua attua­zio­ne del memo­ran­dum d’in­te­sa» fir­ma­to con Al Sarraj.

La dichia­ra­zio­ne con­giun­ta dei pae­si euro­pei rical­ca in lar­ga par­te gli impe­gni già pre­si dall’Italia, aggiun­gen­do due par­ti­co­la­ri signi­fi­ca­ti­vi: in pri­mo luo­go la mobi­li­ta­zio­ne imme­dia­ta di 200milioni di euro dal bilan­cio euro­peo, da un fon­do dedi­ca­to all’Africa che ammon­ta a 31 miliar­di, e in secon­do luo­go l’impegno a «garan­ti­re ade­gua­te capa­ci­tà di acco­glien­za e con­di­zio­ni in Libia per i migran­ti, insie­me con l’U­N­H­CR e OIM». Un impe­gno cita­to qua­si en pas­sant, non spe­ci­fi­ca­to in alcu­na altra maniera.

Non esat­ta­men­te un gran­de risul­ta­to, se pen­sia­mo che il nostro con­ti­nen­te dovreb­be esse­re patria e avan­guar­dia nel­la tute­la dei dirit­ti uma­ni, e se pen­sia­mo che è esat­ta­men­te su que­sto cam­po che vie­ne testa­ta una sup­po­sta dif­fe­ren­za euro­pea rispet­to al nuo­vo cor­so ame­ri­ca­no. Rischia­mo, anzi, di con­dan­na­re per­so­ne che scap­pa­no da guer­re e per­se­cu­zio­ni a subi­re trat­ta­men­ti inu­ma­ni e degradanti.

LA STRETTA DEL GOVERNO SUI MIGRANTI

Mer­co­le­dì il mini­stro Min­ni­ti è sta­to pro­ta­go­ni­sta di un’audizione in Com­mis­sio­ne alla Came­ra. Di segui­to ripor­tia­mo alcu­ni pas­sag­gi del suo discor­so, com­men­ta­ti, che suc­ces­si­va­men­te — stan­do a quan­to ripor­ta­to dal­la stam­pa — han­no tro­va­to appli­ca­zio­ne anche nei decre­ti vara­ti dal Con­si­glio dei mini­stri del 10 febbraio.

«E’ sba­glia­ta e fuor­vian­te dal pun­to di vista ana­li­ti­co l’e­qua­zio­ne tra immi­gra­zio­ne e terrorismo».

Tut­ti i discor­si che ini­zia­no così non lascia­no pre­sa­gi­re nul­la di buono.

«La Libia è un pae­se ben lun­gi dal­l’es­se­re sta­bi­liz­za­to. La sfi­da è l’implementazione dell’accordo in tema di a) con­tra­sto dei traf­fi­can­ti di uomi­ni soste­nen­do la costi­tu­zio­ne di una guar­dia costie­ra libi­ca b) azio­ne sul ter­re­no in dire­zio­ne del­le piaz­ze di par­ten­za c) con­trol­lo del­le fron­tie­re del sud Libia e poli­ti­che di rim­pa­trio e que­sto per­ché i libi­ci che si tro­va­no a che fare con flus­si di pas­sag­gio voglio­no rim­pa­tria­re. C’è l’impegno dell’Italia per imple­men­ta­re poli­ti­che di coe­sio­ne socia­le e per il rispet­to dei dirit­ti umani».

Tut­to asso­lu­ta­men­te in linea con quan­to con­te­nu­to nel memo­ran­dum: l’attenzione si con­cen­tra sul­la chiu­su­ra dei flus­si e mai sul rispet­to dei dirit­ti uma­ni, cita­to alla fine. Non è suf­fi­cien­te dele­ga­re alla Libia, non è suf­fi­cien­te chiu­de­re gli occhi. Dob­bia­mo inte­res­sar­ci del­le per­so­ne respin­te al con­fi­ne libi­co e di colo­ro che rischia­no di esse­re sot­to­po­ste a trat­ta­men­ti non in linea col dirit­to inter­na­zio­na­le. Non è scon­fig­gen­do i traf­fi­can­ti (che soli­ta­men­te non han­no che da gua­da­gna­re dal­la costru­zio­ne dei muri) che si risol­vo­no le cau­se che stan­no alla radi­ce del­le migra­zio­ni.

«Nuo­vo model­lo acco­glien­za basa­to su acco­glien­za dif­fu­sa. Lavo­re­rò per supe­ra­re gran­di cen­tri di acco­glien­za e ave­re nume­ri più contenuti».

Bene. Benis­si­mo. Sono ormai anni che lo sen­tia­mo ripe­te­re. Sia­mo feli­ci che il mini­ste­ro abbia sot­to­scrit­to un pro­to­col­lo con Anci (che appa­re anco­ra mol­to debo­le, non intro­du­cen­do mec­ca­ni­smi real­men­te incen­ti­van­ti alla dif­fu­sio­ne del­lo SPRAR): aspet­tia­mo i risultati.

«E’ neces­sa­rio abbat­te­re i tem­pi per otte­ne­re rispo­sta alle doman­de di asi­lo, ridu­cen­do di un gra­do il giudizio».

Male, malis­si­mo. Se lo sco­po è nobi­le, la stra­te­gia è pes­si­ma: dovrem­mo esse­re tut­ti ugua­li davan­ti alla leg­ge. Il rispet­to dei dirit­ti pas­sa anche da qui.

«Uti­liz­za­re richie­den­ti asi­lo per lavo­ri di pub­bli­ca uti­li­tà. Non si cree­rà nes­su­na con­cor­ren­za nei mer­ca­ti del lavo­ro per­ché quel­lo non è un lavo­ro: non sarà retribuito».

Male, malis­si­mo. Una cosa è il lavo­ro, una cosa è il volon­ta­ria­to. Men­tre va bene incen­ti­va­re pra­ti­che di volon­ta­ria­to, non va bene impor­re di lavo­ra­re, soprat­tut­to se il lavo­ro non vie­ne retri­bui­to. Quel che si può fare (a mio giu­di­zio sareb­be otti­ma­le) è inse­ri­re i richie­den­ti asi­lo all’interno di per­cor­si for­ma­ti­vi e pro­fes­sio­na­liz­zan­ti, così che usci­ti dal per­cor­so di acco­glien­za abbia­no degli stru­men­ti per esse­re auto­no­mi. Nel men­tre, faci­li­ta­re la pre­sta­zio­ne di ope­re di volon­ta­ria­to. Tut­to ciò già avvie­ne in diver­se occa­sio­ni, spes­so ricon­du­ci­bi­li allo SPRAR. Al con­tra­rio, obbli­ga­re a svol­ge­re un lavo­ro non qua­li­fi­can­te in alcun modo come potrà ren­de­re auto­no­mo il migrante?

«Non c’è acco­glien­za se non ci sono i rim­pa­tri. Dob­bia­mo ave­re una linea mol­to deter­mi­na­ta: acco­glie­re e inte­gra­re chi ha dirit­to e rim­pa­tria­re chi non ha dirit­to e vio­la le rego­le. E’ la legi­sla­zio­ne ita­lia­na che dice questo».

In linea teo­ri­ca pos­sia­mo esse­re d’accordo. I pro­ble­mi sono due: chi fa doman­da d’asilo non vio­la mai le rego­le. Il rico­no­sci­men­to del­la pro­te­zio­ne è inve­ce una que­stio­ne legi­sla­ti­va e poli­ti­ca: si può sce­glie­re di rim­pa­tria­re tut­ti i “dinie­ga­ti” (come vor­reb­be Min­ni­ti), deci­ne di miglia­ia di per­so­ne, oppu­re con­cen­trar­si su colo­ro che rap­pre­sen­ta­no dav­ve­ro una minac­cia per il pae­se (pochis­si­mi), offren­do a colo­ro che han­no por­ta­to a com­pi­men­to un per­cor­so di inclu­sio­ne uno stru­men­to per rima­ne­re legal­men­te sul ter­ri­to­rio, così da evi­ta­re di far diven­ta­re clan­de­sti­no chi ha un lavo­ro.

«Ria­pri­re cen­tri dove tene­re per­so­ne da rim­pa­tria­re, poten­zial­men­te un rischio per sicu­rez­za del nostro paese».

Que­sta sì che è un’equazione sba­glia­ta, che tra­di­sce il con­cet­to col qua­le il mini­stro ha aper­to il suo inter­ven­to. Un migran­te che non ha dirit­to alla pro­te­zio­ne è poten­zial­men­te un rischio per la sicu­rez­za del nostro pae­se quan­to lo sono io.

«1600 posti su tut­to il ter­ri­to­rio nazio­na­le. Vici­ni a infra­strut­tu­re. Tra­spa­ren­za nel­la gover­nan­ce. Pote­ri di acces­so illi­mi­ta­ti per il garan­te del­le per­so­ne pri­va­te del­la liber­tà per­so­na­le. Il Par­la­men­to ha affron­ta­to inchie­ste ma non ha mai can­cel­la­to i CIE. Pro­por­rò che sia­no can­cel­la­ti e si fac­cia­no cen­tri per­ma­nen­ti per i rim­pa­tri. Quel­lo che ho pro­po­sto non c’en­tra nul­la con i vec­chi CIE».

Pos­sia­mo chia­mar­li come voglia­mo, offri­re del­le garan­zie in più (in real­tà il garan­te ha già acces­so ai «cen­tri per immi­gra­ti», e per­ché non dare l’accesso a tut­ti i gior­na­li­sti?), ma la sostan­za non cam­bia: si trat­ta di cen­tri in cui le per­so­ne ven­go­no dete­nu­te, in mas­sa, pur non aven­do com­mes­so alcun cri­mi­ne e sen­za aver subi­to alcu­na con­dan­na. Il pas­sa­to ha defi­ni­to i CIE come luo­ghi in uma­ni. Anche per quan­to riguar­da le strut­tu­re nul­la cam­bia: a fine dicem­bre 2016 c’erano 9 CIE, con una capien­za da 48 a 250 posti, per un tota­le di 1.393 posti teo­ri­ci. Pas­sa­re a 1600 posti in 20 CIE non modi­fi­ca sostan­zial­men­te la capien­za degli stessi.

In con­clu­sio­ne, Min­ni­ti non sem­bra voler­si fare pro­mo­to­re di alcu­na inno­va­zio­ne nor­ma­ti­va, ma por­si sem­pli­ce­men­te come ese­cu­to­re del­le poli­ti­che migra­to­rie e dell’asilo secu­ri­ta­rie volu­te dai gover­ni di cen­tro­de­stra.

 

La set­ti­ma­na entran­te è una set­ti­ma­na di pau­sa nel­la pre­sen­ta­zio­ne di Nes­sun Pae­se è un’isola, ma nei gior­ni suc­ces­si­vi scat­te­rà un tour de for­ce con tap­pe a Mila­no, Roma, Mon­za, in Vene­to e in Friuli.

In par­ti­co­la­re, come dice­vo all’inizio, sie­te tut­ti invi­ta­ti a Roma dal 24 a 26 feb­bra­io, per la Costi­tuen­te del­le idee di Pos­si­bi­le. Sarà l’occasione per deli­na­re una poli­ti­ca migra­to­ria e dell’asilo oppo­sta a quan­to ave­te let­to finora.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nature Restoration Law: stavolta ha vinto la Terra!

È un momen­to sto­ri­co: oggi l’Europa ren­de leg­ge il ripri­sti­no del­la natu­ra, e defi­ni­sce la dire­zio­ne che il nostro con­ti­nen­te segui­rà per ridar­le spa­zio. La que­stio­ne non è edo­ni­sti­ca, e nem­me­no intel­let­tua­le: si trat­ta di per­met­te­re che gli eco­si­ste­mi, come i fiu­mi o le zone umi­de, ter­re col­ti­va­te e fore­ste, tor­ni­no gra­dual­men­te in una con­di­zio­ne di equi­li­brio per con­ti­nua­re a tra­sfor­ma­re la mate­ria, per ren­de­re, cioè, la bio­sfe­ra vivi­bi­le anche per noi.

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.