Nessun Paese è un’isola — Più muri per tutti

Torniamo a parlare di migrazioni e accoglienza, ripartendo da uno dei più potenti elementi dal punto di vista simbolico, ma anche politico, e cioè i confini, e in particolare la loro gestione, cosa che i governi europei fanno sempre con maggiore attenzione, non limitandosi ai propri.
unnamed-1

Dopo un bre­ve silen­zio (che potrem­mo defi­ni­re “elet­to­ra­le”), tor­nia­mo a par­la­re di migra­zio­ni e acco­glien­za, ripar­ten­do da uno dei più poten­ti ele­men­ti dal pun­to di vista sim­bo­li­co, ma anche poli­ti­co, e cioè i con­fi­ni, e in par­ti­co­la­re la loro gestio­ne, cosa che i gover­ni euro­pei fan­no sem­pre con mag­gio­re atten­zio­ne, non limi­tan­do­si ai pro­pri. Inter­na­zio­na­le di que­sta set­ti­ma­na ripor­ta, infat­ti, un arti­co­lo di Die Zeit (Ger­ma­nia) che rac­con­ta le poli­ti­che pro­mos­se dal­la Ger­ma­nia in nord Afri­ca, dove vie­ne adde­stra­ta la poli­zia di fron­tie­ra al fine di ele­va­re gli stan­dard di sor­ve­glian­za dei con­fi­ni, e quin­di un mag­gio­re con­trol­lo (si leg­ga: il bloc­co) sui migranti.

Muri nel mon­do, Cor­rie­re, set­tem­bre 2015

Nel 2016 la poli­zia tede­sca ha orga­niz­za­to oltre ses­san­ta mis­sio­ni di adde­stra­men­to in Tuni­sia, ha invia­to mate­ria­le, ha rice­vu­to guar­die di fron­tie­ra tuni­si­ne, soste­nu­te con milio­ni di euro anche da Fran­cia, Regno Uni­to e Ita­lia. La Tuni­sia gode di un’attenzione par­ti­co­la­re da par­te di Ange­la Mer­kel, la qua­le, set­ti­ma­ne fa, dis­se di voler repli­ca­re con que­sto pae­se l’accordo vigen­te tra UE e Tur­chia. Ovvia­men­te l’accordo deve pre­ve­de­re una con­tro­par­ti­ta, pare mone­ta­ria, dato che un pae­se come la Tuni­sia non dovreb­be ave­re alcun inte­res­se nel gesti­re miglia­ia di poten­zia­li rifu­gia­ti. E infat­ti, scri­ve Inter­na­zio­na­le, «a metà otto­bre i capi di sta­to e di gover­no dell’Unione euro­pea […] han­no sta­bi­li­to che i pae­si afri­ca­ni che si impe­gna­no a riac­co­glie­re i pro­fu­ghi e a raf­for­za­re la sor­ve­glian­za dei loro con­fi­ni dovreb­be­ro rice­ve­re mag­gio­ri aiu­ti allo svi­lup­po». La fac­cen­da ha anche un altro risvol­to eco­no­mi­co, per­ché la sor­ve­glian­za dei con­fi­ni (soprat­tut­to di con­fi­ni este­si e asso­lu­ta­men­te per­mea­bi­li) richie­de ingen­ti inve­sti­men­ti, tra­sfor­man­do tut­to ciò in «flo­ri­di mer­ca­ti per le azien­de che pro­du­co­no quel­lo che qui anco­ra man­ca: recin­zio­ni, siste­mi radar, siste­mi di rico­no­sci­men­to bio­me­tri­co per il con­trol­lo dei visti». E chis­sà che discus­sio­ni sul con­trol­lo del­le fron­tie­re non sia­no sta­te ogget­to anche dell’incontro, avve­nu­to pochi gior­ni fa, tra Il pre­si­den­te eri­treo, Isa­ias Afewer­ki e il pre­si­den­te egi­zia­no, Abdel Fatah al Sisi, due pae­si asso­lu­ta­men­te stra­te­gi­ci, in quan­to pae­si di fuga e di tran­si­to (e ricor­dia­mo che ad Ange­la Mer­kel non dispia­ce­reb­be appli­ca­re anche all’Egitto il mede­si­mo accor­do di cui sopra). Le agen­zie stam­pa han­no par­la­to del comu­ne obiet­ti­vo di «svi­lup­pa­re le rela­zio­ni tra i due pae­si e i rap­por­ti bila­te­ra­li, oltre e lega­re gli sfor­zi comu­ni sul­le que­stio­ni di impor­tan­za comu­ne».

Sem­pre Inter­na­zio­na­le (lo tro­va­te in edi­co­la, fino a gio­ve­dì) rac­con­ta la sto­ria del filo spi­na­to, che va abba­stan­za di pari pas­so con la sto­ria dei con­fi­ni, dato che da quan­do c’è il filo spi­na­to è mol­to più sem­pli­ce trac­ciar­ne: «mai pri­ma d’ora aree così ampie del pia­ne­ta sono sta­te chiu­se. Mai pri­ma d’ora una por­zio­ne così gran­de del glo­bo è sta­ta sud­di­vi­sa a que­sti livel­li. Oggi Cina e India domi­na­no il mer­ca­to mon­dia­le del filo spi­na­to, per un tota­le di 500mila ton­nel­la­te di mate­ria­le all’anno. E’ l’equivalente di set­te milio­ni e mez­zo di chi­lo­me­tri di filo spi­na­to, abba­stan­za per fare due­cen­to vol­te il giro del­la Ter­ra».

[ACQUISTA NESSUN PAESE E’ UN’ISOLA]

 

MA UN’ALTERNATIVA C’E’

E se abbia­mo par­la­to più vol­te dei cana­li uma­ni­ta­ri come di una solu­zio­ne per evi­ta­re tra­ver­sa­te del­la mor­te nel­le mani di cri­mi­na­li, esi­ste anche un’alternativa al rim­pa­trio for­za­to, e si chia­ma rim­pa­trio volon­ta­rio. Stia­mo par­lan­do sicu­ra­men­te di un argo­men­to mol­to deli­ca­to, dato che il con­fi­ne tra “for­za­to” e “volon­ta­rio” può esse­re dav­ve­ro mol­to labi­le e vio­la­bi­le facil­men­te, però esi­sto­no comun­que buo­ne espe­rien­ze, che dan­no vita alle cosid­det­te “migra­zio­ni cir­co­la­ri”, secon­do le qua­li un migran­te al qua­le ven­ga pro­po­sto di tor­na­re in patria con un baga­glio di com­pe­ten­ze pro­fes­sio­na­liz­zan­ti potreb­be con­si­de­ra­re non fal­li­to il pro­prio pro­get­to migra­to­rio (che vero­si­mil­men­te con­si­ste­va nel tro­var­si un lavo­ro in Euro­pa e invia­re rimes­se), spen­den­do nel­la pro­pria ter­ra d’origine quan­to ha appre­so in Euro­pa. Lavoce.info ha pro­va­to a fare qual­che con­to: «dal 2000 al 2015 i pae­sieuro­pei (28 mem­bri Ue più Nor­ve­gia, Sviz­ze­ra e Islan­da) han­no spe­so com­ples­si­va­men­te 11,3 miliar­di di euro per il rim­pa­trio dei migran­ti irre­go­la­ri e 1,6 miliar­di per raf­for­za­re i con­trol­li alle fron­tie­re: spe­se di tra­spor­to, mez­zi nava­li per il pat­tu­glia­men­to del­le coste, stru­men­ti di visio­ne not­tur­na e adde­stra­men­to uomi­ni. Media­men­te, ogni espul­sio­ne costa cir­ca 4mila euro. Una cifra simi­le vie­ne paga­ta dai migran­ti ai traf­fi­can­ti, quan­ti­fi­ca­bi­le per lo stes­so perio­do in 15,7 miliar­di, sen­za con­ta­re i costi socia­li e l’altissimo rischio dei viag­gi». A fron­te di que­sto enor­me flus­so di risor­se, i rim­pa­tri volon­ta­ri sono sta­ti sola­men­te 3.700 dal 2009 al 2015. Inve­sti­re in poli­ti­che serie di rim­pa­trio volon­ta­rio potreb­be sicu­ra­men­te esse­re un’alternativa vali­da al raf­for­za­men­to dei con­fi­ni e ai rim­pa­tri forzati.

A pro­po­si­to di cana­li uma­ni­ta­ri, ne vedre­mo atti­va­to pre­sto un altro, sem­pre in via spe­ri­men­ta­le, sem­pre con il con­tri­bu­to di orga­niz­za­zio­ni ter­ze, e cioè Comu­ni­tà di Sant’Egidio, Migran­tes e Cari­tas. Sul­la base del pro­to­col­lo già sot­to­scrit­to con il gover­no e ine­ren­te al Liba­no, ver­rà sot­to­scrit­to un nuo­vo pro­to­col­lo per l’Etiopia, con l’obiettivo di por­ta­re in manie­ra lega­le e sicu­ra in Euro­pa alme­no 500 persone.

 

MUST READ

“Quel­lo che mi ha col­pi­to di più è che ave­va cuci­to all’interno del maglio­ne un pic­co­lo sac­chet­to”, rac­con­ta Cat­ta­neo men­tre si spo­sta un ric­cio bion­do dal­la fron­te e fa una pau­sa per pren­de­re fia­to. “Io sono abi­tua­ta a fare autop­sie per i tri­bu­na­li e ho pen­sa­to subi­to che si trat­tas­se di dro­ga o di qual­co­sa di pre­zio­so. E inve­ce era un sac­chet­to di pla­sti­ca con den­tro una man­cia­ta di ter­ra”, L’Italia fa scuo­la nell’identificazione dei migran­ti mor­ti nel Medi­ter­ra­neo, di Anna­li­sa Camilli.

 

GOOD NEWS

«Acco­glien­za e for­ma­zio­ne lavo­ra­ti­va, bino­mio che può fun­zio­na­re. Quel­lo che è avve­nu­to in un cam­po alle por­te di Cave­na­go Brian­za, a nord-est di Mila­no, lo con­fer­ma: 30 richie­den­ti asi­lo, in atte­sa di sape­re se la loro doman­da venis­se accol­ta o meno, han­no pri­ma recu­pe­ra­to poi col­ti­va­to a ortag­gi in agri­col­tu­ra bio­lo­gi­ca un ter­re­no incol­to, accom­pa­gna­ti dagli enti gesto­ri del per­cor­so di acco­glien­za – riu­ni­ti in una rete ter­ri­to­ria­le, Rti Bon­ve­na – dal­la Scuo­la agra­ria del vici­no Par­co di Mon­za e da altri sog­get­ti del pri­va­to socia­le loca­le, come la coo­pe­ra­ti­va socia­le Il Cedro, che si occu­pa di giar­di­nag­gio», Ben­ve­nu­ti a Cave­na­go, dove i richie­den­ti asi­lo dan­no nuo­va vita ai cam­pi incol­ti, di Danie­le Biella.

L’amministrazione comu­na­le di Roma ha spe­so la pro­pria paro­la pro­met­ten­do che «acco­glie­rà deci­ne di per­so­ne che al momen­to sono costret­te a dor­mi­re all’addiaccio». Roma fa un pri­mo pas­so ver­so l’accoglienza dei migran­ti, di Anna­li­sa Camilli.

 

BAD NEWS

Che la chiu­su­ra dei con­fi­ni non sia la solu­zio­ne ma che, anzi, rischi di aggra­va­re la con­di­zio­ne di quel­le per­so­ne che i con­fi­ni voglio­no supe­rar­li (e spes­so par­lia­mo di per­so­ne del tut­to indi­fe­se sot­to­po­ste a ricat­ti inac­cet­ta­bi­li), è risa­pu­to. E’ risa­pu­to che la chiu­su­ra dei con­fi­ni fac­cia del­le vit­ti­me e che le fac­cia, pur­trop­po, anche nel nostro pae­se. Sono mor­te cer­can­do di sali­re su un tre­no al Bren­ne­ro, due set­ti­ma­ne fa, un mino­ren­ne eri­treo e una gio­va­ne don­na di cui non si cono­sce la nazionalità.

 

La cam­pa­gna di pre­sen­ta­zio­ne di Nes­sun pae­se è un’isola ha ripre­so a maci­na­re chi­lo­me­tri. Tut­ti i libri sono sta­ti invia­ti, e se ieri sono sta­to a Lona­te Poz­zo­lo per spie­ga­re come l’accoglienza può esse­re un fat­to­re posi­ti­vo per tut­ti, set­ti­ma­na pros­si­ma sarò a Fagna­no Olo­na (Vare­se), per la pre­ci­sio­ne mer­co­le­dì 14 dicem­bre, alle 21.

Per qual­sia­si cosa (com­pre­se tap­pe del­la cam­pa­gna), l’indirizzo al qua­le scri­ve­re è [email protected].

Per iscri­ver­si (e far iscri­ve­re i pro­pri ami­ci) alla new­slet­ter, inve­ce, qui: https://goo.gl/forms/XTHQpl4ljDNqMSh03

A pre­sto,

ste­fa­no

[ACQUISTA NESSUN PAESE E’ UN’ISOLA]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

E così il Governo ha deciso di abbassare l’Iva sugli assorbenti femminili al 10%, bene ma non benissimo visto che la misura corretta sarebbe quella del 4%, ma in più viene da chiedersi cosa stiano facendo esattamente i partiti in Parlamento se su una misura di questo tipo arrivano a farsi bagnare il naso da Draghi. Osservazioni simili si potrebbero fare a proposito di eutanasia e cannabis legale, e lo stesso ci si augura accada per la proposta di legge d'iniziativa popolare sul salario minimo su cui Possibile si impegna a raccogliere adesioni.
Dopo molti anni, ben 6 dalla proposta che facemmo con Giuseppe Civati e Possibile, se ne è colto il significato simbolico e però concretissimo. Un passo avanti, sicuramente. Anche se spiace per il tempo perso. E spiace perché l'IVA sugli assorbenti non è ancora al 4%, come quella per i prodotti di prima necessità, com'è giusto che sia. Perché le mestruazioni non sono un lusso. Continueremo a insistere.
Il tempo del bla bla bla è finito e bisogna agire: non c'è più tempo. Infine c’è da cambiare un paradigma e da riscrivere una storia: sembra che le decisioni sul clima le prendano in pochi e in tavoli decisamente ristretti con la presenza delle lobby del carbone. Va completamente ribaltato il tavolo, dando voce e ruolo a chi oggi subisce le conseguenze maggiori di questa crisi socio climatica e ambientale.