Cosa ho visto tra i migranti ragazzini bloccati a Belgrado

«E' una situazione mai vista prima». Comincia così il racconto di Lissett, dirigente dell'associazione "Refugees Aid Serbia". La presenza di profughi bloccati in Serbia non è nuova: questa estate, con la chiusura delle frontiere europee, sono state gettate le basi della crisi umanitaria che, in queste ore, colpisce i profughi presenti a Belgrado. L'unica differenza è il cambio di stagione, che costringe al gelo tra le 700 e le 1200 persone, in capannoni abbandonati nei pressi della stazione di Belgrado, gli stessi dove già questa estate trovavano protezione alcuni di loro.

Gra­zie, Ena­ia­tol­lah jan. 

Di nul­la, kaka Hamid. È anda­to tut­to bene? Hai visto la polizia? 

Non ho visto nes­su­no. È anda­to tut­to bene. 

Hai avu­to paura? 

Hamid ha smes­so per un secon­do di impi­la­re le sca­to­le di riso e di legu­mi. S’è fer­ma­to, immo­bi­le. Non ho mai pau­ra, Ena­iat, ha det­to. E ho sem­pre pau­ra. Non so più distin­gue­re una cosa dall’altra.

(Fabio Geda, Nel mare ci sono i coc­co­dril­li. Sto­ria vera di Ena­ia­tol­lah Akba­ri, Mila­no, Baldini&Castoldi, 2010)

 

«E’ una situa­zio­ne mai vista pri­ma». Comin­cia così il rac­con­to di Lis­sett, diri­gen­te del­l’as­so­cia­zio­ne uma­ni­ta­ria “Refu­gees Aid Ser­bia” (RAS), con la qua­le col­la­bo­ra l’i­ta­lia­na “Spe­ran­za — Hope for Chil­dren”. Lis­sett — insie­me agli altri volon­ta­ri — ha un qua­dro pre­ci­so del­la situa­zio­ne, frut­to del lavo­ro sul cam­po che pro­se­gue ora­mai da mesi e mesi. La pre­sen­za di pro­fu­ghi bloc­ca­ti in Ser­bia, infat­ti, non è nuo­va: que­sta esta­te, con la chiu­su­ra del­le fron­tie­re euro­pee, sono sta­te get­ta­te le basi del­la cri­si uma­ni­ta­ria che, in que­ste ore, col­pi­sce i pro­fu­ghi pre­sen­ti a Bel­gra­do. L’u­ni­ca dif­fe­ren­za è il cam­bio di sta­gio­ne che costrin­ge al gelo tra le 700 e le 1200 per­so­ne, in capan­no­ni abban­do­na­ti nei pres­si del­la sta­zio­ne di Bel­gra­do, gli stes­si dove già que­sta esta­te tro­va­va­no pro­te­zio­ne alcu­ni di loro.

Cam­mi­nia­mo tra i capan­no­ni in com­pa­gnia di Petar, un altro volon­ta­rio di RAS. Si avvi­ci­na­no ragaz­zi con scar­pe sfon­da­te e cia­bat­te ai pie­di, men­tre noi fac­cia­mo fati­ca a man­te­ner­ci in equi­li­brio sul ghiac­cio. «My friend, shoes?». «Not today. Tomor­row, maybe».

IMG_2430

Nel­l’a­ria si avver­te un odo­re pun­gen­te. In lon­ta­nan­za, dei fuo­chi. Gli stes­si fuo­chi che ven­go­no acce­si all’in­ter­no dei capan­no­ni, per scal­dar­si e fare un po’ di luce. «Ormai bru­cia­no qual­sia­si cosa, non solo le tra­ver­si­ne», mi spie­ga Petar. «Guar­da là», indi­can­do­mi un improv­vi­sa­to comi­gno­lo che fuo­rie­sce da uno sta­bi­le. «Guar­da quan­to è nero il fumo: potreb­be esse­re qual­sia­si cosa». La zona è asso­lu­ta­men­te insa­lu­bre e non esi­ste un pre­si­dio sani­ta­rio, se non quel­lo mobi­le alle­sti­to da Medi­ci sen­za fron­tie­re poche cen­ti­na­ia di metri all’e­ster­no del­l’a­rea. Dal pre­si­dio segna­la­no «un aumen­to del­le infe­zio­ni del trat­to respi­ra­to­rio e distur­bi sul­la pel­le, con­se­guen­za diret­ta del­le bas­se tem­pe­ra­tu­re com­bi­na­te con le ina­de­gua­te con­di­zio­ni di vita». Nono­stan­te ciò «la poli­ti­ca fa solo fin­ta di inte­res­sar­se­ne — mi spie­ga­no i volon­ta­ri -: ha fat­to como­do fare qual­che pas­se­rel­la, ha fat­to como­do apri­re in fret­ta e furia un cen­tro di acco­glien­za a 30 chi­lo­me­tri dal­la cit­tà, ma i posti dispo­ni­bi­li saran­no sola­men­te 250. Degli altri cosa ne facciamo?».

FullSizeRender_4

Ecco per­ché MSF ha pre­di­spo­sto, oltre al pre­si­dio mobi­le, cin­que ten­de riscal­da­te, cia­scu­na aven­te capien­za di ven­ti per­so­ne. Tut­to ciò sen­za un accor­do for­ma­le con le auto­ri­tà ser­be, tan­to che tra i volon­ta­ri si dice che la poli­zia abbia chie­sto la rimo­zio­ne del­le ten­de, ma che ciò «non avver­rà: non pos­so­no per­met­ter­si una figu­rac­cia del gene­re nel mez­zo dei nego­zia­ti per l’in­gres­so nel­l’UE. Suo­na più come un invi­to a non anda­re oltre».

Schermata 2017-01-23 alle 13.32.14

Nei pres­si del­le ten­de ci sono ragaz­zi­ni che spac­ca­no la neve ghiac­cia­ta, spar­go­no il sale, e si sie­do­no all’in­ter­no, sui let­ti­ni. Tra di loro, Ahmad, un ragaz­zo dicias­set­ten­ne pro­ve­nien­te dal­l’Afgha­ni­stan che stu­dia­va infor­ma­ti­ca e par­la ingle­se meglio di me. «Un Pae­se sicu­ro, l’Af­gha­ni­stan!», gli dico pro­vo­ca­to­ria­men­te, dato che i pae­si euro­pei han­no fir­ma­to accor­di col gover­no afgha­no per il rim­pa­trio dei migran­ti, pro­ce­du­ra già avvia­ta dal­la Ger­ma­nia. «Sicu­ra­men­te nel­la mani dei tale­ba­ni», mi rispon­de. «La pre­sen­za di un gover­no e un appa­ra­to di poli­zia non sono garan­zie di sicu­rez­za. Ven­go dal­la pro­vin­cia di Logar che è inte­ra­men­te nel­le mani dei tale­ba­ni. Sono entra­ti più vol­te in casa mia, di not­te, per deru­bar­ci e spin­ger­mi a entra­re nel­le loro mili­zie: è sta­to a quel pun­to che ho deci­so di scap­pa­re». «E dove vuoi anda­re?». «In Fran­cia. Li ci sono dei miei cono­scen­ti». «Ger­ma­nia no good», mi han­no det­to tut­ti colo­ro coi qua­li ho par­la­to: ora la meta è la Fran­cia, per­ché la Ger­ma­nia depor­ta. Ahmad è scap­pa­to insie­me a suo cugi­no, di dodi­ci anni. Li vedrò il gior­no suc­ces­si­vo. Lui, il bam­bi­no, ha guan­ti enor­mi, non adat­ti alla sua età, che dif­fi­cil­men­te supe­re­rà i die­ci anni. «Vor­re­sti tor­na­re in Afgha­ni­stan?». «Cer­to: vor­rei che l’Af­gha­ni­stan fos­se un posto dove poter vive­re tran­quil­la­men­te, vor­rei tor­na­re dal­la mia fami­glia. Nel frat­tem­po, sono gra­to a Belgrado».

Schermata 2017-01-23 alle 13.34.34

Come Ahmad, tan­tis­si­mi altri. Bloc­ca­ti qui, ai con­fi­ni del­l’Eu­ro­pa, e spa­ven­ta­ti dal­la pos­si­bi­li­tà di esse­re rispe­di­ti in Afgha­ni­stan su un aereo che ci impie­ghe­rà poche ore nel­l’af­fron­ta­re quel­lo stes­so cam­mi­no dura­to mesi e costa­to fati­che estre­me, nel­le mani di pas­sa­to­ri e traf­fi­can­ti. Non han­no più pau­ra, e han­no sem­pre pau­ra, per­ché non san­no più distin­gue­re una cosa dall’altra.

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Ci vediamo a Roma, il 23 e 24 ottobre, Largo Venue, con la nostra Scuola di Politica. Non abbiamo mai smesso di studiare, ma ora torniamo a farlo tutti e tutte insieme, di persona, finalmente.
Mentre sono sicura che si potrà fare a meno di benzina per qualche giorno (il benzinaio più vicino mi ha detto di riprovare lunedì o martedì), o dell’acqua sugli scaffali dei supermercati, o mangiare qualche verdura in meno per adesso, la situazione diventerà ancora più insostenibile per i diritti di chi lavora in questi settori e di conseguenza per l’intero paese, che, nel frattempo, raziona anche un dibattito profondo sull’impatto della Brexit.