Nessun Paese è un’isola — Una giornata nell’accoglienza che funziona

Edizione speciale della newsletter di Nessun Paese è un'isola. Inauguriamo l'anno nuovo con un viaggio breve ma intenso nell'accoglienza che funziona, a diretto contatto con operatori e ospiti.
sprar-cassano-1300x680

UNA GIORNATA NELL’ACCOGLIENZA CHE FUNZIONA

Il luo­go comu­ne secon­do il qua­le i migran­ti inta­sche­reb­be­ro ogni gior­no 35 euro alla fac­cia degli ita­lia­ni non è un insul­to rivol­to sola­men­te a richie­den­ti asi­lo e rifu­gia­ti, ma è un insul­to anche a chi lavo­ra all’in­clu­sio­ne socia­le di richie­den­ti asi­lo e rifu­gia­ti, e a chi lavo­ra bene, in par­ti­co­la­re. Come abbia­mo avu­to modo di ripe­te­re in più occa­sio­ni, esi­ste un siste­ma, il cui acro­ni­mo è SPRAR (Siste­ma Pro­te­zio­ne Richie­den­ti Asi­lo e Rifu­gia­ti) che fun­zio­na mol­to bene, per­ché pre­ve­de la par­te­ci­pa­zio­ne diret­ta degli enti loca­li, una ren­di­con­ta­zio­ne asso­lu­ta­men­te pun­tua­le del­le risor­se spe­se, il rispet­to di stan­dard qua­li­ta­ti­vi, ecce­te­ra. Pec­ca­to che lo SPRAR accol­ga sola­men­te il 13% dei rifu­gia­ti e dei richie­den­ti pro­te­zio­ne pre­sen­ti nel siste­ma di acco­glien­za ita­lia­no, men­tre il 78% di que­sti sia ospi­ta­to in strut­tu­re emer­gen­zia­li, i cosid­det­ti CAS (Cen­tri di Acco­glien­za Straor­di­na­ri), che sono gesti­ti sul­la base di ban­di pre­fet­ti­zi, non pre­ve­do­no for­me pun­tua­li di ren­di­con­ta­zio­ne e nem­me­no stan­dard qua­li­ta­ti­vi ele­va­ti. Ciò non toglie che ci sia­no CAS gesti­ti come SPRAR, ma ciò non toglie nem­me­no che la mag­gior par­te del­le situa­zio­ni al limi­ti del­la lega­li­tà e del­l’u­ma­no («si fan­no più sol­di con i migran­ti che con la dro­ga») rica­da­no nel­la fat­ti­spe­cie dei CAS.

Quin­di, per capi­re dove van­no a fini­re i 35 euro, qual­che set­ti­ma­na fa ho scrit­to alla mia ami­ca Fede­ri­ca, che lavo­ra per una coo­pe­ra­ti­va che gesti­sce cen­tri di acco­glien­za, sia SPRAR che CAS, garan­ten­do ugua­li stan­dard e ser­vi­zi in tut­te le strut­tu­re, e le ho chie­sto di poter­la osser­va­re per nove ore, dal­le 9 di mat­ti­na alle 18. Ho visi­ta­to, in una sola gior­na­ta, quat­tro strut­tu­re, poten­do let­te­ral­men­te fic­ca­re il naso ovun­que.

Ci dia­mo appun­ta­men­to in piaz­za a Fagna­no Olo­na e, bevu­to un caf­fè al volo, entria­mo nel pri­mo appar­ta­men­to del­la gior­na­ta. Si trat­ta di un CAS, gesti­to dal­la coo­pe­ra­ti­va insie­me alla par­roc­chia loca­le, e pen­sa­to come espe­ri­men­to pro­pe­deu­ti­co all’i­sti­tu­zio­na­liz­za­zio­ne del­l’ac­co­glien­za, quin­di al pas­sag­gio alla rete SPRAR. L’appartamento si col­lo­ca all’interno di una tipi­ca cor­te lom­bar­da, situa­ta di fian­co alla Chie­sa par­roc­chia­le: salia­mo alcu­ni gra­di­ni di una sca­la ester­na men­tre Islam apre la por­ta. Nel­l’ap­par­ta­men­to, di cir­ca 50 metri qua­dra­ti, vivo­no lui e Dolal, entram­bi ori­gi­na­ri del Ban­gla­desh. Fede­ri­ca è asso­lu­ta­men­te intran­si­gen­te: fa un giro del­la casa e, tro­va­to un pan­no per ter­ra, li ripren­de imme­dia­ta­men­te, invi­tan­do­li a una mag­gio­re atten­zio­ne all’or­di­ne e alla puli­zia. C’è odo­re di frit­to, e per que­sto non sono stu­pi­to dai bido­ni di pla­sti­ca impi­la­ti in cuci­na, che una vol­ta con­te­ne­va­no olio di semi. «E’ da pochi mesi che sono qui a Fagna­no — mi spie­ga Fede­ri­ca -, anche sesono in Ita­lia da più di un anno». Ini­zia­mo la lezio­ne di ita­lia­no (a bre­ve comin­ce­ran­no le lezio­ni pres­so il CPIA) e risul­ta subi­to evi­den­te la dif­fe­ren­te pre­pa­ra­zio­ne. «Islam e Dolal sono sta­ti per mesi ospi­ti di un’altra strut­tu­ra, ma pur­trop­po par­ti­va­no da una situa­zio­ne di sco­la­riz­za­zio­ne pre­gres­sa, in Ban­gla­desh, total­men­te dif­fe­ren­te, che si mani­fe­sta con una mag­gio­re dif­fi­col­tà di appren­di­men­to di Dolal».

Fini­ta l’o­ra di lezio­ne ci diri­gia­mo ver­so Cas­sa­no Magna­go, facen­do però pri­ma tap­pa in sta­zio­ne a Busto Arsi­zio: «devo com­pra­re gli abbo­na­men­ti del tre­no per i ragaz­zi che ospi­tia­mo a Oggio­na». Loro, mi spie­ga Fede­ri­ca, già fre­quen­ta­no quo­ti­dia­na­men­te il CPIA e per que­sto moti­vo han­no biso­gno di spo­star­si in treno.

A Cas­sa­no, un altro appar­ta­men­to, anch’es­so di pro­prie­tà del­la Par­roc­chia, situa­to all’in­ter­no del­l’o­ra­to­rio. Ci abi­ta­no in quat­tro, e tut­ti e quat­tro stan­no facen­do lezio­ne di ita­lia­no, in que­sto caso con un volon­ta­rio del­la par­roc­chia, che si aiu­ta con testi di gram­ma­ti­ca per stra­nie­ri, i cui argo­men­ti ricor­ren­ti sono fughe e migra­zio­ni. Il più bra­vo è un ragaz­zo malia­no: non uti­liz­za più la gram­ma­ti­ca. Leg­ge Avve­ni­re, in par­ti­co­la­re un arti­co­lo sul­la situa­zio­ne medio­rien­ta­le, e cer­chia le paro­le che non cono­sce. In cuci­na, sui for­nel­li, una pen­to­la con del sugo. Fini­ta la lezio­ne, e ispe­zio­na­to l’ap­par­ta­men­to, Fede­ri­ca accom­pa­gna tut­ti e quat­tro a fare la spe­sa. Han­no deci­so tem­po fa di met­te­re in comu­ne le risor­se desti­na­te al vit­to, per rea­liz­za­re del­le pic­co­le eco­no­mie di sca­la. Com­pra­no tan­tis­si­ma ver­du­ra, poca car­ne — e di taglio non pre­gia­to -, Coca Cola. Ogni tan­to indu­gia­no su alcu­ni pro­dot­ti, ma Fede­ri­ca li richia­ma all’or­di­ne e li con­si­glia. Le per­so­ne attor­no a noi ci guar­da­no con quel­l’in­dif­fe­ren­za che non lo è, con occhi che indu­gia­no una imper­cet­ti­bi­le fra­zio­ne di secon­do di trop­po.

Andia­mo ad Oggio­na, dai ragaz­zi che fre­quen­ta­no il CPIA per i qua­li abbia­mo acqui­sta­to gli abbo­na­men­ti del tre­no, e che sono alla ricer­ca di un pri­mo impie­go. Pro­ven­go­no dal­l’A­fri­ca nera, par­la­no il fran­ce­se. Uno di loro pesa gli spa­ghet­ti da but­ta­re nel­l’ac­qua bol­len­te, un altro lavo­ra, aiu­ta­to da Fede­ri­ca, alla ste­su­ra del pro­prio cur­ri­cu­lum, men­tre un ter­zo è sedu­to sul diva­no, con lo sguar­do assen­te: «Non pre­oc­cu­par­ti Sei­ba, stia­mo già orga­niz­zan­do il ricor­so, fare­mo tut­to il pos­si­bi­le», cer­ca di ras­si­cu­rar­lo — sen­za illu­der­lo — Fede­ri­ca, rispet­to al riget­to del­la doman­da di asi­lo che ha rice­vu­to pochi gior­ni fa.

E’ l’u­na pas­sa­ta da un pez­zo, e ci diri­gia­mo ver­so Vare­se, dove la coo­pe­ra­ti­va per cui lavo­ra Fede­ri­ca gesti­sce un’al­tra strut­tu­ra, che ospi­ta più per­so­ne, e dove tro­va spa­zio anche un pic­co­lo uffi­cio. Anche in que­sto caso Fede­ri­ca si accer­ta che tut­to sia in ordi­ne. La cuci­na è uno spa­zio comu­ne, gesti­to in auto­no­mia dagli ospi­ti, e sul­le pare­ti sono appe­si i tur­ni del­la cor­vée. Non tut­ti i ragaz­zi sono all’in­ter­no del­la strut­tu­ra, ma col pas­sa­re del tem­po si affac­cia­no all’uf­fi­cio, rac­con­tan­do a Fede­ri­ca come pro­ce­do­no le cose, cosa han­no fat­to duran­te la gior­na­ta, chie­den­do con­si­gli sui per­cor­si for­ma­ti­vi. Uno di loro, mol­to gio­va­ne, non è sicu­ro di voler fare l’e­sa­me per la licen­za media, ma di voler inve­sti­re più tem­po nel­la ricer­ca di lavo­ro. Un altro vuo­le soste­ne­re l’e­sa­me di lin­gua per un livel­lo che Fede­ri­ca non ritie­ne ade­gua­to, e così via. Nel frat­tem­po Fede­ri­ca comin­cia il lavo­ro che le toc­ca fare ogni vol­ta che pas­sa in uffi­cio, e cioè ren­di­con­ta­re tra­mi­te un soft­ware dedi­ca­to tut­te le spe­se soste­nu­te duran­te la gior­na­ta stret­ta­men­te lega­te all’ac­co­glien­za, dagli abbo­na­men­ti del tre­no a uno sci­rop­po per la tosse.

Il bilan­cio del­le otto ore lavo­ra­ti­ve è di fat­to que­sto: tre appar­ta­men­ti e una strut­tu­ra più ampia visi­ta­ta, lezio­ni di ita­lia­no, soste­gno nel­la ricer­ca del lavo­ro, acqui­sti vari e con­se­guen­te ren­di­con­ta­zio­ne. Il tut­to seguen­do un approc­cio che non è sola­men­te rigo­ro­so, ma che ten­de alla com­ple­ta inclu­sio­ne del rifu­gia­to o richie­den­te asi­lo, non sola­men­te for­ma­ti­va o pro­fes­sio­na­le, ma pas­san­do anche da aspet­ti del­la quo­ti­dia­ni­tà qua­li fare la spe­sa, cuci­na­re, tene­re la casa in ordi­ne. Ed ecco spie­ga­to dove van­no a fini­re i 35 euro — tut­ti ren­di­con­ta­ti! — quan­do ven­go­no spe­si bene.

 

IL PUNTO SUL 2016

Nel 2016 sono arri­va­te via mare in Euro­pa 361mila per­so­ne. Nel 2015 era­no sta­te un milio­ne e 15mila. Nel 2014, 216mila.

In Ita­lia ne sono arri­va­te 180mila (nel 2015, 153mila, nel 2014, 169mila), in Gre­cia 173mila.

Nel 2016 sono mor­ti nel Medi­ter­ra­neo 5.022 migran­ti. Nel 2015 ne mori­ro­no 3.771. Il 2016 è l’anno con più morti.

Le pri­me die­ci nazio­na­li­tà per nume­ro di arri­vi rap­pre­sen­ta­no il 76% del tota­le degli arri­vi. Le pri­me cin­que nazio­na­li­tà: Siria (23%), Afgha­ni­stan (12%), Nige­ria (10%), Iraq (8%), Eri­trea (6%).

 

NEWS IN BREVE

Negli scor­si gior­ni si è svi­lup­pa­to un dibat­ti­to irrea­le sul­la neces­si­tà di espel­le­re tut­ti gli irre­go­la­ri. Ne ho scrit­to dif­fu­sa­men­te, cer­can­do di spie­ga­re una solu­zio­ne alter­na­ti­va più rea­li­sti­ca e più uma­na, rispon­den­do a Bep­pe Gril­lo, così come a Debo­ra Ser­rac­chia­ni, e facen­do nota­re che sul­la que­stio­ne dei migran­ti mol­to spes­so le posi­zio­ni di mag­gio­ran­za e mino­ran­ze coin­ci­do­no (in peg­gio). Tra l’altro, nel 2013 la Came­ra si era già espres­sa con­tro que­sta stra­te­gia, con par­ti­co­la­re rife­ri­men­to alla disu­ma­ni­tà dei CIE.

Sono comin­cia­ti, nel frat­tem­po, i rim­pa­tri dai pae­si euro­pei all’Afghanistan. Il NY Times ha inter­cet­ta­to tre rim­pa­tria­ti, che rac­con­ta­no come la loro vita in Afgha­ni­stan non esi­sta più, dato che ne sta­va­no costruen­do un’altra in Germania.

Il pri­mo di gen­na­io 800 migran­ti han­no cer­ca­to di sca­val­ca­re l’alta recen­zio­ne che sepa­ra il Maroc­co dall’enclave spa­gno­la di Ceu­ta.

La sto­ria dell’imprenditore cana­de­se che, con 1,5 milio­ni di dol­la­ri, ha por­ta­to 58 fami­glie siria­ne in Cana­da, garan­ten­do loro una nuo­va vita.

 

MUST WATCH

Sto­ria di una pal­lot­to­la, il web­doc a cura di Emergency.

 

Come sem­pre, date­ci una mano a dif­fon­de­re la new­slet­ter: fare del­la buo­na infor­ma­zio­ne è il pri­mo pas­so per evi­ta­re pau­re e stru­men­ta­liz­za­zio­ni. Il form per iscri­ver­si è com­pi­la­bi­le qui: https://goo.gl/forms/XbYXeIlu7p0jMmYb2

Per doman­de, inte­gra­zio­ni, sug­ge­ri­men­ti, pre­sen­ta­zio­ni di Nes­sun Pae­se è un’isola, l’indirizzo mail al qua­le scri­ve­re è [email protected].

E buon anno, ovvia­men­te. Spe­ran­do che quest’anno pos­sa rega­la­re più pace.

(Nel nostro pic­co­lo, pos­sia­mo far­lo con una dona­zio­ne per la cam­pa­gna #SaveA­lep­po).

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il dare una pacca sul sedere a una donna non è percepito dalla maggioranza dell’opinione pubblica, e intendo non solo maschile, come una cosa grave, come un reato, ma solo, al massimo, come una sciocchezza, uno scherzo, un piccolo, insignificante, errore in una carriera di vita immacolata.