Elezioni

#

11 Ago: E se fare come dice Salvini non fosse poi questa grande idea?

Sono passati pochi giorni dalla sparata di Salvini e già si fa largo tra tutte le opposizioni - ma proprio tutte, dal M5S al Pd fino a Forza Italia - la consapevolezza che forse dargli retta e votare subito non è poi questa grande idea. La notizia non è stata valorizzata adeguatamente, ma tre giorni fa, nel pieno del bailamme, Mattarella ha fatto uscire un comunicato di una riga che diceva, più o meno: "Io vado in vacanza". Ed è partito per il mare. Altro che accelerazione, capito?
#

22 Mag: Brindisi verso le elezioni amministrative

Una città, per usare uno slogan recente, per i molti non per i pochi, una città dove la macchina comunale funzioni, una città sostenibile che finalmente riesca a chiudere il ciclo dei rifiuti; una città a misura di tutti, inclusiva, dove finalmente anche i servizi essenziali non siano un miraggio, una città che finalmente rimetta al centro i cittadini, lo studio, il lavoro, la sanità e la salute.
#

25 Set: I moderati e gli esclusi

Dobbiamo intervenire sulle ragioni profonde che portano a optare per proposte politiche che intervengano radicalmente sulle disuguaglianze e sulla mancanza di prospettive che riguardano parte consistente della popolazione.
#

18 Apr: Taranto: con Vincenzo Fornaro per il rilancio culturale, turistico e umano della città

La sfida è ambiziosa ed il tempo è poco; non riusciamo però a non immaginare una città “normale” dove funzionino i mezzi pubblici, dove la raccolta differenziata diventi metodo rigoroso di rispetto ambientale oltre che occasione di risparmio, la cui risorsa più importante, il mare, sia certo volano economico, in cui la formazione e la scuola rappresentino il fiore all’occhiello di una politica aperta alla collaborazione ed al confronto e tanto altro ancora.
#

09 Mar: Tulipano rosso – La sinistra olandese e le elezioni/3

Dopo il Partito del Lavoro e la Groenlinks, nell’ultima tappa del nostro viaggio nella sinistra olandese ci occupiamo del Partito Socialista (SP), che si propone come il partito della “heem”, un termine traducibile in italiano in modo forse inadeguato come “comunità di appartenenza”, un luogo cioè dove gli “altri” non sono visti come dei concorrenti ma piuttosto come dei vicini o dei colleghi e dove chi vuole entrare è il benvenuto purché collabori.

  •  
  •  
  •  
  •  
#

01 Mar: Tulipano rosso – la sinistra olandese e le elezioni/2

Continuiamo il nostro viaggio nella sinistra olandese a ormai meno di un mese dalle elezioni per parlare della Groen Links (Sinistra Verde). La GroenLinks è stata fondata nel 1990. Il partito deriva dalla fusione tra il Partito Politico Radicale, il Partito Socialista Pacifista, il Partito Comunista d’Olanda e il Partito Popolare Evangelico. Al suo debutto parlamentare il partito ottenne 6 seggi. Successivamente il numero dei seggi ottenuti ha fluttuato tra 11 (1998) e il record negativo alle ultime elezioni di 4 seggi (2012). Gli ultimi sondaggi danno il partito in promettente rimonta tra 16 e 18 seggi (circa l’11% dei consensi elettorali).

  •  
  •  
  •  
  •  
#

02 Feb: «I politici pensano solo alla legge elettorale». Lo scrive Renzi. Giuro.

Matteo Renzi (che ringhia contratto nelle sue solipsistiche vendette come raccontano oggi tutti i giornali) finge di non essere la stessa persona che è riuscito a frantumare il Paese, si dimentica di essere segretario del più grande partito del Paese (partito in dissoluzione, com’è nelle sue corde di idea di comando) e si lancerà in un’esaltante campagna elettorale basata sulla perdita di memoria a breve termine.

  •  
  •  
  •  
  •  
#

02 Feb: La campagna elettorale culturale

Mentre i grandi gruppi decidono quando e come si andrà a votare, mezzo partito del governo si interroga se lasciare il governo ovvero il partito, cambiamo proprio modo di pensare alla politica, restituendola alla sostanza di cui dovrebbe occuparsi: come rendere sostenibile la vita delle persone (articolo 3), come far pagare le tasse alle multinazionali (che non le pagano) in una corretta proporzione e progressività (articolo 53), come rispettare il lavoro e una paga dignitosa per tutti e tutte (articolo 36), come gestire l’accoglienza in modo rigoroso e compatibile con il benessere di tutti (risalendo alle cause, articolo 10 ma anche 11), come fare in modo che la tecnologia ci aiuti a preservare la bellezza (articolo 9). E avanti così, articolo per articolo, punto per punto, in un catalogo illustrato delle cose che faremmo al posto di quelle che vediamo.

  •  
  •  
  •  
  •  
#

30 Gen: Mostri politici (e dove trovarli)

Bisogna venire a Frosinone per osservare da vicino Frankenstein. La povera Mary Shelley fosse vissuta due secoli dopo, anziché ricorrere alla sua immaginazione, si sarebbe potuta ispirare alla politica di Frosinone per scrivere il suo capolavoro. Formidabile nel ruolo del dottor Victor Frankenstein il Partito Democratico che ha sapientemente utilizzato Area Popolare e Sinistra Italiana per fare la sua mostruosa “creatura” nella Amministrazione Provinciale.

  •  
  •  
  •  
  •  
#

14 Gen: Tulipano Rosso – La sinistra olandese e le elezioni

Il 15 marzo si terranno in Olanda le elezioni della camera bassa, l’unica eletta direttamente dai cittadini. I sondaggi prevedono una forte affermazione del PVV, il partito dell’estrema destra xenofoba di Geert Wilders, destinato a diventare il primo partito del paese. Previsto un tracollo dei partiti della coalizione di governo, i liberali di destra del VVD e i laburisti del PvdA che i sondaggi predicono scendere a circa la metà e un quarto dei seggi del 2012 rispettivamente. Come si stanno attrezzando le forze di sinistra per fare fronte agli effetti di un sommovimento che ha elementi in comune con quello di altri paesi europei, ma anche alcuni elementi di specificità, in un sistema proporzionale puro che incoraggia la frammentazione in piccoli partiti e costringe a creative quanto improbabili grandi coalizioni di governo?

  •  
  •  
  •  
  •  
#

02 Gen: Una Coalizione Civica per Padova

Una formula che vuole sfidare i personalismi, ovvero l’atteggiamento da “padroni di casa” con il quale Massimo Bitonci e i suoi fedelissimi (che si ripresenteranno alle prossime elezioni) hanno gestito la cosa pubblica nelle sue varie espressioni. Una sfida alla filosofia dell’uomo solo al comando, che mira a restituire la politica della città ai suoi cittadini.

  •  
  •  
  •  
  •