Germania: il rosso-rosso-verde alla prova del voto

Sarà questo sufficiente a superare le divergenze per compiere a livello locale una prova generale di quello che potrebbe avvenire a Berlino a fine settembre dopo le elezioni politiche, ovvero la formazione di un governo rosso-rosso-verde?

[vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1494405262626{margin-top: 20px !important;}”][/vc_column_text][vc_column_text]

 Il pros­si­mo 14 mag­gio il suc­ces­so del cen­tro­si­ni­stra in Rena­nia Set­ten­trio­na­le-Vest­fa­lia (NRW) non dipen­de­rà sola­men­te dall’”effetto trai­no” deter­mi­na­to dal­la can­di­da­tu­ra da par­te dei social­de­mo­cra­ti­ci (SPD) di Mar­tin Schulz e dal voto che vor­ran­no dare gli elet­to­ri alla pre­si­den­te uscen­te Han­ne­lo­re Kraft (SPD) per dimo­stra­re l’apprezzamento del lavo­ro fat­to. Mol­to dipen­de­rà anche dal nume­ro di voti rac­col­ti dagli allea­ti di un pos­si­bi­le gover­no ros­so-ros­so-ver­de al qua­le, oltre all’SPD, dovreb­be­ro par­te­ci­par­vi il par­ti­to di sini­stra Die Lin­ke (stan­do agli ulti­mi son­dag­gi, è pro­prio sul­la soglia del 5%, discri­mi­nan­te per entra­re al Land­tag NRW) e il par­ti­to ver­de Bünd­nis 90-Die Grü­nen.

I Ver­di negli ulti­mi anni han­no visto ridi­men­sio­na­ta l’ondata di con­sen­so che li ha por­ta­ti ad otte­ne­re la pre­si­den­za del Baden-Wüt­tem­berg e ad ave­re una rap­pre­sen­tan­za in tut­ti i par­la­men­ti regio­na­li fra il 2011 e il 2016 dopo il disa­stro di Fuku­shi­ma del mar­zo 2011. Per que­sto moti­vo si pre­sen­ta­no in NRW non più con un pro­gram­ma tra­sver­sa­le, ma con uno incen­tra­to sul­la dife­sa dell’ambiente e del ter­ri­to­rio, tema­ti­che per le qua­li i Ver­di si defi­ni­sco­no gli uni­ci in gra­do di offri­re un pro­gram­ma cre­di­bi­le. Alcu­ni dei pun­ti chia­ve sono:

  • por­re fine all’estrazione e al con­su­mo di ener­gie fos­si­li e sod­di­sfa­re il fab­bi­so­gno ener­ge­ti­co per il 50% tra­mi­te fon­ti rin­no­va­bi­li (sola­re, eoli­co, idroe­let­tri­co) entro il 2030;
  • favo­ri­re le azien­de che idea­no e fab­bri­ca­no pro­dot­ti vol­ti alla dife­sa dell’ambiente, gene­ran­do al tem­po stes­so cir­ca 100mila nuo­vi posti di lavo­ro nel set­to­re entro il 2025;
  • atti­va­re una rete di tra­spor­to pub­bli­co soste­ni­bi­le con nuo­ve piste cicla­bi­li, nuo­vi tre­ni acces­si­bi­li a tut­ti e sta­zio­ni di rica­ri­ca per auto elet­tri­che, sfa­vo­ren­do l’uso pri­va­to dell’auto e ridu­cen­do la costru­zio­ne di nuo­ve stra­de, pun­tan­do al man­te­ni­men­to del­la rete esistente.

Syl­via Löhr­mann, vice­pre­si­den­te uscen­te e can­di­da­ta di pun­ta, ci tie­ne poi a sot­to­li­nea­re che anche la fami­glia, il socia­le e la cit­ta­di­nan­za digi­ta­le han­no un ruo­lo cen­tra­le nel pro­gram­ma con cui i Ver­di si pre­sen­ta­no alle ele­zio­ni. Obiet­ti­vi per la pros­si­ma legi­sla­tu­ra sono:

  • la rifor­ma del siste­ma sco­la­sti­co, aumen­tan­do i posti dispo­ni­bi­li negli asi­li e ren­den­do l’attuale siste­ma meno eli­ta­rio e più inclu­si­vo, con un’attenzione par­ti­co­la­re rivol­ta a gli alun­ni con esi­gen­ze spe­cia­li;
  • il risa­na­men­to di tut­te le strut­tu­re pub­bli­che a par­ti­re dagli edi­fi­ci sco­la­sti­ci e dal­le infra­strut­tu­re dedi­ca­te allo sport e alla socia­liz­za­zio­ne;
  • l’incentivo di una poli­ti­ca sani­ta­ria vol­ta alla pre­ven­zio­ne e all’offerta di soste­gno nel­la ter­za età con un’adeguata assi­sten­za domi­ci­lia­re o pres­so resi­den­ze per anzia­ni, secon­do le neces­si­tà individuali;
  • la lega­liz­za­zio­ne del­la pro­du­zio­ne e distri­bu­zio­ne del­la can­na­bis, secon­do un model­lo controllato;
  • l’amplia­men­to dell’elettorato atti­vo ai 16enni per l’elezione del Land­tag e a tut­ti i cit­ta­di­ni resi­den­ti, anche stra­nie­ri, per le ele­zio­ni amministrative;
  • l’arginamento del popu­li­smo di estre­ma destra e del radi­ca­li­smo isla­mi­co inve­sten­do in mag­gio­re sicu­rez­za, nell’incre­men­to dell’organico di poli­zia e in poli­ti­che di con­trol­lo mira­te e mag­gior­men­te efficienti;
  • l’acces­so alla ban­da lar­ga per tut­ti entro il 2025, garan­ten­do un’ammi­ni­stra­zio­ne tra­spa­ren­te e al tem­po stes­so la pro­te­zio­ne dei dati personali.

La sini­stra di Die Lin­ke, che vede come can­di­da­ti di pun­ta il tan­dem Chri­stian Leye — Özlem Demi­rel, mira a rien­tra­re nel par­la­men­to regio­na­le del­la NRW dopo il risul­ta­to delu­den­te del 2012 (un mise­ro 2,5%, in calo di oltre 3 pun­ti rispet­to alle ele­zio­ni del 2010). Men­tre a livel­lo nazio­na­le Die Lin­ke sem­bra scon­ta­re un arre­tra­men­to in ter­mi­ne di con­sen­si dovu­to alla poli­ti­ca por­ta­ta avan­ti nel­la gestio­ne del­la cri­si migra­to­ria, a livel­lo regio­na­le sem­bra aver man­te­nu­to i risul­ta­ti otte­nu­ti alle ulti­me ele­zio­ni poli­ti­che del 2013 (6,1%).

Il pro­gram­ma pro­po­sto da Die Lin­ke ha mol­ti pun­ti in comu­ne con il pro­gram­ma dei Ver­di (crea­zio­ne di 500 mila nuo­vi posti di lavo­ro nell’istruzione, nel­la sani­tà e nel socia­le; rifor­ma del siste­ma sco­la­sti­co in sen­so mag­gior­men­te egua­li­ta­rio; eli­mi­na­zio­ne dell’uso di ener­gie fos­si­li a favo­re del­le rin­no­va­bi­li; rete di tra­spor­to pub­bli­co soste­ni­bi­le e acces­si­bi­le a tut­ti), ma pone l’accento su altre tema­ti­che, in par­ti­co­la­re sul­le poli­ti­che del lavo­ro e sul­la poli­ti­ca inter­na­zio­na­le. In par­ti­co­lar modo die Lin­ke si pro­po­ne di:

  • isti­tui­re a livel­lo regio­na­le un sala­rio mini­mo di 12€/ora e ridur­re la set­ti­ma­na lavo­ra­ti­va a 30 ore (attual­men­te, nel set­to­re pub­bli­co è di oltre 39 ore);
  • alleg­ge­ri­re il mer­ca­to del lavo­ro, modi­fi­can­do l’attuale siste­ma dei Cen­tri per l’impiego (Job­cen­ter) e limi­tan­do l’uso inap­pro­pria­to dei con­trat­ti a tem­po deter­mi­na­to, soprat­tut­to per le fasce d’età più giovani;
  • modi­fi­ca­re il siste­ma di tas­sa­zio­ne, impo­nen­do ali­quo­te pro­gres­si­ve, più alte per le fasce di red­di­to più ele­va­te e alleg­ge­ren­do la pres­sio­ne fisca­le sui red­di­ti medio-bassi;
  • por­ta­re avan­ti una poli­ti­ca paci­fi­sta, impe­den­do ad esem­pio all’esercito di recar­si pres­so le scuo­le per fare cam­pa­gne di reclu­ta­men­to tra gli studenti;
  • ban­di­re la pro­du­zio­ne di armi desti­na­te all’esportazione;
  • oppor­si ai trat­ta­ti di libe­ro scam­bio (come il CETA, il TTIP o il TiSA) così da favo­ri­re pra­ti­che social­men­te ed eco­lo­gi­ca­men­te sostenibili.

Entram­bi i par­ti­ti con cui trat­ta­re per una pos­si­bi­le coa­li­zio­ne non han­no rispar­mia­to cri­ti­che all’SPD: i Ver­di avreb­be­ro volu­to misu­re mag­gior­men­te inci­si­ve sul­le tema­ti­che del­le ener­gie rin­no­va­bi­li e del disin­cen­ti­vo dell’uso del mez­zo pri­va­to e potreb­be­ro non tran­si­ge­re nel cor­so del­le pros­si­me trat­ta­ti­ve; Die Lin­ke inve­ce ha accu­sa­to la pre­si­den­te uscen­te Kraft del­la scar­sa atten­zio­ne ver­so l’infanzia e l’istruzione, per cui un bam­bi­no su cin­que in NRW si tro­ve­reb­be in con­di­zio­ne di pover­tà e quin­di svan­tag­gia­to nell’accesso al siste­ma d’istruzione, con rica­du­te nega­ti­ve sul­le pro­spet­ti­ve lavorative.

Nell’ottica di for­ma­zio­ne di un gover­no di cen­tro­si­ni­stra sem­bra tut­ta­via esser­ci lo spa­zio per tro­va­re un accor­do su tema­ti­che chia­ve qua­li lavo­ro, istru­zio­ne e ambien­te.

Sarà que­sto suf­fi­cien­te a supe­ra­re le diver­gen­ze per com­pie­re a livel­lo loca­le una pro­va gene­ra­le di quel­lo che potreb­be avve­ni­re a Ber­li­no a fine set­tem­bre dopo le ele­zio­ni poli­ti­che, ovve­ro la for­ma­zio­ne di un gover­no rosso-rosso-verde?

Comi­ta­to Ger­ma­nia e Olan­da Possibile

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?