Noi non aspettiamo, noi partiamo

Ossessionati dalla riduzione delle disuguaglianze, dalla possibilità di individuare soluzioni più ambiziosi e più progressive, convinti che si debba parlare della grande transizione che ci sta travolgendo, mentre la politica parla male, pensa male e fa peggio

[vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1501230878101{margin-top: 20px !important;}”][/vc_column_text][vc_column_text]Con Pos­si­bi­le abbia­mo auspi­ca­to in tut­ti i modi l’unità (e l’autonomia) di un’unica lista a sini­stra e per la Repub­bli­ca, abbia­mo sol­le­ci­ta­to (con suc­ces­so) una col­la­bo­ra­zio­ne par­la­men­ta­re tra il nostro grup­po e il grup­po di Mdp, abbia­mo chie­sto di abbas­sa­re i toni del­la pole­mi­ca per discu­te­re final­men­te di pro­gram­ma, abbia­mo resi­sti­to alle pro­vo­ca­zio­ni di chi inten­de soprat­tut­to divi­de­re, abbia­mo par­te­ci­pa­to a tut­te le mani­fe­sta­zio­ni in cui si discu­te­va dell’argomento sen­za pre­sun­zio­ne e con mol­ta dispo­ni­bi­li­tà all’a­scol­to, abbia­mo pre­sen­ta­to una pri­ma boz­za di mani­fe­sto, redat­to un pic­co­lo libro di con­te­sto al lavo­ro di ela­bo­ra­zio­ne che abbia­mo avvia­to mesi e mesi fa, abbia­mo cer­ca­to in ogni momen­to toni disten­si­vi e col­la­bo­ra­ti­vi.

Il nostro lavo­ro non si fer­ma qui. Di fron­te all’avanti-indietro di que­ste ulti­me set­ti­ma­ne, in atte­sa che si chia­ri­sca­no le posi­zio­ni di altri, che si com­pon­ga­no discus­sio­ni che han­no più il sapo­re con­gres­sua­le di quel­lo elet­to­ra­le, noi con­ti­nuia­mo a pro­get­ta­re e a lavo­ra­re: è già mol­to tardi.

Pri­ma anco­ra che que­sta discus­sio­ne pren­des­se le mos­se, abbia­mo defi­ni­to alcu­ni prin­ci­pi mini­mi per l’indi­vi­dua­zio­ne del­le can­di­da­tu­re: una com­mis­sio­ne di garan­zia nazio­na­le sor­teg­gia­ta tra gli iscrit­ti a Pos­si­bi­le; la respon­sa­bi­li­tà loca­le (di col­le­gio o di cir­co­scri­zio­ne) per coor­di­na­re la scel­ta del­le can­di­da­tu­re (chi fa il respon­sa­bi­le, non si can­di­da); la scel­ta di moda­li­tà par­te­ci­pa­ti­ve (stia­mo stu­dian­do il per­cor­so scel­to dal­la coa­li­zio­ne civi­ca di Pado­va, che ci pare rispon­de­re a mol­te esi­gen­ze di tra­spa­ren­za e di par­te­ci­pa­zio­ne degli elet­to­ri). Una deci­sio­ne vota­ta all’unanimità agli Sta­ti gene­ra­li di Par­ma del gen­na­io 2017.

Stia­mo defi­nen­do il pro­fi­lo pro­gram­ma­ti­co, che è par­ti­to con la Costi­tuen­te del­le idee, ha tro­va­to un altro momen­to di con­fron­to e di appro­fon­di­men­to al Poli­ti­Camp e si con­clu­de­rà a Mila­no il 16 set­tem­bre.

Stia­mo rac­co­glien­do com­pe­ten­ze, dispo­ni­bi­li­tà e risor­se per dare for­za a un pro­get­to lim­pi­do, coe­ren­te e aperto.

Non ci fer­me­re­mo nem­me­no per la pau­sa esti­va, pre­ci­san­do le nostre pro­po­ste, rilan­cian­do la nostra rico­gni­zio­ne, chie­den­do a ogni occa­sio­ne chia­rez­za e respon­sa­bi­li­tà a tut­ti i nostri interlocutori.

Docu­men­te­re­mo que­sto per­cor­so gior­no dopo gior­no, sen­za alcu­na opa­ci­tà, chia­ren­do i pas­sag­gi fon­da­men­ta­li e apren­do alla discus­sio­ne e alla par­te­ci­pa­zio­ne di tut­te le Pos­si­bi­li e di tut­ti i Possibili.

Chi vuo­le par­te­ci­pa­re ha mol­te occa­sio­ni e moda­li­tà per far­lo. Attra­ver­so i nostri comi­ta­ti, attra­ver­so la nostra piat­ta­for­ma, attra­ver­so il con­fron­to diret­to con il comi­ta­to scien­ti­fi­co e con il grup­po par­la­men­ta­re, attra­ver­so la mobi­li­ta­zio­ne che accom­pa­gne­rà le nostre pros­si­me mos­se, a par­ti­re da settembre.

Pos­si­bi­le ha una for­mu­la e un pro­fi­lo poli­ti­co pro­gram­ma­ti­co con il qua­le si con­fron­te­rà con chi vor­rà far­lo, sot­to una luce meri­dia­na, auspi­can­do un rin­no­va­men­to del­le strut­tu­re cul­tu­ra­li e poli­ti­che, capa­ce di met­te­re in discus­sio­ne l’ordine e il qua­dro poli­ti­co costi­tui­to, rin­no­van­do bat­ta­glie di civil­tà che mol­ti sem­bra­no ave­re abban­do­na­to, riba­den­do posi­zio­ni che ritie­ne giu­ste al di là del­la loro popo­la­ri­tà imme­dia­ta.

Per i mol­ti, non per i pochi, come dice quel­lo slo­gan che ora cita­no tut­ti. Sapen­do però che ci si deve orga­niz­za­re, biso­gna far­lo bene e pre­sto, altri­men­ti gli equi­li­bri rimar­ran­no quel­li che cono­scia­mo. Tra diver­si tipi di destra che si rin­cor­ro­no, in uno stra­no giro­ton­do che assu­me i trat­ti di una dan­za inquie­tan­te, scan­di­ta da bana­li­tà, da toni ecces­si­vi e da con­te­nu­ti pove­ris­si­mi e strumentali.

Come già per il refe­ren­dum costi­tu­zio­na­le, noi pre­fe­ria­mo l’indagine nel meri­to, il con­fron­to ser­ra­to del­le opi­nio­ni, la linea­ri­tà del ragio­na­men­to. Osses­sio­na­ti dal­la ridu­zio­ne del­le disu­gua­glian­ze, dal­la pos­si­bi­li­tà di indi­vi­dua­re solu­zio­ni più ambi­zio­si e più pro­gres­si­ve, con­vin­ti che si deb­ba par­la­re del­la gran­de tran­si­zio­ne che ci sta tra­vol­gen­do, men­tre la poli­ti­ca par­la male, pen­sa male e fa peggio.

Chi vuo­le far­lo con noi, è il ben­ve­nu­to. E tut­to quel­lo che fare­mo, che sare­mo riu­sci­ti a fare, sarà patri­mo­nio di tut­ti, a sini­stra, per la Repub­bli­ca, per l’Italia.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.
Cosa ha caratterizzato le destre di tutto il mondo negli ultimi anni se non la precisa strategia di solleticare la sfiducia e le paure dell’elettorato?
Non si possono fare tornare i vita i morti, non si può restituire la pace alle loro famiglie, né ricostituire tutte quelle vite e quelle famiglie che si sono sgretolate nel tempo, per conseguenze dirette ed indirette di un sistema mafioso e corrotto. Ma la giustizia sì che si può fare, ed è doveroso pretenderla. Per chi ha dato la vita per difenderla, per la nostra dignità di cittadini e per le generazioni future.