L’affidabile prevedibilità dell’editoriale sulla sinistra divisa

Ci sono alcu­ni ritua­li da non cui non si scap­pa, a cui sem­bria­mo esse­re con­dan­na­ti nei seco­li dei seco­li. I figli dei figli dei nostri figli pro­ba­bil­men­te rice­ve­ran­no le noti­zie tra­mi­te olo­pro­ie­zio­ni nei loro impian­ti neu­ro­na­li men­tre viag­ge­ran­no su mac­chi­ne volan­ti auto­gui­dan­ti, ma sta­te pur cer­ti che (se esi­ste­ran­no anco­ra le sta­gio­ni), ogni esta­te leg­ge­ran­no pagi­ne e pagi­ne di arti­co­li di rito sui luo­ghi del­la movi­da esti­va, su quan­ti ita­lia­ni van­no o non van­no in vacan­za, sull’emergenza cal­do, su come anzia­ni e bam­bi­ni deb­ba­no bere mol­ta acqua, man­gia­re frut­ta e ver­du­ra fre­sca e aste­ner­si da usci­re nel­le ore più cal­de, e i temu­tis­si­mi arti­co­li sul tor­men­to­ne radio­fo­ni­co dell’anno.

Ma se anche il dilu­vio doves­se pri­va­re le futu­re gene­ra­zio­ni del­le sta­gio­ni, c’è un tipo di arti­co­lo di rito che pos­sia­mo star cer­ti soprav­vi­vrà anche alla gran­de tran­si­zio­ne: l’editoriale cri­ti­co sul­la sini­stra.

Gene­re già ampia­men­te desta­gio­na­liz­za­to, ma che in esta­te rin­vi­go­ri­sce nel vuo­to del­le reda­zio­ni e nel dira­dar­si di più ghiot­ti lan­ci d’agenzia, l’editoriale cri­ti­co sul­la sini­stra è como­do, pra­ti­co, si abbi­na con tut­to, non impe­gna. È, in fon­do, un gad­get a cui il pub­bli­co è abi­tua­to, come il pareo o la bor­sa mare in omag­gio a solo 1,99€.

E pra­ti­ca­men­te si scri­ve da solo, a par­ti­re da un cano­vac­cio spe­ri­men­ta­tis­si­mo: la sini­stra è divi­sa, la sini­stra è liti­gio­sa, la sini­stra è fat­ta solo di vec­chi arne­si del­la poli­ti­ca, la sini­stra ripe­te i suoi erro­ri sto­ri­ci da cui non sem­bra voler impa­ra­re, la sini­stra ormai è distan­te dal popo­lo che vota Lega o M5S, la sini­stra non par­la dei temi impor­tan­ti, ma solo di pol­tro­ne da spar­ti­re, e così via.

Il segre­to del suc­ces­so dell’editoriale di sini­stra è far­lo scri­ve­re (o per lo meno fir­ma­re) a qual­cu­no che sia con­si­de­ra­to un esper­to del set­to­re, e quin­di pos­si­bil­men­te un eli­ta­rio, liti­gio­sis­si­mo e divi­si­vo vec­chio arne­se del­la sini­stra che abbia par­te­ci­pa­to a uno o più pro­get­ti fal­li­men­ta­ri e/o mino­ri­ta­ri. Se poi si vuo­le fare jac­k­pot, allo­ra è bene sce­glier­lo tra chi scri­ve solo ed esclu­si­va­men­te arti­co­li sul­la sini­stra divisa.

Que­sta vuo­le esse­re una pro­vo­ca­zio­ne, maga­ri un po’ abra­si­va, ma fat­ta col cuore.

Per­ché se abbia­mo, come abbia­mo, un estre­mo biso­gno di con­cen­trar­ci sul­le cose da pro­por­re per cam­bia­re l’Italia e su chi meglio pos­sa rap­pre­sen­tar­le, e su come coin­vol­ge­re lar­ga par­te del Pae­se in que­sto pro­ces­so, abbia­mo anche biso­gno di una mano da chi poi que­ste cose dovreb­be diffonderle.

Per­ché se ogni ten­ta­ti­vo, per quan­to ini­zia­le, per quan­to timi­do, per quan­to par­zia­le, di por­ta­re il dibat­ti­to dai nomi ai temi, è igno­ra­to, men­tre vie­ne col­ta ogni mini­ma occa­sio­ne per sot­to­li­nea­re i liti­gi, le divi­sio­ni e le beghe che ani­ma­no il nostro cam­po poli­ti­co, abbia­mo il timo­re che quel­la sul­la sini­stra liti­gio­sa e con­dan­na­ta a divi­der­si diven­ti una pro­fe­zia auto avve­ran­te.

Per cari­tà, tut­ti sia­mo lega­ti alle tra­di­zio­ni, e una par­te nasco­sta in cia­scu­no di noi desi­de­ra viva­men­te che il robo-bagni­no atti­vi l’ombrellone-laser anti-UV per i nostri pro­ni­po­ti can­tan­do A‑A-BBBRONZATISSIMA, ma cre­dia­mo ci sia spa­zio anche per un rac­con­to diver­so, e ci pia­ce­reb­be poter leg­ge­re anche di quel­lo, sen­za dover aspet­ta­re due o tre gene­ra­zio­ni.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

La cannabis riguarda 5 milioni di consumatori, secondo alcuni addirittura 6, molti dei quali sono consumatori di lungo corso che ne fanno un uso molto consapevole, non pericoloso per la società. Preparate lo SPID! Sarà una campagna brevissima, difficile, per cui servirà tutto il vostro aiuto. Ma si può fare. Ed è giusto provarci.
La crisi delle precipitazioni, così come l’aumento di fenomeni temporaleschi più violenti in termini di quantità di acqua e tempi più ristretti e l’innalzamento della quota dello zero termico ci devono spingere, se non costringere, a cambiare radicalmente il nostro approccio al sistema “montagna”. E questo impone anche un cambio drastico nella gestione del territorio anche dal punto di vista delle infrastrutture viabilistiche e sciistiche.
Come illustrato da Legambiente, le spiagge libere in Toscana e in particolare di quelle delle province di Lucca e Massa Carrara sono praticamente assenti: così nella regione (come in altre parti d'Italia) si consuma una grave privazione di un bene pubblico e un forte stress ambientale.