#MuslimBan: una storia tutta sbagliata che ricorda i peggiori incubi del Novecento

Non dobbiamo in alcun modo sottovalutare il provvedimento di Trump, un provvedimento che - oltre a essere inefficace e assurdo - apre a uno scivolamento che può riportare l'umanità a rivivere i peggiori incubi del novecento. E' necessario mobilitarsi ora, dappertutto, sorvegliando attentamente anche sulle politiche italiane e europee.

C’è una sto­ria che ogni tan­to ritor­na, quan­do tor­na­no di moda i respin­gi­men­ti, i muri, le bar­rie­re poli­ti­che che impe­di­sco­no a chi scap­pa dal­la guer­ra e dal­le per­se­cu­zio­ni di tro­va­re rifu­gio in un posto sicu­ro. E’ una sto­ria che ci ripor­ta a quel­lo che pro­ba­bil­men­te è il perio­do più buio del nove­cen­to, cui segui­ro­no, data l’u­na­ni­me con­dan­na e l’u­na­ni­me sde­gno, momen­ti di pro­du­zio­ne nor­ma­ti­va a livel­lo inter­na­zio­na­le che por­ta­ro­no alla costi­tu­zio­ne del­le Nazio­ni Uni­te e, più tar­di, alla sot­to­scri­zio­ne del­la Con­ven­zio­ne di Gine­vra sul­lo sta­tus dei rifu­gia­ti.

La sto­ria comin­cia il 13 mag­gio del 1939, quan­do il tran­sa­tlan­ti­co St. Louis pre­se il lar­go dal por­to di Ambur­go, con l’o­biet­ti­vo di sol­ca­re l’O­cea­no Atlan­ti­co. A bor­do vi era­no 937 pro­fu­ghi. 930 era­no ebrei, in fuga dal­la per­se­cu­zio­ne nazi­sta. Arri­va­ti a Cuba, il gover­no non con­ces­se ai pas­seg­ge­ri di sbar­ca­re e, dopo alcu­ni nego­zia­ti, sola­men­te una ven­ti­na di que­sti riu­sci­ro­no a met­te­re pie­de a L’A­va­na. Il tran­sa­tlan­ti­co si dires­se allo­ra ver­so le coste degli Sta­ti Uni­ti ma nep­pu­re in que­sto caso tro­vò acco­glien­za. Lo stes­so suc­ces­se con il Cana­da. Fu così che il capi­ta­no Gustav Schrö­der, non ebreo e anti­na­zi­sta, si vide costret­to a inver­ti­re la rot­ta, per tor­na­re in Euro­pa. 288 per­so­ne riu­sci­ro­no a tro­va­re ospi­ta­li­tà nel Regno Uni­to, men­tre le restan­ti 619 furo­no indi­riz­za­te ver­so Fran­cia, Olan­da e Bel­gio. 254 di que­sti mori­ro­no nei cam­pi di con­cen­tra­men­to nazi­sti e le loro sto­rie sono rac­con­ta­te, in que­sti gior­ni, da un account Twit­ter. Era­no per­so­ne così:

A guar­da­re in retro­spet­ti­va que­sta sto­ria non si può che esse­re assa­li­ti da un sen­so di ango­scia ter­ri­bi­le per il dram­ma vis­su­to dai 937 pro­fu­ghi, per la mor­te di 254 di loro, per la mio­pia e la chiu­su­ra dei gover­ni di fron­te agli ulti­mi, ai per­se­gui­ta­ti, ai con­dan­na­ti a mor­te sen­za alcu­na ragio­ne. Un enor­me peso sul­la coscien­za occidentale.

Un sen­so di ango­scia e di col­pa che, come dice­va­mo, ha faci­li­ta­to un cam­bia­men­to cul­tu­ra­le e nor­ma­ti­vo, rias­sun­to splen­di­da­men­te da una fra­se che si tro­va sul sito del Dipar­ti­men­to di Sta­to degli Sta­ti Uni­ti (ma non dite­lo a Trump): «Gli Sta­ti Uni­ti sono fie­ri del­la pro­pria sto­ria di acco­glien­za di immi­gra­ti e rifu­gia­ti. Il pro­gram­ma di ricol­lo­ca­men­to dei rifu­gia­ti riflet­te gli alti valo­ri e l’i­spi­ra­zio­ne alla com­pas­sio­ne, alla gene­ro­si­tà e alla lea­der­ship degli Sta­ti Uni­ti. Dal 1975 gli Ame­ri­ca­ni han­no accol­to oltre tre milio­ni di rifu­gia­ti da tut­to il mon­do. I rifu­gia­ti han­no costrui­to nuo­ve vite, nuo­ve case e nuo­ve comu­ni­tà, in pae­si e cit­tà di tut­ti i cin­quan­ta stati».

Non è la pri­ma vol­ta che gli Sta­ti Uni­ti, però, attua­no poli­ti­che di chiu­su­ra tota­le rispet­to a una cate­go­ria di per­so­ne (e non c’en­tra nul­la con quan­to fat­to da Oba­ma con l’I­raq nel 2011). Al Jazee­ra ha con­ta­to cin­que altre occa­sio­ni, oltre al caso del­la St. Louis, che a rileg­ger­le ora sem­bra­no asso­lu­ta­men­te fol­li. Par­lia­mo dei cine­si (1882), degli anar­chi­ci (1903), dei comu­ni­sti (1950), degli ira­nia­ni (1980) e del­le per­so­ne sie­ro­po­si­ti­ve (1987).

Se la sto­ria ci inse­gnas­se qual­co­sa, dovrem­mo intui­re facil­men­te come la scel­ta di Trump sia una scel­ta sba­glia­ta per ragio­ni sto­ri­che, ma non solo:

  • Col­pi­sce dei pae­si (Iran, Iraq, Libia, Soma­lia, Sudan, Siria e Yemen) i cui cit­ta­di­ni non c’en­tra­no nul­la con i prin­ci­pa­li attac­chi ter­ro­ri­sti­ci che si sono veri­fi­ca­ti negli ulti­mi anni negli Sta­ti Uni­ti, smen­ten­do l’e­qua­zio­ne tra migran­ti e ter­ro­ri­sti (per non par­la­re di quel­la tra rifu­gia­ti e terroristi).
  • Non sono col­pi­ti, inve­ce, pae­si con i qua­li Trump con­du­ce affa­ri eco­no­mi­ci, con­fi­gu­ran­do un poten­zia­le con­flit­to di interessi.
  • Il prov­ve­di­men­to non col­pi­sce ad esem­pio l’Ara­bia Sau­di­ta che sta con­du­cen­do da tem­po una cam­pa­gna di bom­bar­da­men­ti, col soste­gno sta­tu­ni­ten­se, con­tro lo Yemen, cau­san­do una gra­vis­si­ma cri­si uma­ni­ta­ria che sta gene­ran­do mol­ti sfol­la­ti e quin­di poten­zia­li rifu­gia­ti ma, para­dos­sal­men­te, su di loro rica­de il Muslim ban. E si ten­ga con­to che gli atten­ta­to­ri dell’11 set­tem­bre era­no in lar­ga par­te sauditi.
  • Da tem­po gli esper­ti di sicu­rez­za sono d’ac­cor­do nel soste­ne­re che per pro­teg­ger­si dal ter­ro­ri­smo sia neces­sa­rio con­cen­trar­si sui ter­ro­ri­sti, e non su inte­ri Pae­si in manie­ra indi­scri­mi­na­ta.
  • Il “ban” col­pi­sce anche rifu­gia­ti che già sono sta­ti “sele­zio­na­ti” da cam­pi pro­fu­ghi spar­si in giro per il mon­do e che avreb­be­ro dovu­to esse­re ricol­lo­ca­ti negli Sta­ti Uni­ti. Le auto­ri­tà del­le Nazio­ni Uni­te e degli Sta­ti Uni­ti inda­ga­no già in loco e fil­tra­no sola­men­te un nume­ro limi­ta­to di per­so­ne: non sono richie­den­ti asi­lo, ma sono rifu­gia­ti a tut­ti gli effet­ti. Sono cen­ti­nai di soma­li pron­ti ad abban­do­na­re i cam­pi pro­fu­ghi del Kenya dove vivo­no da anni, con il check-in già fat­to in alcu­ni casi, che han­no supe­ra­to pro­ce­du­re di sele­zio­ne e si vedo­no improv­vi­sa­men­te dire “sape­te che c’è? Sta­va­mo scherzando”.

https://twitter.com/realDonaldTrump/status/826774668245946368

Tut­ti que­sti moti­vi fan­no capo a una con­si­de­ra­zio­ne di fon­do: anche se esi­ste una ragio­ne per rite­ne­re che esi­sta un peri­co­lo pro­ve­nien­te da qual­che per­so­na pre­sen­te in qual­che par­te nel mon­do, non si pos­so­no trat­ta­re tut­ti i suoi con­na­zio­na­li allo stes­so modo. Se seguis­si­mo que­sto ragio­na­men­to, altri pae­si potreb­be­ro facil­men­te soste­ne­re che un cit­ta­di­no (o una cor­po­ra­tion, o più cit­ta­di­ni) ame­ri­ca­no sia una minac­cia e di con­se­guen­za chiu­de­re l’ac­ces­so a tut­ti i cit­ta­di­ni di quel pae­se. A che con­se­guen­ze por­te­reb­be un ragio­na­men­to del genere?

Pen­sia­mo all’ucci­sio­ne di Giu­lio Rege­ni: dovrem­mo vie­ta­re l’ac­ces­so in Ita­lia a tut­ti i cit­ta­di­ni egi­zia­ni per que­sto moti­vo, anche a colo­ro che maga­ri fug­go­no dal gover­no di Al Sisi? In que­sto caso, sta­rem­mo dicen­do che una per­so­na che scap­pa per gli stes­si moti­vi che sem­bra­no sta­re alla base del­la mor­te di Rege­ni non dovreb­be esse­re accol­ta nel nostro pae­se, sem­pli­ce­men­te per­ché la sua nazio­ne è sta­ta posta su una lista. Se dav­ve­ro ragio­nas­si­mo così, ha dichia­ra­to James Hatha­way, docen­te del­l’U­ni­ver­si­ty of Michi­gan ed esper­to di dirit­to dei rifu­gia­ti, «sta­rem­mo disu­ma­niz­zan­do quel­la per­so­na», ren­den­do­la diver­sa da Rege­ni per via del­la sua nazio­na­li­tà. E «la sto­ria» — con­ti­nua Hatha­way — «ci inse­gna che quan­do trat­tia­mo un inte­ro grup­po di per­so­ne come se non appar­te­nes­se­ro all’u­ma­ni­tà, soli­ta­men­te seguo­no dei disa­stri». Nien­te di più e nien­te di meno di quan­to suc­ces­so con i pas­seg­ge­ri del­la St. Louis (ma non pre­oc­cu­pa­te­vi: nem­me­no l’E­git­to è col­pi­to dal Muslim Ban).

Per con­clu­de­re, tor­nia­mo a noi. Si sono leva­ti nume­ro­si cori di con­dan­na all’o­pe­ra­to di Trump da par­te del­l’o­pi­nio­ne pub­bli­ca euro­pea (men­tre Gen­ti­lo­ni e Alfa­no sono sta­ti, inve­ce, mol­to timi­di), eppu­re è neces­sa­ria una rifles­sio­ni anche dal­le nostre par­ti. A bre­ve, infat­ti, si apri­rà il ver­ti­ce euro­peo del­la Val­let­ta, duran­te il qua­le l’im­mi­gra­zio­ne sarà un pun­to cen­tra­le di discus­sio­ne. Da quan­to è sta­to anti­ci­pa­to si appren­de che tut­ti gli sfor­zi si con­cen­tre­ran­no sul bloc­ca­re la rot­ta medi­ter­ra­nea attra­ver­so un accor­do di coo­pe­ra­zio­ne con la Libia per evi­ta­re le par­ten­ze. L’i­dea di bloc­ca­re le rot­te migra­to­rie è cau­sa del­la situa­zio­ne in cui ver­sa­va­no e ver­sa­no i migran­ti lun­go la rot­ta bal­ca­ni­ca, dal­la Gre­cia alla Ser­bia. Qua­li saran­no le con­se­guen­ze del bloc­ca­re rifu­gia­ti in Libia pos­sia­mo imma­gi­nar­lo con una mag­gio­re pre­ci­sio­ne dato il pas­sa­to recen­te fat­to di deten­zio­ni arbi­tra­rie, mal­trat­ta­men­ti e stu­pri, dati i rac­con­ti dei migran­ti che sono sfug­gi­ti da quel­l’in­fer­no, e dato un recen­tis­si­mo report indi­riz­za­to al gover­no tede­sco dal­la pro­pria amba­scia­ta in Niger, nel qua­le si leg­ge che in Libia «si veri­fi­ca­no quo­ti­dia­na­men­te ese­cu­zio­ni di innu­me­re­vo­li migran­ti, tor­tu­re, stu­pri, epi­so­di di cor­ru­zio­ne e di abban­do­no nel deser­to».

Se ci sono i muri di Trump, ci sono anche i muri ita­lia­ni e euro­pei, anche se spes­so non si vedo­no.

Per tut­te que­ste ragio­ni non dob­bia­mo in alcun modo sot­to­va­lu­ta­re il prov­ve­di­men­to di Trump, un prov­ve­di­men­to che — oltre a esse­re inef­fi­ca­ce e assur­do — apre a uno sci­vo­la­men­to che può ripor­ta­re l’u­ma­ni­tà a rivi­ve­re i peg­gio­ri incu­bi del nove­cen­to. E’ neces­sa­rio mobi­li­tar­si ora, dap­per­tut­to, sor­ve­glian­do atten­ta­men­te anche sul­le poli­ti­che ita­lia­ne e euro­pee.

Oggi, due feb­bra­io, si ter­rà una pri­ma mani­fe­sta­zio­ne di pro­te­sta, a Roma, di fron­te all’am­ba­scia­ta statunitense.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.

Risultati del Congresso 2024 di Possibile

Si pro­cla­ma Fran­ce­sca Druet­ti la nuo­va Segre­ta­ria di Pos­si­bi­le, e si inse­dia­no nei rin­no­va­ti Comi­ta­ti orga­niz­za­ti­vo e scien­ti­fi­co le per­so­ne nel­le liste a suo sostegno.