Il cortocircuito di relazioni pericolose che va da Trump allo Yemen, passando per Italia e Arabia Saudita

Lo Yemen rientra nella lista dei paesi colpiti dal provvedimento di Trump, ma i cittadini dello Yemen sono prima di tutto vittime della campagna di bombardamenti condotta dall'Arabia Saudita, condotta - è forte il sospetto - anche con armi provenienti dall'Italia. Un cortocircuito di relazioni pericolose globale e ipocrita.

In atte­sa che Gen­ti­lo­ni e il gover­no pren­da­no una dura posi­zio­ne di con­dan­na del­la scel­ta di Trump di bloc­ca­re l’ac­ces­so agli Sta­ti Uni­ti dei cit­ta­di­ni di alcu­ni pae­si a mag­gio­ran­za musul­ma­na, tor­nia­mo a occu­par­ci di uno di que­sti pae­si che — com­pli­ce l’A­ra­bia Sau­di­ta — si tro­va in un rap­por­to par­ti­co­la­re con l’I­ta­lia. Stia­mo par­lan­do del­lo Yemen, che dal mar­zo del 2015 (si avvi­ci­na­no i due anni di con­flit­to) è obiet­ti­vo dei bom­bar­da­men­ti ope­ra­ti da una coa­li­zio­ne gui­da­ta dal­l’A­ra­bia Sau­di­ta (sup­por­ta­ta anche da Sta­ti Uni­ti e Regno Uni­to) e vit­ti­ma di una duris­si­ma cri­si uma­ni­ta­ria che sta col­pen­do i civi­li. L’obiet­ti­vo del­la coa­li­zio­ne è quel­lo di scon­fig­ge­re i ribel­li Hou­thi che ave­va­no pre­so il con­trol­lo del­la capi­ta­le e di altre zone del pae­se soste­nu­ti, secon­do diver­se fon­ti, dall’Iran.

Nei gior­ni scor­si Ste­phen O’Brien, sot­to­se­gre­ta­rio Onu agli affa­ri uma­ni­ta­ri, ha riba­di­to le pro­prie pre­oc­cu­pa­zio­ni duran­te l’ul­ti­mo Con­si­glio di sicu­rez­za del­la Nazio­ni Uni­te, pro­spet­tan­do un anno di pover­tà asso­lu­ta, fame e care­stie per gli yeme­ni­ti. Uno sce­na­rio sul qua­le pesa note­vol­men­te la scel­ta di isti­tui­re una no-fly zone che ren­de mol­to dif­fi­col­to­so for­ni­re aiu­ti ai civi­li. Esper­ti del­la Nazio­ni Uni­te han­no par­la­to aper­ta­men­te di pos­si­bi­li cri­mi­ni di guerra.

La popo­la­zio­ne del­lo Yemen, infat­ti, ammon­ta a 27 milio­ni di cit­ta­di­ni: oltre 14 milio­ni sono espo­sti a una con­di­zio­ne di insi­cu­rez­za ali­men­ta­re che cau­sa la mor­te di un bam­bi­no di età infe­rio­re ai cin­que anni ogni die­ci minu­ti, in cir­co­stan­ze evi­ta­bi­li. Sono 3,3 milio­ni gli sfol­la­ti inter­ni.

L’Ita­lia, come dice­va­mo all’i­ni­zio, gio­ca un ruo­lo da pro­ta­go­ni­sta in que­ste dina­mi­che, dato che è dal nostro pae­se che sono par­ti­ti nume­ro­si cari­chi di arma­men­ti desti­na­ti all’A­ra­bia Sau­di­ta, rispet­to ai qua­li esi­ste il fon­da­to sospet­to che sia­no sta­ti uti­liz­za­ti esat­ta­men­te in Yemen. Abbia­mo sol­le­va­to e rico­strui­to più vol­te la vicen­da che, oltre a por­re for­ti inter­ro­ga­ti­vi di carat­te­re mora­le, potreb­be assu­me­re anche dei trat­ti giu­di­zia­ri, dato che l’ex­port di arma­men­ti (che in ogni caso deve esse­re auto­riz­za­to dal mini­ste­ro degli Este­ri, alla cui gui­da, fino a poco tem­po fa, c’e­ra Gen­ti­lo­ni) ver­so pae­si impe­gna­ti in con­flit­ti arma­ti è vie­ta­to dal­la leg­ge 185/1990. A fron­te di tut­to ciò, le rispo­ste del­la poli­ti­ca sono sta­te par­zia­li, han­no omes­so, non han­no chia­ri­to (così come non sono sta­te affat­to chia­ri­te le ragio­ni per le qua­li con­ti­nuia­mo a ven­de­re armi all’E­git­to di Al Sisi — e Giu­lio Rege­ni). Addi­rit­tu­ra, nei gior­ni scor­si, la rap­pre­sen­tan­za ita­lia­na alle Nazio­ni Uni­te ha chie­sto di ces­sa­re le osti­li­tà di Yemen così da poter far fron­te all’e­mer­gen­za uma­ni­ta­ria: una nota sto­na­tis­si­ma, eppu­re in tota­le armo­nia con le ambi­gui­tà che carat­te­riz­za­no le rela­zio­ni spe­cia­li che l’I­ta­lia intrat­tie­ne con Riad.

Con­clu­den­do e sin­te­tiz­zan­do: Donald Trump vie­ta l’in­gres­so negli Sta­ti Uni­ti ai cit­ta­di­ni del­lo Yemen, un pae­se che sta sof­fren­do una gra­vis­si­ma cri­si uma­ni­ta­ria anche a cau­sa dei bom­bar­da­men­ti ad ope­ra del­l’Ara­bia Sau­di­ta, che si tro­va alla gui­da di una coa­li­zio­ne soste­nu­ta dagli Sta­ti Uni­ti stes­si e rispet­to al qua­le la chiu­su­ra di Trump non si appli­ca.

Il gover­no Ita­lia­no sta man­te­nen­do un pro­fi­lo mol­to bas­so, sce­glien­do di non con­dan­na­re la deci­sio­ne di Trump. Inol­tre ha per­mes­so che bom­be par­ti­te dal­l’I­ta­lia finis­se­ro in mani sau­di­te e, quin­di, a mas­sa­cra­re civi­li yemeniti.

Que­sto è il qua­dro. Noi ci schie­ria­mo, anco­ra una vol­ta, dal­la par­te dei civi­li e dal­la par­te di chi scap­pa dal­la fame e dai mas­sa­cri, con­tro qual­sia­si for­ma di fasci­smo, di raz­zi­smo e di indi­ge­ri­bi­le ipo­cri­sia.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

A Parigi con il Nuovo Fronte Popolare

A Pari­gi si lavo­ra per fini­re le strut­tu­re del­le Olim­pia­di men­tre ini­zia a sen­tir­si il cal­do che pre­oc­cu­pa atle­ti e scien­zia­ti: “Rings of Fire”, si

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui