Quanti attacchi terroristici fatali sono stati compiuti da rifugiati negli Stati Uniti? Nessuno

«Quan­ti attac­chi ter­ro­ri­sti­ci fata­li sono sta­ti com­piu­ti da rifu­gia­ti negli Sta­ti Uni­ti? Nes­su­no». E’ que­sto il tito­lo di un arti­co­lo com­par­so pochi gior­ni fa sul sito web del­la CNN che spie­ga, dati alla mano, per­ché il prov­ve­di­men­to volu­to da Donald Trump che chiu­de le por­te ai rifu­gia­ti e ai cit­ta­di­ni di set­te pae­si a mag­gio­ran­za musul­ma­na non c’en­tra nul­la con una stra­te­gia effi­ca­ce di lot­ta al ter­ro­ri­smo. «L’i­dea di un “Muslim tra­vel ban” — scri­ve la CNN — è sta­ta intro­dot­ta da Trump nel dicem­bre 2015, poco dopo che Syed Riz­wan Farook e sua moglie, Tash­feen Malik, spa­ra­ro­no ucci­den­do 14 per­so­ne a San Ber­nar­di­no, Cali­for­nia». Ma l’or­di­ne ese­cu­ti­vo di Trump non si sareb­be appli­ca­to né a Farook né a Malik, e non avreb­be avu­to effet­to nem­me­no sugli ese­cu­to­ri dei prin­ci­pa­li attac­chi ter­ro­ri­sti­ci aven­ti matri­ce isla­mi­ca che si sono veri­fi­ca­ti su suo­lo sta­tu­ni­ten­se negli ulti­mi anni.

«Nes­su­na per­so­na entra­ta negli Sta­ti Uni­ti come rifu­gia­to, siria­no o con altra nazio­na­li­tà — spie­ga la CNN -, è sta­ta coin­vol­ta nei prin­ci­pa­li e mor­ta­li attac­chi ter­ro­ri­sti­ci da quan­do il Refu­gee Act del 1980 ha intro­dot­to pro­ce­du­re di con­trol­lo siste­ma­ti­che per accet­ta­re i rifu­gia­ti negli Sta­ti Uni­ti, stan­do a quan­to ripor­ta­to da un’a­na­li­si sui rischi ter­ro­ri­sti­ci lega­ti all’im­mi­gra­zio­ne con­dot­ta dal Cato Institute».

Pri­ma del 1980, inve­ce, tre rifu­gia­ti han­no por­ta­to a com­pi­men­to degli attac­chi ter­ro­ri­sti­ci: «tut­ti e tre era­no rifu­gia­ti cuba­ni, e furo­no ucci­se in tota­le tre persone». 

«Da quan­do è sta­ta pub­bli­ca­ta l’a­na­li­si del Cato Insti­tu­te, nel set­tem­bre 2016 — pre­ci­sa la CNN -, un rifu­gia­to soma­lo ha feri­to 13 per­so­ne all’O­hio Sta­te Uni­ver­si­ty in novem­bre, in quel­lo che gli inve­sti­ga­to­ri han­no defi­ni­to un attac­co ter­ro­ri­sti­co. Nes­su­no è mor­to».

L’ar­ti­co­lo pro­se­gue rile­van­do che «i pri­mi ese­cu­to­ri dei prin­ci­pa­li attac­chi ter­ro­ri­sti­ci sono cit­ta­di­ni ame­ri­ca­ni o cit­ta­di­ni stra­nie­ri resi­den­ti legal­men­te e ori­gi­na­ri di pae­si non inclu­si nel “muslim ban”». L’a­na­li­si pro­se­gue per­ciò con una ras­se­gna dei prin­ci­pa­li attac­chi ricon­dot­ti a matri­ce isla­mi­sta avve­nu­ti di recen­te negli Sta­ti Uni­ti, che vi ripro­po­nia­mo anche noi.

Attentato di San Bernardino

Nono­stan­te abbia ispi­ra­to il “tra­vel ban” di Trump, come dice­va­mo all’i­ni­zio, Farook era un cit­ta­di­no ame­ri­ca­no nato a Chi­ca­go, men­tre Malik è nata e cre­sciu­ta in Paki­stan per poi tra­sfe­rir­si in Ara­bia Sau­di­ta. E’ entra­ta negli Sta­ti Uni­ti gra­zie a una “K‑1 fian­cée visa” per poi dive­ni­re “lun­go sog­gior­nan­te”. L’or­di­ne ese­cu­ti­vo di Trump col­pi­sce set­te pae­si — Libia, Suda, Yemen, Soma­lia, Siria, Iraq e Iran — ma non Paki­stan e Ara­bia Sau­di­ta. Inol­tre, il pro­gram­ma “K‑1 fian­cee” resta in vigore.

Esplosioni di New York e New Jersey

Ahmad Khan Rahi­mi è accu­sa­to per le esplo­sio­ni che il 17 set­tem­bre 2016 han­no col­pi­to il New Jer­sey e il quar­tie­re di Chel­sea, dove rima­se­ro feri­te 29 per­so­ne. Rahi­mi è nato in Afgha­ni­stan ed è entra­to per la pri­ma vol­ta negli Sta­ti Uni­ti nel 1995, seguen­do — mol­ti anni dopo — l’ar­ri­vo di suo padre, richie­den­te asi­lo. Rahi­mi è diven­ta­to cit­ta­di­no sta­tu­ni­ten­se nel 2011, tra­scor­ren­do di recen­te — secon­do gli inve­sti­ga­to­ri — del tem­po in Afgha­ni­stan e Paki­stan, pae­si non col­pi­ti dal prov­ve­di­men­to di Trump.

Sparatoria all’Orlando Pulse nightclub

Omar Mateen, l’uo­mo che ha ucci­so 49 per­so­ne nel night­club di Orlan­do, era un cit­ta­di­no ame­ri­ca­no resi­den­te a Fort Pier­ce, Flo­ri­da, nato a New York da geni­to­ri pro­ve­nien­ti dal­l’Af­gha­ni­stan. Sua moglie è sta­ta arre­sta­ta que­sto mese con l’ac­cu­sa di ostru­zio­ne alle inda­gi­ni e soste­gno all’I­SIS. E’ cre­sciu­ta a Rodeo, Cali­for­nia, e i suoi paren­ti sono arri­va­ti negli Sta­ti Uni­ti nel 1985, dal­la West Bank. Né Afgha­ni­stan né West Bank rien­tra­no nel “ban”.

Esplosioni alla maratona di Boston

Tamer­lan e Dzho­khar Tsar­naev, ese­cu­to­ri del­l’at­ten­ta­to che col­pì Boston nel 2013, era­no nati in Kyr­gyz­stan da geni­to­ri ori­gi­na­ri di zone deva­sta­te dal­la guer­ra in Cece­nia. La fami­glia Tsar­naev è arri­va­ta negli Sta­ti Uni­ti quan­do Dzho­khar ave­va otto anni e fece­ro doman­da di asi­lo, seguen­do per­ciò pro­ce­du­re dif­fe­ren­ti rispet­to a chi arri­va come rifu­gia­to. Dzho­khar, il più pic­co­lo dei fra­tel­li, è diven­ta­to cit­ta­di­no sta­tu­ni­ten­se nel set­tem­bre 2012. Cece­nia e Kyr­gyz­stan non fan­no par­te del­la “lista Trump”.

World Trade Center, 11 settembre 2001

Del­le 19 per­so­ne coin­vol­te negli atten­ta­ti dell’11 set­tem­bre del 2001, 15 pro­ve­ni­va­no dal­l’A­ra­bia Sau­di­ta. Due dagli Emi­ra­ti Ara­bi Uni­ti, uno dal­l’E­git­to e uno dal Liba­no. Nes­su­no di que­sti pae­si rien­tra nel­la lista dei pae­si “ban­na­ti”. 

Que­sti dati ci rac­con­ta­no alme­no tre cose. La pri­ma è che l’e­qua­zio­ne tra immi­gra­zio­ne e ter­ro­ri­smo è sba­glia­ta, dato che la mag­gior par­te degli atten­ta­ti ter­ro­ri­sti­ci negli Sta­ti Uni­ti sono sta­ti com­piu­ti da cit­ta­di­ni ame­ri­ca­ni. La secon­da è che la scel­ta di Trump si basa su cri­te­ri del tut­to arbi­tra­ri, che sem­bra­no lega­ti ad altre dina­mi­che e ad altri inte­res­si, e non alla nazio­na­li­tà degli atten­ta­to­ri. La ter­za è che lad­do­ve esi­sto­no pro­ce­du­re di con­trol­lo col­lau­da­te, come il Refu­gees act del 1980, le cose funzionano.

La quar­ta, for­se la più cru­de­le, riguar­da l’as­so­cia­zio­ne tra rifu­gia­ti (una sot­to­ca­te­go­ria dei migran­ti) e ter­ro­ri­sti che, come abbia­mo visto, non reg­ge da alcun pun­to di vista.

Restia­mo uma­ni. Acco­glia­mo le per­so­ne che scap­pa­no da guer­re, per­se­cu­zio­ni, con­di­zio­ni di vita inso­ste­ni­bi­li. E com­bat­tia­mo il ter­ro­ri­smo, con prov­ve­di­men­ti pun­tua­li, che non leda­no liber­tà e dirit­ti, ma che uti­liz­zi­no stru­men­ti di intel­li­gen­ce e che vada­no nel­la dire­zio­ne di una più ampia con­di­vi­sio­ne del­le infor­ma­zio­ni tra stati.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?

In Sardegna il 25 febbraio scegli Alleanza Verdi Sinistra e Possibile

L’Al­lean­za Ver­di Sini­stra, che uni­sce Pos­si­bi­le, Euro­pa Ver­de — Ver­di, Sini­stra Ita­lia­na e Sini­stra sar­da ha scel­to di far par­te del­la coa­li­zio­ne del cen­tro­si­ni­stra che sostie­ne Ales­san­dra Tod­de: insie­me, nei mesi scor­si, ci sia­mo incon­tra­ti e incon­tra­te per met­te­re a pun­to un’i­dea di gover­no che non mira solo a bat­te­re le destre, ma vuol dare una rispo­sta alla nostra Isola.