Le colpe della “sinistra” (e di Possibile, in particolare)

Mi è bastato leggere le prime 52 parole, quelle pubblicate in prima pagina su Repubblica di oggi, per pensare che allora sia giusto che Roberto Saviano si tenga quel che c'è

[vc_row][vc_column][vc_column_text]Mi è basta­to leg­ge­re le pri­me 52 paro­le, quel­le pub­bli­ca­te in pri­ma pagi­na su Repub­bli­ca di oggi, per pen­sa­re che allo­ra sia giu­sto che Rober­to Savia­no si ten­ga quel che c’è. Nel­le pri­me 52 paro­le del fon­do fir­ma­to oggi da Savia­no, infat­ti, si dice che la “sini­stra” è mor­ta e que­sto anche per­ché «per qual­che tor­na­con­to elet­to­ra­le non si è esi­ta­to a strin­ge­re accor­di con i traf­fi­can­ti».

Ho con­ti­nua­to a leg­ge­re, e le cose stan­no esat­ta­men­te come mi aspet­ta­vo. L’ar­ti­co­lo di Savia­no rac­con­ta una sto­ria che — stan­do all’au­to­re — «ha a che fare con quel­la che è sta­ta fino ad oggi la poli­ti­ca sul­l’im­mi­gra­zio­ne del­la sini­stra, il cui testi­mo­ne rischia di esse­re rac­col­to dal­la destra xenofoba».

La sto­ria rac­con­ta­ta da Savia­no è quel­la del seque­stro e del suc­ces­si­vo dis­se­que­stro del­la nave del­la Ong spa­gno­la Proac­ti­va Open Arms, accu­sa­ta di asso­cia­zio­ne a delin­que­re fina­liz­za­ta al favo­reg­gia­men­to del­l’immi­gra­zio­ne clan­de­sti­na dal­la pro­cu­ra di Cata­nia, gui­da­ta dal pro­cu­ra­to­re Zuc­ca­ro.

Spia­ce, spia­ce dav­ve­ro che per l’en­ne­si­ma vol­ta si fac­cia con­fu­sio­ne nel­l’at­tri­bui­re respon­sa­bi­li­tà: se c’è qual­cu­no che è respon­sa­bi­le di accor­di con i traf­fi­can­ti, come scri­ve Savia­no, è il Par­ti­to Demo­cra­ti­co e il gover­no Gen­ti­lo­ni-Min­ni­ti (spal­leg­gia­to dal­le destre di ogni risma), non cer­to quel­la non meglio pre­ci­sa­ta “sini­stra”.

Sia­mo un pic­co­lo par­ti­to, ma un pic­co­lo par­ti­to corag­gio­so, da sem­pre impe­gna­to nel costruir­la, que­sta bene­det­ta “sini­stra”, e par­ti­co­lar­men­te corag­gio­so (lascia­te­ce­lo dire) esat­ta­men­te sul­le poli­ti­che migra­to­rie, pro­po­nen­do solu­zio­ni e argo­men­ti iden­ti­ci (iden­ti­ci!) a quel­li che Savia­no uti­liz­za per attac­car­la, que­sta non meglio pre­ci­sa­ta “sini­stra”. Con il risul­ta­to che se nes­su­no rico­no­sce­rà mai i (sep­pur pic­co­li) meri­ti di chi in que­sto cam­po si impe­gna, si otter­rà esat­ta­men­te il risul­ta­to oppo­sto: scre­di­ta­re la sini­stra e raf­for­za­re la destra e — soprat­tut­to — le poli­ti­che di destra, chiun­que le attui.

Cosa suc­ce­de­va con Proac­ti­va Open Arms l’ab­bia­mo rico­strui­to e spie­ga­to non appe­na avve­nu­to il seque­stro; pochi gior­ni dopo incon­tra­vo Ric­car­do Gat­ti (por­ta­vo­ce di Open Arms) a Mila­no duran­te un incon­tro pub­bli­co. Lo salu­ta­vo, gli por­ta­vo la soli­da­rie­tà di Pos­si­bi­le ricor­dan­do­gli di quel­la vol­ta che lo inter­vi­stai — e Ric­car­do fu dispo­ni­bi­lis­si­mo, come sem­pre. Era­va­mo all’i­ni­zio del­la fol­le sta­gio­ne di cri­mi­na­liz­za­zio­ne del­le Ong, una sta­gio­ne che abbia­mo rac­con­ta­to pren­den­do le par­ti di chi sal­va vite in mare, anche in un libric­ci­no scrit­to insie­me ad Andrea Mae­stri ed edi­to da Mani­fe­sto­li­bri, inti­to­la­to “L’uo­mo nero — La guer­ra ai migran­ti di Min­ni­ti”, così da non poter esse­re frain­te­si. Andrea Mae­stri è inol­tre pri­mo fir­ma­ta­rio di una pro­po­sta di rifor­ma del­la Bos­si-Fini, sem­pre cita­ta da Savia­no (cita­ta la Bos­si-Fini, non la rifor­ma Mae­stri: che ave­va­te capito?).

Non mi dilun­go, per­ché chi leg­ge que­ste pagi­ne cono­sce sicu­ra­men­te l’im­men­so lavo­ro del­la nostra euro­par­la­men­ta­re Elly Schlein per la rifor­ma del Rego­la­men­to di Dubli­no (e non solo) e la sen­si­bi­li­tà di Giu­sep­pe Civa­ti sul tema (che non a caso è in libre­ria con un altro libric­ci­no, che si inti­to­la “Voi sape­te” e par­la tan­to del­le tor­tu­re in Libia, appun­to, e che è occa­sio­ne per una cam­pa­gna di sen­si­bi­liz­za­zio­ne).

Non mi dilun­go oltre per­ché altri­men­ti sem­bra che sia­mo qui ad auto­ce­le­brar­ci. E for­se, però, ogni tan­to è giu­sto dir­se­lo e ricor­dar­si del­le cose giu­ste che un pic­co­lo e corag­gio­so par­ti­to ha fat­to, alme­no tra di noi, visto che nei tito­li dei gior­na­li sem­bra­no non tro­va­re spa­zio e, quin­di, non esi­ste­re: non lamen­ta­te­vi, poi, però, se la sini­stra spa­ri­sce.

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Ci vediamo a Roma, il 23 e 24 ottobre, Largo Venue, con la nostra Scuola di Politica. Non abbiamo mai smesso di studiare, ma ora torniamo a farlo tutti e tutte insieme, di persona, finalmente.
Mentre sono sicura che si potrà fare a meno di benzina per qualche giorno (il benzinaio più vicino mi ha detto di riprovare lunedì o martedì), o dell’acqua sugli scaffali dei supermercati, o mangiare qualche verdura in meno per adesso, la situazione diventerà ancora più insostenibile per i diritti di chi lavora in questi settori e di conseguenza per l’intero paese, che, nel frattempo, raziona anche un dibattito profondo sull’impatto della Brexit.