Giornata della Terra, l’alfabeto ambientalista di Possibile

Oggi, per la Gior­na­ta inter­na­zio­na­le del­la Ter­ra, l’alfabeto ambien­ta­li­sta di Possibile.

P come pia­ne­ta: i rischi che cor­re la Ter­ra sono i rischi che cor­re ognu­no di noi. Quel­lo di amma­lar­si per l’aria o l’acqua inqui­na­ta, quel­la del­le guer­re che spar­go­no mor­te e vele­ni, quel­la del­le mafie, che divo­ra­no gli uomi­ni e la ter­ra, sfrut­tan­do­li e spar­gen­do rifiu­ti tos­si­ci, in un mer­ca­to cri­mi­na­le lucrosissimo.

O come orga­niz­za­zio­ni. C’è un mon­do dif­fu­so di asso­cia­zio­ni, ong, orga­niz­za­zio­ni ambien­ta­li­ste, movi­men­ti paci­fi­sti, che ovun­que, nel pic­co­lo e nel gran­de, lot­ta­no per la dife­sa degli eco­si­ste­mi, socia­li e ambien­ta­li. Se li met­tes­si­mo in rete, avrem­mo un mera­vi­glio­so eser­ci­to disar­ma­to che può scon­fig­ge­re la guer­ra con­tro pover­tà, inqui­na­men­to, ingiustizie.

S come Sicu­rez­za. Sul lavo­ro, per esem­pio, per­ché ci sono ope­rai che anco­ra oggi lavo­ra­no in sta­bi­li­men­ti indu­stria­li dove ci si amma­la, a cau­sa di agen­ti inqui­nan­ti e pro­ces­si pro­dut­ti­vi rischiosi.

S come Sicu­rez­za ali­men­ta­re. La qua­li­tà e la quan­ti­tà del cibo sono ele­men­ti fon­da­men­ta­li per la qua­li­tà del­la vita sul­la ter­ra. Per mol­ti esse­ri uma­ni il cibo è cat­ti­vo o spor­co, per mol­ti altri è insuf­fi­cien­te. Lo sfrut­ta­men­to inten­si­vo, l’inquinamento, il neo­co­lo­nia­li­smo tos­si­co dell’occidente opu­len­to nei con­ti­nen­ti più pove­ri (ma ric­chi di mate­rie pri­me ogget­to di pre­da­zio­ni) sono can­cri da com­bat­te­re. Con ogni for­za, in ogni sede.

I come Inqui­na­men­to. Ma anche cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci e riscal­da­men­to glo­ba­le. Gli obiet­ti­vi di Pari­gi sono giu­ri­di­ca­men­te vin­co­lan­ti ma devo­no diven­ta­re una mobi­li­ta­zio­ne poli­ti­ca per­ma­nen­te. Un pez­zo di que­sto lavo­ro toc­ca a noi.

B come Buon­gior­no. Il buon­gior­no si vede dal mat­ti­no e allo­ra dob­bia­mo esse­re noi a dare il buon esem­pio, con com­por­ta­men­ti coe­ren­ti e rico­no­sci­bi­li, per esem­pio ini­zian­do a cor­re­da­re ogni nostra pro­po­sta di leg­ge da un’analisi di impat­to ambientale.

I come Impe­gno. Mi ricor­do bat­ta­glie ver­di e le cor­se di una bam­bi­na. Dob­bia­mo impe­gnar­ci per loro, per i nostri figli, edu­can­do­li ad esse­re cit­ta­di­ni con­sa­pe­vo­li, atti­vi e rispet­to­si dell’ambiente ma anche alleg­ge­ren­do il far­del­lo che è già sul­le loro spal­le ed è fat­to di decen­ni di poli­ti­che ambien­tal­men­te dan­no­se (poli­ti­che ener­ge­ti­che, poli­ti­che fisca­li, gestio­ne del ciclo dei rifiu­ti, gran­di ope­re impat­tan­ti e dannose).

L come Lavo­ro. Lavo­ro puli­to, lega­le, paga­to cor­ret­ta­men­te. Fin­ché ci saran­no capo­ra­li e lavo­ra­to­ri ridot­ti in schia­vi­tù non ci saran­no liber­tà e digni­tà per tut­ti. Fin­ché si cree­ran­no posti di lavo­ro non soste­ni­bi­li ambien­tal­men­te, si rube­rà futu­ro a chi lavo­ra. Fin­ché non si eli­mi­ne­rem­mo gli incen­ti­vi fisca­li alle pro­du­zio­ni ambien­tal­men­te dan­no­se, non ci sarà respi­ro per un’economia ver­de e circolare.

E come Ener­gie rin­no­va­bi­li. Le fos­si­li han­no fat­to il loro tem­po, accor­cian­do il nostro. Ser­ve inve­sti­re in una ricon­ver­sio­ne eco­lo­gi­ca di tut­ta l’economia: il pro­ces­so di ricon­ver­sio­ne sarà esso stes­so fon­te di lavo­ro buo­no, sta­bi­le e pulito.

Bea­tri­ce Brignone
Andrea Mae­stri

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

I piagnistei e le grandi dichiarazioni - sempre le stesse – ad ogni ricorrenza non servono. Non si possono fare tornare i vita i morti, non si può restituire la pace alle loro famiglie, né ricostituire tutte quelle vite e quelle famiglie che si sono sgretolate nel tempo, per conseguenze dirette ed indirette di un sistema mafioso e corrotto. Ma la giustizia sì che si può fare, ed è doveroso pretenderla. Per chi ha dato la vita per difenderla, per la nostra dignità di cittadini e per le generazioni future.
Questo gigantesco e raffazzonato tentativo di maquillage dello sfruttamento ha incontrato finalmente il suo destino naturale con la sentenza 30/06/2021 del Tribunale di Bologna.
Dopo -anzi, durante - il Covid, e con l'emergenza climatica in corso, le priorità dovrebbero cambiare. Solo per le Olimpiadi Milano-Cortina pare che nulla cambi. Né nella progettazione, né nell'impostazione, mentre la Lega (che governa le due Regioni) intende usare i Giochi come un volano politico.