Cosa sta succedendo con Proactiva Open Arms, spiegato bene

La ricostruzione dei fatti e gli aspetti giuridici di una vicenda che ha nuovamente dell'incredibile

[vc_row][vc_column][vc_column_text]I sal­va­tag­gi

Que­sta sto­ria assur­da comin­cia alle tre di not­te del 15 mar­zo, quan­do – stan­do a una rico­stru­zio­ne for­ni­ta da gior­na­li­sti pre­sen­ti sul luo­go dif­fu­sa da Repub­bli­ca – la Ong spa­gno­la Proac­ti­va Open Arms rice­ve dal­la Cen­tra­le ope­ra­ti­va del­la guar­dia costie­ra ita­lia­na (IMRCC) una chia­ma­ta, con la qua­le vie­ne segna­la­to un gom­mo­ne in dif­fi­col­tà a 26 miglia dal­le coste libi­che, quin­di in acque inter­na­zio­na­li. A par­ti­re da quel momen­to Open Arms vie­ne impe­gna­ta nel soc­cor­so di tre gom­mo­ni, tut­ti in acque inter­na­zio­na­li, rice­ven­do nel frat­tem­po tele­fo­na­te dal­la Guar­dia costie­ra ita­lia­na con le qua­li si dice sia di pro­ce­de­re al sal­va­tag­gio sia che il coman­do del­le ope­ra­zio­ni sareb­be sta­to assun­to dal­la Guar­dia costie­ra libi­ca (cosa mai avve­nu­ta in pre­ce­den­za e rispet­to la qua­le non è sta­ta dif­fu­sa alcu­na infor­ma­ti­va uffi­cia­le, ha pre­ci­sa­to Ric­car­do Gat­ti di Open Arms). Le diver­se rico­stru­zio­ni non con­cor­da­no pie­na­men­te sul sus­se­guir­si dei fat­ti ma quel­lo su cui con­cor­da­no è che, duran­te la mat­ti­na suc­ces­si­va, la Guar­dia costie­ra libi­ca – facen­do ricor­so a minac­ce di apri­re il fuo­co (qui un video) – abbia inti­ma­to a Open Arms di con­se­gna­re loro i migran­ti trat­ti in sal­vo, in par­ti­co­la­re don­ne e bam­bi­ni, salen­do a bor­do del­le lan­ce di Open Arms e intral­cian­do i soc­cor­si. «La moto­ve­det­ta libi­ca – 648 Ras Jadir – inol­tre, — ha scrit­to Anna­li­sa Camil­li — si è posi­zio­na­ta tra l’imbarcazione dei migran­ti e la nave dell’ong, impe­den­do alle lan­ce di soc­cor­so, che sta­va­no distri­buen­do i giub­bot­ti di sal­va­tag­gio, di con­ti­nua­re il recu­pe­ro». La moto­ve­det­ta pare sia la stes­sa (648) ritrat­ta il 15 mag­gio scor­so, a Tri­po­li, duran­te la con­fe­ren­za stam­pa con la qua­le si annun­cia­va la ricon­se­gna del­le imbar­ca­zio­ni, rimes­se a nuo­vo, da par­te del gover­no ita­lia­no a quel­lo libi­co, alla pre­sen­za del mini­stro Min­ni­ti. E sareb­be la stes­sa moto­ve­det­ta che già il 6 novem­bre scor­so intral­ciò le ope­ra­zio­ni di sal­va­tag­gio con­dot­te da Sea Watch 3.

Ita­lian Inte­rior Mini­ster Mar­co Min­ni­ti © and Libyan Defen­ce Mini­ster of the UN-bac­ked Govern­ment of Natio­nal Accord, Al-Mah­di Al-Bar­gha­thi (C‑R), speak to the press in the capi­tal Tri­po­li, fol­lo­wing the return of four Libyan Coa­st Guard ships after under­going main­te­nan­ce in Ita­ly on May 15, 2017. / AFP PHOTO / MAHMUD TURKIA (Pho­to cre­dit should read MAHMUD TURKIA/AFP/Getty Images)

Il tor­men­ta­to arri­vo in Sicilia

Dopo due ore di alta ten­sio­ne, e a fron­te del rifiu­to dell’equipaggio di Open Arms di con­se­gna­re nel­le loro mani le per­so­ne sal­va­te, i libi­ci si sono riti­ra­ti. La Ong a quel pun­to ha ripre­so la navi­ga­zio­ne, sen­za che Roma indi­cas­se il por­to nel qua­le recar­si: «la Cen­tra­le ope­ra­ti­va del­la guar­dia costie­ra ita­lia­na – ha scrit­to Inter­na­zio­na­le — ha atte­so che il gover­no spa­gno­lo chie­des­se l’autorizzazione agli ita­lia­ni per fare attrac­ca­re in un por­to ita­lia­no la nave dell’ong che bat­te ban­die­ra spa­gno­la. “L’unità ong diri­ge­va ver­so nord-ove­st, con i nau­fra­ghi a bor­do, in atte­sa che lo sta­to di ban­die­ra, la Spa­gna, come pre­ve­do­no le nor­ma­ti­ve inter­na­zio­na­li, con­cor­das­se con uno sta­to costie­ro, il por­to di desti­na­zio­ne dei nau­fra­ghi”, è scrit­to nel comu­ni­ca­to». Si trat­ta di una pro­ce­du­ra – anch’essa — asso­lu­ta­men­te ine­di­ta, nel sen­so che non era mai suc­ces­so pri­ma che l’Italia chie­des­se l’intermediazione del­lo Sta­to di cui la nave bat­te ban­die­ra. L’imbarcazione è quin­di rima­sta in uno sta­to di atte­sa nono­stan­te le con­di­zio­ni cri­ti­che del­le per­so­ne sal­va­te (una moto­ve­det­ta mal­te­se ha rag­giun­to la nave per pren­de­re in con­se­gna una bim­ba di tre mesi disi­dra­ta­ta e con la scab­bia e sua madre), fin­ché il 17 mar­zo non ha final­men­te avu­to il per­mes­so di attrac­ca­re a Poz­zal­lo, con a bor­do 157 uomi­ni, 31 don­ne e 28 bam­bi­ni. «Sei per­so­ne – ha scrit­to SkyTg24 — sono sta­te rico­ve­ra­te in ospe­da­le: due don­ne in gra­vi­dan­za, una con for­ti dolo­ri per­ché pic­chia­ta all’an­ca pri­ma di imbar­car­si, un uomo con diver­se ustio­ni agli arti infe­rio­ri e due uomi­ni con for­te aste­nia e disi­dra­ta­zio­ne».

 

Le accu­se del­la pro­cu­ra di Catania

Una vol­ta sbar­ca­ti, l’equipaggio è sta­to trat­te­nu­to e sen­ti­to dal­la poli­zia, per accer­ta­re even­tua­li respon­sa­bi­li­tà. Per il pro­cu­ra­to­re di Ragu­sa, Fabio D’Anna, «si trat­ta del nor­ma­le pro­to­col­lo stan­dard inve­sti­ga­ti­vo che vie­ne attua­to a segui­to di ogni sbar­co, con par­ti­co­la­re atten­zio­ne alle dina­mi­che dei sal­va­tag­gi per la dispu­ta con la Guar­dia costie­ra libi­ca». Poche ore dopo la pro­cu­ra di Cata­nia, gui­da­ta dal pro­cu­ra­to­re Zuc­ca­ro, ha dispo­sto il seque­stro dell’imbarcazione, con l’accusa di asso­cia­zio­ne a delin­que­re fina­liz­za­ta al favo­reg­gia­men­to dell’immigrazione clan­de­sti­na, men­tre tre mem­bri dell’equipaggio veni­va­no rag­giun­ti da un avvi­so di garan­zia. Fami­glia Cri­stia­na scri­ve che sono «due gli ele­men­ti pre­sen­ta­ti in que­sta fase dal magi­stra­to: i mem­bri dell’equipaggio del­la nave respon­sa­bi­li del­la mis­sio­ne “deci­de­va­no arbi­tra­ria­men­te di con­ti­nua­re la ricer­ca e poi il soc­cor­so degli even­ti per i qua­li la Guar­dia Costie­ra Libi­ca (le ope­ra­zio­ni sono avve­nu­te tut­te in acque SAR [“search and rescue”, ovve­ro “ricer­ca e soc­cor­so”, n.d.a.] libi­che) ave­va assun­to il coman­do e quin­di la respon­sa­bi­li­tà” e non sbar­ca­va­no i pro­fu­ghi sal­va­ti a Mal­ta, chie­den­do l’indicazione del Por­to sicu­ro solo all’autorità italiana».

 

Una que­stio­ne pratica

Emer­go­no alme­no due neces­sa­rie con­si­de­ra­zio­ni. La pri­ma riguar­da l’esistenza di una zona Sar libi­ca, che è di fat­to subor­di­na­ta all’esistenza di «un accor­do con­clu­so con altri Sta­ti – scri­ve l’ufficio stam­pa dell’organismo inter­na­zio­na­le indi­pen­den­te che rego­la­men­ta la navi­ga­zio­ne – e tale accor­do dovreb­be esse­re pre­sen­ta­to all’IMO (Inter­na­tio­nal Mari­ti­me Orga­ni­za­tion, n.d.a.) per la dis­se­mi­na­zio­ne». In sostan­za, non si può sta­bi­li­re uni­la­te­ral­men­te una zona Sar, ma biso­gna pri­ma con­cor­dar­la con gli altri sta­ti rivie­ra­schi e suc­ces­si­va­men­te biso­gna infor­ma­re l’IMO. «Que­sto pas­sag­gio fino ad oggi non è avve­nu­to: “La Libia non ha invia­to le sue infor­ma­zio­ni”, ha assi­cu­ra­to l’ufficio stam­pa IMO a Fami­glia Cri­stia­na». Secon­do Il Post – e per dare un sen­so a tut­to quel che stia­mo dicen­do – il Mari­ti­me Rescue Coor­di­na­tion Cen­tre libi­co (il luo­go depu­ta­to al coor­di­na­men­to dei sal­va­tag­gi) «si tro­va a bor­do del­la nave Tre­mi­ti del­la Mari­na mili­ta­re ita­lia­na, ormeg­gia­ta nel por­to di Tri­po­li. Il pro­ble­ma è che per l’IMO, l’agenzia dell’ONU che si occu­pa di dirit­to marit­ti­mo, que­sto cen­tro non esi­ste: non lo ha rico­no­sciu­to in alcun modo e non com­pa­re nel­la map­pa uffi­cia­le dei cen­tri MRCC cura­ta pro­prio dall’IMO». C’è da dire che nell’agosto scor­so (in con­tem­po­ra­nea con la ste­su­ra del “codi­ce Min­ni­ti”) la Libia dichia­rò uni­la­te­ral­men­te una zona Sar, per poi cam­bia­re idea pochi mesi dopo.

Qui, inol­tre, una serie di tweet pro­dot­ti dall’Associazione stu­di giu­ri­di­ci sull’immigrazione:

Per quan­to riguar­da la que­stio­ne “Mal­ta”, Ful­vio Vas­sal­lo Paleo­lo­go ricor­da giu­sta­men­te che «l’11 otto­bre 2013 per una que­stio­ne di con­flit­to di com­pe­ten­za tra Mal­ta e Ita­lia mori­ro­no cen­ti­na­ia di per­so­ne e oggi è in cor­so un pro­ces­so pena­le a Roma a cari­co di alti uffi­cia­li del­la Mari­na». La prio­ri­tà, in casi come que­sti, non può che esse­re quel­la di met­te­re in sicu­rez­za le per­so­ne il pri­ma possibile.

 

Una que­stio­ne di uma­ni­tà e di dirit­to umanitario

La secon­da que­stio­ne ha a che fare con i prin­ci­pi car­di­ne del dirit­to e con l’umanità stes­sa, con la neces­si­tà di sal­va­re per­so­ne che si tro­va­no in una con­di­zio­ne di peri­co­lo e con il divie­to di respin­ger­le ver­so pae­si nei qua­li rischie­reb­be­ro di subi­re tor­tu­ra o trat­ta­men­ti inu­ma­ni e degra­dan­ti.

Il rea­to ipo­tiz­za­to è infat­ti quel­lo di favo­reg­gia­men­to dell’immigrazione clan­de­sti­na, eppu­re risul­ta evi­den­te che nes­su­no sta cer­can­do di var­ca­re la fron­tie­ra ita­lia­na di nasco­sto, in quan­to le per­so­ne sal­va­te in mare sono sta­te con­se­gna­te (come sem­pre) alle stes­se auto­ri­tà ita­lia­ne e che avran­no la pos­si­bi­li­tà di inol­tra­re ad esse doman­da d’asilo. Inol­tre e in ogni caso, come spie­ga­to egre­gia­men­te da Andrea Mae­stri, «Non è puni­bi­le chi ha com­mes­so il fat­to per esser­vi sta­to costret­to dal­la neces­si­tà di sal­va­re sé od altri dal peri­co­lo attua­le di un dan­no gra­ve alla per­so­na, peri­co­lo da lui non volon­ta­ria­men­te cau­sa­to, né altri­men­ti evi­ta­bi­le, sem­pre che il fat­to sia pro­por­zio­na­to al peri­co­lo» (art. 54 del Codi­ce pena­le). «Del resto la Cas­sa­zio­ne – con­ti­nua Mae­stri — ha chia­ri­to che “E’ bene non dimen­ti­ca­re che in tali eve­nien­ze l’intervento di soc­cor­so è dove­ro­so, ai sen­si del­le Con­ven­zio­ni inter­na­zio­na­li sul dirit­to del mare (Con­ven­zio­ne di Ambur­go del 27.4.1979, rati­fi­ca­ta con L. n. 147 del 1989, e rela­ti­vo rego­la­men­to D.P.R. n. 662 del 1984, ed art. 98, del­la Con­ven­zio­ne di Mon­te­go Bay), anche una vol­ta avu­to con­tez­za dell’illiceità dell’immigrazione”». La stes­sa IMO, in una sua cir­co­la­re del 2009, chia­ri­sce che «se una per­so­na espri­me il desi­de­rio di chie­de­re asi­lo, deve esse­re data mol­ta impor­tan­za alla sua sicu­rez­za. Di con­se­guen­za, nel comu­ni­ca­re que­sta infor­ma­zio­ne, la stes­sa non deve esse­re con­di­vi­sa con il pae­se di ori­gi­ne o con altri pae­si nei qua­li la sua sicu­rez­za potreb­be esse­re mes­sa a rischio». Uno di que­sti pae­si è sen­za ombra di dub­bio la Libia (dove è sta­ta docu­men­ta­ta la pre­sen­za di cen­tri di deten­zio­ne dove i migran­ti ven­go­no tor­tu­ra­ti o ven­du­ti come schia­vi) e di con­se­guen­za non si capi­sce per qua­li ragio­ni l’equipaggio di Open Arms avreb­be dovu­to con­se­gna­re per­so­ne in fuga dal­la Libia a rap­pre­sen­tan­ti del­le for­ze di sicu­rez­za libiche.

 

Respin­gi­men­ti con altri mezzi?

Nel­lo scor­so set­tem­bre il Com­mis­sa­rio per i dirit­ti uma­ni man­dò una let­te­ra al mini­stro Min­ni­ti per chie­de­re – in sostan­za – se l’Italia non stes­se ope­ran­do respin­gi­men­ti con altri mez­zi, e cioè affi­dan­do­li alla Guar­dia costie­ra libi­ca, sen­za spor­car­si le mani e aggi­ran­do per­ciò alcu­ni prin­ci­pi car­di­ne del dirit­to inter­na­zio­na­le asso­lu­ta­men­te inde­ro­ga­bi­li, per i qua­li non c’è codi­ce di con­dot­ta che ten­ga. Su tut­ti, l’articolo 3 del­la Cedu, secon­do il qua­le «Nes­su­no può esse­re sot­to­po­sto a tor­tu­ra né a pene o trat­ta­men­ti inu­ma­ni o degra­dan­ti» e l’articolo 33 del­la Con­ven­zio­ne di Gine­vra secon­do il qua­le « Nes­su­no Sta­to Con­traen­te espel­le­rà o respin­ge­rà, in qual­sia­si modo (in qual­sia­si modo!, n.d.a.), un rifu­gia­to ver­so i con­fi­ni di ter­ri­to­ri in cui la sua vita o la sua liber­tà sareb­be­ro minac­cia­te a moti­vo del­la sua raz­za, del­la sua reli­gio­ne, del­la sua cit­ta­di­nan­za, del­la sua appar­te­nen­za a un grup­po socia­le o del­le sue opi­nio­ni politiche».

Chia­rez­za

Mi augu­ro sin­ce­ra­men­te che la giu­sti­zia fac­cia il suo cor­so, che si vada fino in fon­do nel ten­ta­ti­vo di dimo­stra­re il favo­reg­gia­men­to dell’immigrazione clan­de­sti­na, e che così si met­ta un ulte­rio­re pun­to fer­mo in que­sto dibat­ti­to pub­bli­co che ha fini­to per cri­mi­na­liz­za­re chiun­que com­pia atti di soli­da­rie­tà.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.

All’odio rispondiamo con l’Orgoglio

È sem­pre più un qua­dro allar­man­te quel­lo che ci si pro­spet­ta in occa­sio­ne del 17 mag­gio di fron­te alla pub­bli­ca­zio­ne del­la Rain­bow Map di ILGA-Euro­pe. L’Italia sci­vo­la anco­ra più in bas­so rispet­to al 2023 acqui­sen­do un mise­ro 25%.