Poi se avete tempo vorrei parlassimo di altre migrazioni

Non si par­la d’altro, all’insegna di una stra­te­gia che favo­ri­sce cul­tu­ral­men­te, poli­ti­ca­men­te e quin­di elet­to­ral­men­te la destra. Un’emergenza demo­cra­ti­ca, la chia­ma il mini­stro Min­ni­ti. Sono tut­ti cadu­ti nel­la trap­po­la. Anche chi è pove­ro e pen­sa che pren­den­do­se­la con chi è più pove­ro risol­ve­rà ogni pro­ble­ma. Cosa che non acca­drà e che di cer­to non fa par­te dell’offerta poli­ti­ca di chi spe­cu­la sui migranti.

Ecco, quan­do poi ave­te un minu­to, vor­rei par­las­si­mo di altre migra­zio­ni e di altre emer­gen­ze.

La migra­zio­ne dei capi­ta­li che le mul­ti­na­zio­na­li sot­trag­go­no al fisco dei pae­si in cui ope­ra­no. Miliar­di di euro sot­trat­ti al wel­fa­re, al soste­gno alla pover­tà, al red­di­to minimo.

La migra­zio­ne del­le incre­di­bi­li risor­se che van­no alla mafia, gra­zie al nar­co­traf­fi­co e al rici­clag­gio, in un pae­se che, per dir­ne una, con­ti­nua a rin­via­re la discus­sio­ne anche sul­la lega­liz­za­zio­ne del­la can­na­bis. 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, miliar­di e miliar­di di non-fat­tu­ra­to ille­ga­le e criminale.

La migra­zio­ne che non sap­pia­mo fer­ma­re del­le qua­li­tà del­la nostra ricer­ca, sot­to­fi­nan­zia­ta e pena­liz­za­ta da poli­ti­che mio­pi, incer­te e parzialissime.

La migra­zio­ne dei qua­si 900mila cit­ta­di­ni che nel 2016 sono sta­ti costret­ti a spo­star­si fuo­ri dal­la loro regio­ne per rice­ve­re le cure di cui ave­va­no biso­gno, a cau­sa di un Siste­ma Sani­ta­rio Nazio­na­le che vede un for­tis­si­mo squi­li­brio tra le diver­se regio­ni, soprat­tut­to (ma non sol­tan­to) tra Nord e Sud.

La migra­zio­ne del­la ric­chez­za ver­so chi è più ric­co, dai sala­ri ai pro­fit­ti, dal lavo­ro alla ren­di­ta: ci vuo­le una vera pro­gres­si­vi­tà, in cui l’1% dia un con­tri­bu­to per ren­de­re più digni­to­sa la vita di chi è più in bas­so nel­la sca­la socia­le, non gli scon­ti ai più ric­chi, che ora chia­ma­no bonus o flat, per­ché fa più fico.

Ecco, voglia­mo par­la­re di que­ste migra­zio­ni, che dareb­be­ro risor­se al nostro sta­to socia­le, alla sani­tà, alla pover­tà e dareb­be­ro pro­spet­ti­ve al nostro futuro?

Voglia­mo far­lo con la stes­sa inten­si­tà con cui ci occu­pia­mo di un uni­co argo­men­to, come se fos­se l’unica cosa di cui par­la­re? Ricor­do che i migran­ti pre­sen­ti nel siste­ma dell’accoglienza rap­pre­sen­ta­no lo 0,3% del­la popo­la­zio­ne che risie­de in Ita­lia. Che il nume­ro degli stra­nie­ri è sta­zio­na­rio da alme­no tre anni, nel nostro Paese.

Di tut­to il resto, abbia­mo qual­co­sa da dire?

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il Clima entri nelle decisioni della Politica e la Politica si comporti in maniera coscienziosa, non guardando i sondaggi e pensando al prossimo appuntamento elettorale, ma guardi al futuro, alle generazioni future e a chi verrà dopo di loro.
Se scompaiono gli squali, l’Oceano muore. Quello stesso Oceano che produce il 50% dell’ossigeno che respiriamo, e assorbe il 25% dell’anidride carbonica che emettiamo. Se muore l’Oceano, moriamo noi.  Non ci resta, dunque, che salvare gli squali. 
500.000 firme per togliere risorse e giro d’affari alle mafie, per garantire la qualità e la sicurezza di cosa viene venduto e consumato, per mettere la parola fine a una criminalizzazione e a un proibizionismo che non hanno portato a nessun risultato. La cannabis non è una questione secondaria o risibile, ma un tema serio che riguarda milioni di italiani.