Aria fresca da Bruxelles: accesso all’aborto come diritto umano ed eliminazione della tampon tax

Perché la risoluzione del Parlamento europeo non resti lettera morta, è importante mobilitarsi tutt* a partire dal livello locale e nazionale. Le campagne di Possibile hanno già avuto esito positivo in varie realtà locali, unendo le forze il cambiamento avviene.

Nel­la riso­lu­zio­ne adot­ta­ta il 25 giu­gno il Par­la­men­to euro­peo ram­men­ta “l’im­pe­gno del­l’UE a pro­muo­ve­re, pro­teg­ge­re e rispet­ta­re il dirit­to di ogni per­so­na e di ogni don­na e ragaz­za di ave­re il pie­no con­trol­lo sul­le que­stio­ni con­cer­nen­ti la pro­pria ses­sua­li­tà e i pro­pri dirit­ti ses­sua­li e ripro­dut­ti­vi e di deci­de­re in modo libe­ro e respon­sa­bi­le al riguar­do, sen­za discri­mi­na­zio­ni, coer­ci­zio­ni o vio­len­ze”. Il Par­la­men­to euro­peo ha dichia­ra­to l’accesso all’aborto un dirit­to uma­no e inci­ta­to gli Sta­ti mem­bri a garan­ti­re un acces­so uni­ver­sa­le alla salu­te ses­sua­le e ripro­dut­ti­va. In par­ti­co­la­re il Par­la­men­to si ram­ma­ri­ca del­la pras­si comu­ne in alcu­ni Sta­ti mem­bri che con­sen­te al per­so­na­le medi­co di rifiu­tar­si di for­ni­re ser­vi­zi sani­ta­ri sul­la base dell’obiezione di coscien­za, negan­do quin­di l’as­si­sten­za all’a­bor­to e ponen­do a repen­ta­glio la vita e i dirit­ti del­le don­ne. Nel­la riso­lu­zio­ne si invi­ta­no i mem­bri ad attua­re “effi­ca­ci misu­re nor­ma­ti­ve ed ese­cu­ti­ve che garan­ti­sca­no che l’o­bie­zio­ne di coscien­za non com­pro­met­ta l’ac­ces­so tem­pe­sti­vo del­le don­ne all’as­si­sten­za in mate­ria di salu­te ses­sua­le e ripro­dut­ti­va”. Si affer­ma a chia­re let­te­re che “l’o­bie­zio­ne di coscien­za indi­vi­dua­le non può inter­fe­ri­re con il dirit­to del pazien­te di ave­re pie­no acces­so all’as­si­sten­za e ai ser­vi­zi sani­ta­ri” e se ne deve tene­re con­to di que­sto aspet­to nel­la distri­bu­zio­ne geo­gra­fi­ca dei ser­vi­zi sani­ta­ri, sot­to­li­nea la riso­lu­zio­ne. In Ita­lia a che pun­to sia­mo? Insom­ma, il nostro gover­no dovreb­be pro­prio sen­tir­si chia­ma­to in cau­sa pun­to per pun­to… Anco­ra nel­la stes­sa riso­lu­zio­ne, il Par­la­men­to euro­peo evi­den­zia gli effet­ti nega­ti­vi del­la Tam­pon tax per la pari­tà di gene­re e chie­de ai gover­ni UE di eli­mi­na­re la tas­sa sui pro­dot­ti per il ciclo, avva­len­do­si del­la fles­si­bi­li­tà intro­dot­ta dal­la diret­ti­va UE sul­l’I­VA e appli­can­do esen­zio­ni o ali­quo­te IVA allo 0% . Il testo fa appel­lo ai Pae­si UE affin­chè affron­ti­no la pover­tà mestrua­le, “assi­cu­ran­do che chiun­que ne abbia biso­gno pos­sa dispor­re di pro­dot­ti mestrua­li gra­tui­ti”. Si trat­ta di una pro­po­sta di cui Pos­si­bi­le è sta­to pro­mo­to­re in Ita­lia ma che il con­te­sto di arre­tra­tez­za cul­tu­ra­le del­la clas­se poli­ti­ca attua­le non è sta­to in gra­do di rac­co­glie­re. Defi­ni­ti “beni essen­zia­li” nel­la riso­lu­zio­ne del Par­la­men­to euro­peo, in Ita­lia gli assor­ben­ti igie­ni­ci sono inve­ce tas­sa­ti come beni di lus­so. Il Par­la­men­to chie­de inol­tre di dare acces­so uni­ver­sa­le a una gam­ma com­ple­ta di ser­vi­zi in mate­ria di salu­te ses­sua­le e ripro­dut­ti­va e rela­ti­vi dirit­ti, pre­stan­do un’at­ten­zio­ne par­ti­co­la­re ai grup­pi emar­gi­na­ti, com­pre­se tra l’al­tro le don­ne appar­te­nen­ti a mino­ran­ze etni­che, raz­zia­li e reli­gio­se, le don­ne migran­ti, le don­ne che vivo­no nel­le zone rura­li e nel­le regio­ni ultra­pe­ri­fe­ri­che dove i vin­co­li geo­gra­fi­ci impe­di­sco­no l’ac­ces­so diret­to e imme­dia­to a tali ser­vi­zi, le don­ne con disa­bi­li­tà, le don­ne sprov­vi­ste di assi­cu­ra­zio­ne sani­ta­ria, le per­so­ne LGBTI, le vit­ti­me di vio­len­za ses­sua­le e di gene­re. Infi­ne nel­la riso­lu­zio­ne “si espri­me pro­fon­da pre­oc­cu­pa­zio­ne” per il fat­to che alle don­ne e alle ragaz­ze con disa­bi­li­tà ven­ga trop­po spes­so nega­to l’ac­ces­so alle strut­tu­re nel­l’am­bi­to del­la salu­te ses­sua­le e ripro­dut­ti­va e il dirit­to al con­sen­so infor­ma­to in rela­zio­ne all’u­so dei con­trac­cet­ti­vi e che esse sia­no per­si­no espo­ste al rischio di ste­ri­liz­za­zio­ne for­za­ta. Si chie­de ai gover­ni nazio­na­li, di attua­re misu­re legi­sla­ti­ve a tute­la del­l’in­te­gri­tà fisi­ca, del­la liber­tà di scel­ta e del­l’au­to­de­ter­mi­na­zio­ne per quan­to riguar­da la vita ses­sua­le e ripro­dut­ti­va del­le per­so­ne con disa­bi­li­tà. Insom­ma, ritro­via­mo tan­te del­le bat­ta­glie por­ta­te avan­ti nel­le pro­po­ste poli­ti­che di Pos­si­bi­le, ma lascia­te ai mar­gi­ni del discor­so poli­ti­co ita­lia­no, inca­pa­ce di agi­re in tute­la dei dirit­ti de* cit­ta­din*. Per­ché la riso­lu­zio­ne del Par­la­men­to euro­peo non resti let­te­ra mor­ta, è impor­tan­te mobi­li­tar­si tutt* a par­ti­re dal livel­lo loca­le e nazio­na­le. Le cam­pa­gne di Pos­si­bi­le han­no già avu­to esi­to posi­ti­vo in varie real­tà loca­li, unen­do le for­ze il cam­bia­men­to avviene.

Sil­via Romano 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

La cannabis riguarda 5 milioni di consumatori, secondo alcuni addirittura 6, molti dei quali sono consumatori di lungo corso che ne fanno un uso molto consapevole, non pericoloso per la società. Preparate lo SPID! Sarà una campagna brevissima, difficile, per cui servirà tutto il vostro aiuto. Ma si può fare. Ed è giusto provarci.
La crisi delle precipitazioni, così come l’aumento di fenomeni temporaleschi più violenti in termini di quantità di acqua e tempi più ristretti e l’innalzamento della quota dello zero termico ci devono spingere, se non costringere, a cambiare radicalmente il nostro approccio al sistema “montagna”. E questo impone anche un cambio drastico nella gestione del territorio anche dal punto di vista delle infrastrutture viabilistiche e sciistiche.
Come illustrato da Legambiente, le spiagge libere in Toscana e in particolare di quelle delle province di Lucca e Massa Carrara sono praticamente assenti: così nella regione (come in altre parti d'Italia) si consuma una grave privazione di un bene pubblico e un forte stress ambientale.