Aria fresca da Bruxelles: accesso all’aborto come diritto umano ed eliminazione della tampon tax

Perché la risoluzione del Parlamento europeo non resti lettera morta, è importante mobilitarsi tutt* a partire dal livello locale e nazionale. Le campagne di Possibile hanno già avuto esito positivo in varie realtà locali, unendo le forze il cambiamento avviene.

Nel­la riso­lu­zio­ne adot­ta­ta il 25 giu­gno il Par­la­men­to euro­peo ram­men­ta “l’im­pe­gno del­l’UE a pro­muo­ve­re, pro­teg­ge­re e rispet­ta­re il dirit­to di ogni per­so­na e di ogni don­na e ragaz­za di ave­re il pie­no con­trol­lo sul­le que­stio­ni con­cer­nen­ti la pro­pria ses­sua­li­tà e i pro­pri dirit­ti ses­sua­li e ripro­dut­ti­vi e di deci­de­re in modo libe­ro e respon­sa­bi­le al riguar­do, sen­za discri­mi­na­zio­ni, coer­ci­zio­ni o vio­len­ze”. Il Par­la­men­to euro­peo ha dichia­ra­to l’accesso all’aborto un dirit­to uma­no e inci­ta­to gli Sta­ti mem­bri a garan­ti­re un acces­so uni­ver­sa­le alla salu­te ses­sua­le e ripro­dut­ti­va. In par­ti­co­la­re il Par­la­men­to si ram­ma­ri­ca del­la pras­si comu­ne in alcu­ni Sta­ti mem­bri che con­sen­te al per­so­na­le medi­co di rifiu­tar­si di for­ni­re ser­vi­zi sani­ta­ri sul­la base dell’obiezione di coscien­za, negan­do quin­di l’as­si­sten­za all’a­bor­to e ponen­do a repen­ta­glio la vita e i dirit­ti del­le don­ne. Nel­la riso­lu­zio­ne si invi­ta­no i mem­bri ad attua­re “effi­ca­ci misu­re nor­ma­ti­ve ed ese­cu­ti­ve che garan­ti­sca­no che l’o­bie­zio­ne di coscien­za non com­pro­met­ta l’ac­ces­so tem­pe­sti­vo del­le don­ne all’as­si­sten­za in mate­ria di salu­te ses­sua­le e ripro­dut­ti­va”. Si affer­ma a chia­re let­te­re che “l’o­bie­zio­ne di coscien­za indi­vi­dua­le non può inter­fe­ri­re con il dirit­to del pazien­te di ave­re pie­no acces­so all’as­si­sten­za e ai ser­vi­zi sani­ta­ri” e se ne deve tene­re con­to di que­sto aspet­to nel­la distri­bu­zio­ne geo­gra­fi­ca dei ser­vi­zi sani­ta­ri, sot­to­li­nea la riso­lu­zio­ne. In Ita­lia a che pun­to sia­mo? Insom­ma, il nostro gover­no dovreb­be pro­prio sen­tir­si chia­ma­to in cau­sa pun­to per pun­to… Anco­ra nel­la stes­sa riso­lu­zio­ne, il Par­la­men­to euro­peo evi­den­zia gli effet­ti nega­ti­vi del­la Tam­pon tax per la pari­tà di gene­re e chie­de ai gover­ni UE di eli­mi­na­re la tas­sa sui pro­dot­ti per il ciclo, avva­len­do­si del­la fles­si­bi­li­tà intro­dot­ta dal­la diret­ti­va UE sul­l’I­VA e appli­can­do esen­zio­ni o ali­quo­te IVA allo 0% . Il testo fa appel­lo ai Pae­si UE affin­chè affron­ti­no la pover­tà mestrua­le, “assi­cu­ran­do che chiun­que ne abbia biso­gno pos­sa dispor­re di pro­dot­ti mestrua­li gra­tui­ti”. Si trat­ta di una pro­po­sta di cui Pos­si­bi­le è sta­to pro­mo­to­re in Ita­lia ma che il con­te­sto di arre­tra­tez­za cul­tu­ra­le del­la clas­se poli­ti­ca attua­le non è sta­to in gra­do di rac­co­glie­re. Defi­ni­ti “beni essen­zia­li” nel­la riso­lu­zio­ne del Par­la­men­to euro­peo, in Ita­lia gli assor­ben­ti igie­ni­ci sono inve­ce tas­sa­ti come beni di lus­so. Il Par­la­men­to chie­de inol­tre di dare acces­so uni­ver­sa­le a una gam­ma com­ple­ta di ser­vi­zi in mate­ria di salu­te ses­sua­le e ripro­dut­ti­va e rela­ti­vi dirit­ti, pre­stan­do un’at­ten­zio­ne par­ti­co­la­re ai grup­pi emar­gi­na­ti, com­pre­se tra l’al­tro le don­ne appar­te­nen­ti a mino­ran­ze etni­che, raz­zia­li e reli­gio­se, le don­ne migran­ti, le don­ne che vivo­no nel­le zone rura­li e nel­le regio­ni ultra­pe­ri­fe­ri­che dove i vin­co­li geo­gra­fi­ci impe­di­sco­no l’ac­ces­so diret­to e imme­dia­to a tali ser­vi­zi, le don­ne con disa­bi­li­tà, le don­ne sprov­vi­ste di assi­cu­ra­zio­ne sani­ta­ria, le per­so­ne LGBTI, le vit­ti­me di vio­len­za ses­sua­le e di gene­re. Infi­ne nel­la riso­lu­zio­ne “si espri­me pro­fon­da pre­oc­cu­pa­zio­ne” per il fat­to che alle don­ne e alle ragaz­ze con disa­bi­li­tà ven­ga trop­po spes­so nega­to l’ac­ces­so alle strut­tu­re nel­l’am­bi­to del­la salu­te ses­sua­le e ripro­dut­ti­va e il dirit­to al con­sen­so infor­ma­to in rela­zio­ne all’u­so dei con­trac­cet­ti­vi e che esse sia­no per­si­no espo­ste al rischio di ste­ri­liz­za­zio­ne for­za­ta. Si chie­de ai gover­ni nazio­na­li, di attua­re misu­re legi­sla­ti­ve a tute­la del­l’in­te­gri­tà fisi­ca, del­la liber­tà di scel­ta e del­l’au­to­de­ter­mi­na­zio­ne per quan­to riguar­da la vita ses­sua­le e ripro­dut­ti­va del­le per­so­ne con disa­bi­li­tà. Insom­ma, ritro­via­mo tan­te del­le bat­ta­glie por­ta­te avan­ti nel­le pro­po­ste poli­ti­che di Pos­si­bi­le, ma lascia­te ai mar­gi­ni del discor­so poli­ti­co ita­lia­no, inca­pa­ce di agi­re in tute­la dei dirit­ti de* cit­ta­din*. Per­ché la riso­lu­zio­ne del Par­la­men­to euro­peo non resti let­te­ra mor­ta, è impor­tan­te mobi­li­tar­si tutt* a par­ti­re dal livel­lo loca­le e nazio­na­le. Le cam­pa­gne di Pos­si­bi­le han­no già avu­to esi­to posi­ti­vo in varie real­tà loca­li, unen­do le for­ze il cam­bia­men­to avviene.

Sil­via Romano 

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?

In Sardegna il 25 febbraio scegli Alleanza Verdi Sinistra e Possibile

L’Al­lean­za Ver­di Sini­stra, che uni­sce Pos­si­bi­le, Euro­pa Ver­de — Ver­di, Sini­stra Ita­lia­na e Sini­stra sar­da ha scel­to di far par­te del­la coa­li­zio­ne del cen­tro­si­ni­stra che sostie­ne Ales­san­dra Tod­de: insie­me, nei mesi scor­si, ci sia­mo incon­tra­ti e incon­tra­te per met­te­re a pun­to un’i­dea di gover­no che non mira solo a bat­te­re le destre, ma vuol dare una rispo­sta alla nostra Isola.