Riforma del fisco? Come al solito meno tasse per i ricchi

Chi aspettava soluzioni innovative e risolutive di quel meccanismo vessatorio che tanto spesso annichilisce contribuenti in difficoltà, non può che prendere atto dell'ennesima delusione.  

Le Com­mis­sio­ni Finan­ze di Came­ra e Sena­to han­no licen­zia­to il docu­men­to con­clu­si­vo di indi­riz­zo al gover­no per la rifor­ma fisca­le e, anco­ra una vol­ta, «nul­la cam­bi affin­ché tut­to cam­bi». Quan­do si par­la di tas­se, in que­sto pae­se la restau­ra­zio­ne con­ser­va­tri­ce vie­ne addi­rit­tu­ra pri­ma di qual­sia­si ten­ta­ti­vo di modi­fi­ca in sen­so pro­gres­si­vo del­le impo­ste. Il solo accen­no alla paro­la patri­mo­nia­le ha par­to­ri­to un docu­men­to che espri­me inve­ce pro­po­ste vol­te a ridur­re la pres­sio­ne fisca­le ver­so i più abbien­ti. Ma com’è potu­to acca­de­re? Ve lo dice­va­mo che il pote­re del­la ric­chez­za nutre come un vitel­lo il pote­re di con­di­zio­na­re la poli­ti­ca. Si vedrà in segui­to qua­le sarà il rea­le inten­di­men­to del gover­no: se asse­con­da­re le pul­sio­ni del­le éli­te per un gene­ra­le scon­to fisca­le, oppu­re ribal­ta­re gli equi­li­bri e inci­de­re sui red­di­ti alti e in par­ti­co­la­ri i pro­ven­ti del­le tran­sa­zio­ni finan­zia­rie, spes­so tenu­ti al ripa­ro gra­zie a nean­che trop­po sofi­sti­ca­te tec­ni­che elu­si­ve. Abbia­mo qual­che sospet­to su come andrà a fini­re. Venia­mo al con­te­nu­to. Si fa pre­sto a dire cosa non ci sarà, alme­no per met­ter­si l’animo in pace. Né patri­mo­nia­le, né impo­sta di suc­ces­sio­ne, né rifor­ma del cata­sto sono inclu­se nel testo. In più quel genio del legi­sla­to­re ha par­to­ri­to la ridu­zio­ne dell’aliquota Irpef del 38% sen­za alcun ina­spri­men­to del­le ali­quo­te: gra­zie ai mec­ca­ni­smi del­la pro­gres­si­vi­tà, si tra­sfe­ri­rà a tut­te le altre clas­si di red­di­to supe­rio­re. Un bel rega­lo, spe­cie per i più ric­chi. Eppu­re lo ave­va­mo scrit­to e moti­va­to: la ridu­zio­ne dell’aliquota nomi­na­le del 38% è neces­sa­ria per cor­reg­ge­re la cur­va del­le ali­quo­te mar­gi­na­li alte­ra­ta da una serie di fat­to­ri tra cui anche i bonus Ren­zi-Gual­tie­ri. Que­sta misu­ra deve esse­re accom­pa­gna­ta da un lato da una ridu­zio­ne di ali­quo­ta sugli sca­glio­ni infe­rio­ri (o come abbia­mo scrit­to noi, con una rimo­du­la­zio­ne del­la detra­zio­ne), dall’altro dall’inasprimento del­le ali­quo­te sui quin­ti­li di red­di­to più ele­va­to. Nul­la di tut­to ciò è sta­to pre­vi­sto, e i fau­to­ri del­la flat tax festeg­gia­no. Bra­vi. Non con­ten­ti, i mem­bri del­le Com­mis­sio­ni riu­ni­te han­no avu­to la ben­pen­sa­ta di pro­spet­ta­re . Sia­mo ben lun­gi da una Irpef onni­com­pren­si­va. Altro che equi­tà oriz­zon­ta­le… Ver­rà per­si­no crea­ta una fat­ti­spe­cie dedi­ca­ta, tra­mi­te un inter­ven­to com­ples­si­vo di rivi­si­ta­zio­ne che pre­ve­de la nuo­va cate­go­ria dei “Red­di­ti finan­zia­ri”. L’Irap ver­rà sacri­fi­ca­ta sull’altare di Con­fin­du­stria e ver­rà rie­su­ma­ta l’IRI, l’imposta sui red­di­ti d’impresa, già affos­sa­ta nel 2018. Reste­rà il regi­me for­fet­ta­rio intro­dot­to dal Con­te I — quel­lo gial­lo­ver­de — anzi, si pro­spet­ta un’ulteriore modi­fi­ca per sta­bi­li­re un regi­me tran­si­to­rio age­vo­la­to per i con­tri­buen­ti che per un anno supe­ra­no il limi­te di 65.000 euro. Tut­to mol­to como­do. Sul con­tra­sto all’evasione e all’elusione fisca­le si fa cen­no ai bene­fi­ci appor­ta­ti dall’introduzione di alcu­ni ele­men­ti pro­pri del fisco elet­tro­ni­co ma, anco­ra una vol­ta, man­ca un qua­dro d’insieme per muo­ve­re il siste­ma fisca­le e la sua ammi­ni­stra­zio­ne ver­so la com­ple­ta digi­ta­liz­za­zio­ne. E infat­ti già si intra­ve­de la pros­si­ma rot­ta­ma­zio­ne, soli­ta scap­pa­to­ia per una rapi­da espia­zio­ne del­le car­tel­le esat­to­ria­li. Chi aspet­ta­va solu­zio­ni inno­va­ti­ve e riso­lu­ti­ve di quel mec­ca­ni­smo ves­sa­to­rio che tan­to spes­so anni­chi­li­sce con­tri­buen­ti in dif­fi­col­tà, non può che pren­de­re atto del­l’en­ne­si­ma delu­sio­ne.  

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

La cannabis riguarda 5 milioni di consumatori, secondo alcuni addirittura 6, molti dei quali sono consumatori di lungo corso che ne fanno un uso molto consapevole, non pericoloso per la società. Preparate lo SPID! Sarà una campagna brevissima, difficile, per cui servirà tutto il vostro aiuto. Ma si può fare. Ed è giusto provarci.
La crisi delle precipitazioni, così come l’aumento di fenomeni temporaleschi più violenti in termini di quantità di acqua e tempi più ristretti e l’innalzamento della quota dello zero termico ci devono spingere, se non costringere, a cambiare radicalmente il nostro approccio al sistema “montagna”. E questo impone anche un cambio drastico nella gestione del territorio anche dal punto di vista delle infrastrutture viabilistiche e sciistiche.
Come illustrato da Legambiente, le spiagge libere in Toscana e in particolare di quelle delle province di Lucca e Massa Carrara sono praticamente assenti: così nella regione (come in altre parti d'Italia) si consuma una grave privazione di un bene pubblico e un forte stress ambientale.