Un vaccino contro il cinismo politico

Cosa ha caratterizzato le destre di tutto il mondo negli ultimi anni se non la precisa strategia di solleticare la sfiducia e le paure dell’elettorato?

Può esse­re che nel­le piaz­ze novax di ieri ci fos­se­ro mol­te cose diver­se, pre­oc­cu­pa­zio­ni genui­ne in mar­cia fian­co a fian­co con altre assur­de, e che non si sia trat­ta­to di una pro­te­sta con un pre­ci­so colo­re poli­ti­co, ma chi quel­la pro­te­sta la sta caval­can­do il colo­re poli­ti­co ce l’ha ecco­me ed è il soli­to, ten­den­te al nero.

Cosa ha carat­te­riz­za­to infat­ti le destre di tut­to il mon­do negli ulti­mi anni se non la pre­ci­sa stra­te­gia di sol­le­ti­ca­re la sfi­du­cia e le pau­re dell’elettorato? Spie­gan­do che è col­pa degli immi­gra­ti, che le tas­se ai ric­chi sono un pro­ble­ma dei pove­ri, e alla fine quest’ultima tro­va­ta con­tro i vac­ci­ni a con­fron­to non sem­bra nem­me­no la più improbabile. 

Ma sareb­be un erro­re liqui­da­re tut­to que­sto con suf­fi­cien­za, vor­reb­be dire non aver impa­ra­to una lezio­ne che ci è sta­ta impar­ti­ta dura­men­te e più vol­te nel cor­so del tem­po, ovve­ro che con que­sta roba la destra poi ottie­ne, con cini­co cal­co­lo, il con­sen­so che le ser­ve per gover­na­re. Non per­ché in Ita­lia ci sia il 51 per cen­to degli aven­ti dirit­to che sono dav­ve­ro con­vin­ta­men­te con­tro i vac­ci­ni: così come nel 2016 tra i 62 milio­ni di ame­ri­ca­ni che ave­va­no vota­to Trump non tut­ti era­no segua­ci di Qanon e non tut­ti sul serio cre­de­va­no che il mon­do fos­se gover­na­to da un’élite che si ciba del san­gue dei neo­na­ti. Quel­la era una mino­ran­za, e il resto era sem­pli­ce­men­te dispo­sto ad accet­tar­la come com­pa­gna di viag­gio, solo che è quel gene­re di com­pa­gnia che non se ne sta esat­ta­men­te al suo posto in silen­zio, e l’occupazione del Cam­pi­do­glio lo scor­so gen­na­io è lì a ricordarcelo.

Chi vuo­le mini­miz­za­re o sof­fer­mar­si sugli aspet­ti fol­klo­ri­sti­ci ten­ga bene a men­te lo “scia­ma­no” di Qanon, quel­lo con le cor­na di bufa­lo: maga­ri fa ride­re, però lui e i suoi il Cam­pi­do­glio lo ave­va­no occu­pa­to per dav­ve­ro. E for­se i novax sor­ti­sco­no in alcu­ni il mede­si­mo effet­to, ma ieri Save­rio Tom­ma­si, gior­na­li­sta di Fan­pa­ge, è sta­to aggre­di­to (e non era nem­me­no la pri­ma vol­ta), men­tre in Inghil­ter­ra han­no evo­ca­to l’impiccagione per medi­ci e infer­mie­ri, dal pal­co di una del­le mani­fe­sta­zio­ni, e non è il caso di liqui­da­re il tut­to come una goliar­da­ta. Tenia­mo ben pre­sen­te che chi ieri para­go­na­va il green pass alle leg­gi raz­zia­li le vor­reb­be isti­tui­re di nuo­vo, e non è una pro­vo­ca­zio­ne visto che quan­do gover­na poi lo fa per dav­ve­ro.

Ogni tan­to qual­cu­no evo­ca, tipo sedu­ta spi­ri­ti­ca, l’esistenza anche in Ita­lia di un cen­tro­de­stra o comun­que di un fron­te con­ser­va­to­re per bene, costi­tu­zio­na­le, un po’ com­pli­ca­to in un Pae­se come il nostro che per vent’anni ha avu­to a gui­dar­lo uno come Sil­vio Ber­lu­sco­ni, ma è comun­que posi­ti­vo che quel che resta di For­za Ita­lia oggi fac­cia il mini­mo indi­spen­sa­bi­le per distin­guer­si da chi caval­ca sen­ti­men­ti anti­scien­ti­fi­ci che ci por­te­reb­be­ro al disa­stro, alcu­ni si dis­so­cia­no per­si­no nel­la Lega — Zaia tra que­sti, per citar­ne uno, e per­si­no Sal­vi­ni si è dovu­to sostan­zial­men­te smen­ti­re da solo rispet­to a cer­te sue spa­ra­te — solo che poi que­ste diver­gen­ze ven­go­no accan­to­na­te quan­do si trat­ta di con­ti­nua­re a pre­sen­tar­si insie­me: per il bana­le cal­co­lo di cui sopra, per cini­smo.

E infat­ti, for­se nep­pu­re i capi e capet­ti di For­za Nuo­va che ieri spun­ta­va­no in mol­te di quel­le piaz­ze cre­do­no dav­ve­ro a mol­te del­le lam­pan­ti scioc­chez­ze che da quei pal­chi risuo­na­va­no: però intan­to era­no lì ad asse­con­dar­le, e a costruir­ci sopra un poten­zia­le e mol­to peri­co­lo­so soste­gno per uno sco­po futu­ro, che sareb­be meglio non dover sco­pri­re ulte­rior­men­te. E anche se si trat­ta solo di cal­co­lo cini­co e inte­res­sa­to, il rela­ti­vo con­to comun­que non lo paghe­reb­be chi lo caval­ca pur se stru­men­tal­men­te, ma tut­ta la socie­tà: già le demo­cra­zie non sono sta­te esat­ta­men­te inec­ce­pi­bi­li nel­la gestio­ne di tut­ta la pan­de­mia, ma pen­sa­te come sareb­be oggi la cam­pa­gna vac­ci­na­le, e a come sareb­be anda­ta tut­ta que­sta sto­ria, se al Gover­no ci fos­se una destra che fa l’occhiolino a cer­te posi­zio­ni

In que­sti gior­ni in cui ricor­re il ven­ten­na­le del G8 di Geno­va — le cui istan­ze ven­ne­ro let­te­ral­men­te sof­fo­ca­te nel san­gue mal­gra­do, come mol­ti ammet­to­no oggi anche da spon­de oppo­ste, fos­se­ro sacro­san­te — vie­ne da chie­der­si se la discus­sio­ne pub­bli­ca può per­met­ter­si il lus­so di rela­ti­viz­za­re le piaz­ze di trop­pe cit­tà ita­lia­ne viste ieri, di dar­ne un giu­di­zio inspie­ga­bil­men­te mor­bi­do quan­do inve­ce quel­lo sì, fa par­te di un dise­gno real­men­te ever­si­vo e minac­cio­so per la demo­cra­zia. Se un com­plot­to c’è, è que­sto: e si sta svol­gen­do sot­to ai nostri occhi, sarà il caso di aprirli.

 

No vax, no party

 

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Vertice Italia-Africa: a chi serve?

Lune­dì 29 gen­na­io si è tenu­to a Roma, nell’aula del Sena­to, il ver­ti­ce “Ita­lia-Afri­ca. Un pon­te per una cre­sci­ta comu­ne”, per la pri­ma vol­ta “ele­va­to a ran­go di Ver­ti­ce di Capi di Sta­to e di Gover­no” come ha sot­to­li­nea­to Melo­ni. A chi e a cosa è servito?

In Sardegna il 25 febbraio scegli Alleanza Verdi Sinistra e Possibile

L’Al­lean­za Ver­di Sini­stra, che uni­sce Pos­si­bi­le, Euro­pa Ver­de — Ver­di, Sini­stra Ita­lia­na e Sini­stra sar­da ha scel­to di far par­te del­la coa­li­zio­ne del cen­tro­si­ni­stra che sostie­ne Ales­san­dra Tod­de: insie­me, nei mesi scor­si, ci sia­mo incon­tra­ti e incon­tra­te per met­te­re a pun­to un’i­dea di gover­no che non mira solo a bat­te­re le destre, ma vuol dare una rispo­sta alla nostra Isola.