NoVax, no party

In men che non si dica finirà la spensieratezza estiva e si tornerà a parlare di chiusure, o di riaperture che saltano come nel caso delle scuole. Per questo, per la prima volta dall’inizio della pandemia, questo Paese potrebbe anticipare il problema prima di esserne travolto.

Inu­ti­le girar­ci intor­no: in men che non si dica fini­rà la spen­sie­ra­tez­za esti­va e si tor­ne­rà a par­la­re di chiu­su­re, o di ria­per­tu­re che sal­ta­no come nel caso del­le scuo­le. Per que­sto, per la pri­ma vol­ta dall’inizio del­la pan­de­mia, que­sto Pae­se potreb­be anti­ci­pa­re il pro­ble­ma pri­ma di esser­ne tra­vol­to: il vac­ci­no con­tro il Covid deve diven­ta­re la con­di­zio­ne neces­sa­ria per con­dur­re una vita nor­ma­le, e sen­za per­de­re tem­po. Non a caso in altri Pae­si l’argomento ormai è solo questo.

Abbia­mo quin­di due stra­de di fron­te a noi: o ci appre­stia­mo a chiu­de­re di nuo­vo cine­ma, bar, risto­ran­ti, nego­zi, uffi­ci, mez­zi di tra­spor­to, e noi stes­si, o in casa ci chiu­dia­mo quel­li che non han­no volu­to vaccinarsi.

Vuoi usci­re a cena? Vac­ci­no. Altri­men­ti, man­gi a casa.

Vuoi anda­re a vede­re un film? A bere una bir­ra? A far vasche al cen­tro com­mer­cia­le? Vuoi viag­gia­re? Rien­tra­re a casa dopo le 10 o le 11 di sera? Ti devi vaccinare.

Per­ché l’alternativa è che per lasciar cir­co­la­re qual­cu­no, a bre­ve dovrem­mo tom­bar­ci di nuo­vo tut­ti, come nel­la fase 1 e suc­ces­si­ve, ma a que­sto pun­to non ha più sen­so, e peral­tro non è più nem­me­no giu­sto, o sen­sa­to, per la salu­te men­ta­le e fisi­ca del Pae­se, per l’economia, per mil­le ragioni.

Del resto, stan­no uscen­do i pri­mi stu­di sull’efficacia del­le varie ver­sio­ni: con la secon­da dose la mor­ta­li­tà si ridu­ce del 100 per cen­to o poco meno, a secon­da del tipo di vac­ci­no. Le tera­pie inten­si­ve qua­si non si veri­fi­ca­no. Le ospe­da­liz­za­zio­ni crol­la­no. Chi si amma­la, si amma­la in for­ma lie­ve o sen­za nes­sun sin­to­mo. Per­si­no i dati sul­la pri­ma dose sono otti­mi. Vi pare poco? È un risul­ta­to straordinario.

Ciò pre­mes­so, in Ita­lia ci sono anco­ra un paio di milio­ni di over 60 non vac­ci­na­ti. E sic­co­me a que­sto pun­to il siste­ma sani­ta­rio dovreb­be già aver­li con­tat­ta­ti, se non han­no fat­to le due inie­zio­ni for­se è per­ché non han­no voluto.

Poi ci sono tut­ti gli altri, in tut­te le fasce di età e cate­go­rie (tra que­sti, una per­cen­tua­le non pic­co­la di inse­gnan­ti, e la ria­per­tu­ra del­le scuo­le è die­tro l’angolo). È una situa­zio­ne inaccettabile.

Non è più il momen­to di scher­za­re, se mai lo è sta­to, di par­la­re di no-vax e 5G. La mac­chi­na orga­niz­za­ti­va e le regio­ni si met­ta­no nel­le con­di­zio­ni di sod­di­sfa­re la doman­da, gli scien­zia­ti ci dica­no chi ha pato­lo­gie tali da con­si­glia­re di non vac­ci­nar­si, si valu­ti il rischio sui mino­ri, in par­ti­co­la­re sui pre­a­do­le­scen­ti, si ten­ga­no insom­ma fuo­ri quel­li che van­no tenu­ti fuo­ri, e li si pro­teg­ga facen­do in modo che chi sta loro intor­no sia sem­pre vac­ci­na­to, e sic­co­me a ren­der­lo un gene­ri­co obbli­go di leg­ge o di cate­go­ria si cor­ro­no rischi di ricor­si o inco­sti­tu­zio­na­li­tà, lo si tra­sfor­mi in un pass socia­le. Si toc­chi­no i riot­to­si dove evi­den­te­men­te fa più male, la liber­tà per­so­na­le di vive­re nor­mal­men­te, e a chi la vede come una limi­ta­zio­ne si fac­cia pre­sen­te che ne abbia­mo vis­su­te tut­ti, di limi­ta­zio­ni, per il bene comu­ne, nell’ultimo anno e mez­zo, e che la liber­tà pro­pria fini­sce dove ini­zia quel­la degli altri, e soprat­tut­to quan­do non la limita.

Chi pro­prio non vuo­le vac­ci­nar­si sap­pia che que­sta vol­ta si vedrà impo­sto un loc­k­do­wn su misu­ra, una per­so­na­lis­si­ma zona ros­sa, con tut­to quel che que­sto com­por­ta dal pun­to di vista lavo­ra­ti­vo, per­so­na­le, fami­lia­re. Per­ché la vera limi­ta­zio­ne del­la liber­tà di tut­ti, a que­sto pun­to, non con­si­ste nell’obbligo a vac­ci­nar­si, ma nel rifiu­to a farlo.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nature Restoration Law: stavolta ha vinto la Terra!

È un momen­to sto­ri­co: oggi l’Europa ren­de leg­ge il ripri­sti­no del­la natu­ra, e defi­ni­sce la dire­zio­ne che il nostro con­ti­nen­te segui­rà per ridar­le spa­zio. La que­stio­ne non è edo­ni­sti­ca, e nem­me­no intel­let­tua­le: si trat­ta di per­met­te­re che gli eco­si­ste­mi, come i fiu­mi o le zone umi­de, ter­re col­ti­va­te e fore­ste, tor­ni­no gra­dual­men­te in una con­di­zio­ne di equi­li­brio per con­ti­nua­re a tra­sfor­ma­re la mate­ria, per ren­de­re, cioè, la bio­sfe­ra vivi­bi­le anche per noi.

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.