Ci sono tutte le ragioni per dire no agli accordi con la Libia. Ma il Parlamento vota sì

I centri libici non sono di “accoglienza”, ma di “detenzione”. Quando non ci può essere dialogo, sono i patti, e non i porti, a doversi chiudere.

di Sil­via Casu

Si sta ora svol­gen­do la discus­sio­ne in Par­la­men­to sul rin­no­vo del soste­gno alle mis­sio­ni inter­na­zio­na­li e dei finan­zia­men­ti alle auto­ri­tà libi­che. Ed anco­ra una vol­ta, ci tro­via­mo ad illu­stra­re i per­ché del nostro fer­mo disac­cor­do sui finanziamenti.

Per­ché report inter­na­zio­na­li denun­cia­no da anni siste­ma­ti­che e gra­vi vio­la­zio­ni dei dirit­ti uma­ni in capo alle auto­ri­tà libi­che di ter­ra e di mare.

Per­ché i cen­tri libi­ci non sono di “acco­glien­za”, ma di “deten­zio­ne” — arbi­tra­ria ed inde­ter­mi­na­ta — dei migran­ti, e vi si veri­fi­ca­no tor­tu­re ed altri trat­ta­men­ti inu­ma­ni e degra­dan­ti, ucci­sio­ni, spa­ri­zio­ni for­za­te, vio­len­ze ses­sua­li, sfrut­ta­men­to, rapi­men­ti, dinie­go di cure medi­che essen­zia­li, espul­sio­ni col­let­ti­ve e tratta.

Per­ché la moto­ve­det­ta libi­ca Ras Jadir, poche set­ti­ma­ne fa, ha spa­ra­to ver­so un gom­mo­ne con a bor­do una ses­san­ti­na di migran­ti, ten­tan­do di spe­ro­nar­lo. Imbar­ca­zio­ne dona­ta ed equi­pag­gio adde­stra­to dal­lo Sta­to italiano.

Per­ché le orga­niz­za­zio­ni uma­ni­ta­rie (OIM, UNHCR) in Libia non han­no tito­lo né mez­zi per inter­rom­pe­re la deten­zio­ne arbi­tra­ria e le vio­la­zio­ni per­pe­tra­te in Libia, e per­tan­to la loro pre­sen­za non è garan­zia di tute­la dei dirit­ti uma­ni – a dif­fe­ren­za di quan­to paven­ta, in dife­sa, il governo.

Per­ché le mis­sio­ni euro­pee nel Medi­ter­ra­neo (che si inten­do­no rin­no­va­te nel Decre­to Mis­sio­ni) sono sem­pre più depo­ten­zia­te di mez­zi e riti­ra­te ver­so le coste euro­pee, a ovvio sca­pi­to del­le vite di chi attraversa.

Per­ché dal Memo­ran­dum del 2017 sono cala­ti gli arri­vi in Euro­pa, ma aumen­ta­te le mor­ti in mare, le inter­cet­ta­zio­ni e i suc­ces­si­vi sbar­chi sul­le coste del­la Libia, che è dichia­ra­ta­men­te un por­to NON sicu­ro di sbarco.

Per­ché le pro­mes­se di modi­fi­che e miglio­ra­men­ti del Memo­ran­dum sono sta­te ampia­men­te disat­te­se, e i finan­zia­men­ti si pro­pon­go­no addi­rit­tu­ra di aumentare.

Per­ché se lo Sta­to ita­lia­no con­ti­nua la coo­pe­ra­zio­ne con le auto­ri­tà libi­che, nel­la tota­le assen­za di mec­ca­ni­smi di due dili­gen­ce e moni­to­rag­gio a garan­zia del rispet­to dei dirit­ti uma­ni, lo Sta­to ita­lia­no è cor­re­spon­sa­bi­le per le vio­la­zio­ni dei dirit­ti uma­ni com­mes­se in Libia.

Per­ché quan­do non ci può esse­re dia­lo­go, sono i pat­ti, e non i por­ti, a dover­si chiudere.

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

La cannabis riguarda 5 milioni di consumatori, secondo alcuni addirittura 6, molti dei quali sono consumatori di lungo corso che ne fanno un uso molto consapevole, non pericoloso per la società. Preparate lo SPID! Sarà una campagna brevissima, difficile, per cui servirà tutto il vostro aiuto. Ma si può fare. Ed è giusto provarci.
La crisi delle precipitazioni, così come l’aumento di fenomeni temporaleschi più violenti in termini di quantità di acqua e tempi più ristretti e l’innalzamento della quota dello zero termico ci devono spingere, se non costringere, a cambiare radicalmente il nostro approccio al sistema “montagna”. E questo impone anche un cambio drastico nella gestione del territorio anche dal punto di vista delle infrastrutture viabilistiche e sciistiche.
Come illustrato da Legambiente, le spiagge libere in Toscana e in particolare di quelle delle province di Lucca e Massa Carrara sono praticamente assenti: così nella regione (come in altre parti d'Italia) si consuma una grave privazione di un bene pubblico e un forte stress ambientale.