Tampon Tax: un passo avanti, ma le mestruazioni non sono un lusso. Continueremo a insistere.

Dopo molti anni, ben 6 dalla proposta che facemmo con Giuseppe Civati e Possibile, se ne è colto il significato simbolico e però concretissimo. Un passo avanti, sicuramente. Anche se spiace per il tempo perso. E spiace perché l'IVA sugli assorbenti non è ancora al 4%, come quella per i prodotti di prima necessità, com'è giusto che sia. Perché le mestruazioni non sono un lusso. Continueremo a insistere.

La noti­zia è di ieri: nel­la pros­si­ma mano­vra è pre­vi­sto “il taglio dal 22% al 10% del­l’I­va su pro­dot­ti assor­ben­ti per l’i­gie­ne femminile”.

Un pas­so avan­ti, sicu­ra­men­te, dopo anni in cui di #Tam­pon­Tax non si pote­va nem­me­no par­la­re, in un tri­pu­dio di com­men­ti, risa­te, bat­tu­te da scuo­la media.

Per­ché par­la­re di assor­ben­ti e di mestrua­zio­ni era un tabù, come se le paro­le stes­se fos­se­ro proi­bi­te, allon­ta­nas­se­ro, disgustassero.

Poi, a poco a poco, le cose sono cambiate.

Dopo mol­ti anni, ben 6 dal­la pro­po­sta che facem­mo con Giu­sep­pe Civa­ti e Pos­si­bi­le, se ne è col­to il signi­fi­ca­to sim­bo­li­co e però con­cre­tis­si­mo. La nostra spin­ta, le mobi­li­ta­zio­ni del­le asso­cia­zio­ni, l’im­pe­gno di alcu­ne depu­ta­te in que­sta legi­sla­tu­ra han­no por­ta­to a un pri­mo risul­ta­to, di cui sono contenta.

Un pas­so avan­ti, sicu­ra­men­te. Anche se spia­ce per il tem­po per­so. E spia­ce per­ché l’I­VA sugli assor­ben­ti non è anco­ra al 4%, come quel­la per i pro­dot­ti di pri­ma neces­si­tà, com’è giu­sto che sia. Per­ché le mestrua­zio­ni non sono un lus­so. Con­ti­nue­re­mo a insistere.

Per­ché le bat­ta­glie sono per­se solo se nes­su­no le combatte.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Era il 23 settembre quando il Presidente del Consiglio Mario Draghi, all’Assemblea di Confindustria, dice “Il governo non aumenterà le tasse, è il momento di dare non prendere”. Quello che viene da chiedersi, guardando la timidissima manovra, è a chi diamo, e soprattutto a chi non diamo.
La Ministra dell’Interno Lamorgese dovrebbe chiarire quale sia l’intenzione del governo circa la sorte degli ottocento precari rimasti in carico presso le sedi di servizio interessate dalle procedure di regolarizzazione e delle medesime istanze sospese.
La priorità è difendere la vittima, difendere chi denuncia, anche e soprattutto quando lo Stato chiede espressamente alla vittima di denunciare per poter intervenire.