Aspettando Glasgow, tra un “bla, bla, bla” e l’altro!

Il pas­sag­gio a Mila­no dei lavo­ri pre­pa­ra­to­ri alla Cop 26 è sta­to dipin­to dagli inter­lo­cu­to­ri isti­tu­zio­na­li come un gran­de successo.

Da più par­ti inve­ce si sono leva­te voci com­ple­ta­men­te diver­se che han­no descrit­to que­sto lavo­ro di pre­pa­ra­zio­ne come una via di mez­zo tra una pas­se­rel­la elet­to­ra­le e l’ennesimo incon­tro dove le deci­sio­ni ven­go­no rin­via­te a data da desti­nar­si… tan­ti impe­gni ma sem­pre e solo sul­la carta.

Il “bla bla bla” uti­liz­za­to da Gre­ta Thun­berg nel suo pri­mo inter­ven­to duran­te i lavo­ri del Youth4Climate ben rap­pre­sen­ta il tem­po spre­ca­to e che si con­ti­nua a spre­ca­re, appun­to, per par­la­re, par­la­re, par­la­re. Pri­ma cer­can­do di spie­ga­re l’o­ri­gi­ne antro­pi­ca del­la cau­sa dei cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci a chi nega que­sta evi­den­za scien­ti­fi­ca e poi cer­can­do di dare azio­ne alle paro­le in manie­ra coerente!

Tra l’altro vale la pena ricor­da­re che non pos­sia­mo per­met­ter­ci il lus­so di una discus­sio­ne infinita.

Per­ché nel frat­tem­po la lun­ga lista degli even­ti e del­le cata­stro­fi ambien­ta­li, cau­sa­ti dai cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci si aggior­na a rit­mi asso­lu­ta­men­te fre­ne­ti­ci e regi­stra una vio­len­za sem­pre maggiore.

L’a­spet­to fon­da­men­ta­le, la paro­la chia­ve in pre­pa­ra­zio­ne alla cop26 è “vin­co­lan­ti”. Se le deci­sio­ni che emer­ge­ran­no a Gla­sgow non saran­no vin­co­lan­ti per gli Sta­ti avre­mo per­so ulte­rio­re tempo.

Non dob­bia­mo com­met­te­re l’er­ro­re già com­mes­so mol­te vol­te in pas­sa­to, quan­do in occa­sio­ni del­le pre­ce­den­ti Cop gli impe­gni che gli sta­ti pren­de­va­no non era­no vin­co­lan­ti, ren­den­do di fat­to inu­ti­le qual­sia­si ten­ta­ti­vo di abbas­sa­men­to del­le emis­sio­ni di gas climalteranti.

Però a Mila­no è suc­ces­so anche qual­co­sa di diverso.

I 400 ragaz­zi che han­no par­te­ci­pa­to ai lavo­ri del Youth4Climate han­no orga­niz­za­to even­ti, semi­na­ri, han­no discus­so, si sono con­fron­ta­ti, si sono ascol­ta­ti e non han­no volu­to rinun­cia­re a esse­re pro­po­si­ti­vi, a dif­fe­ren­za di quel­lo che sostie­ne il sem­pre più ina­de­gua­to mini­stro Cingolani.

Il rischio che la loro pre­sen­za fos­se solo un con­tor­no neces­sa­rio, così come la con­sa­pe­vo­lez­za del­la vaghez­za di que­sti incon­tri, non ha asso­lu­ta­men­te scal­fi­to i gio­va­ni che sono inter­ve­nu­ti con auto­re­vo­lez­za e grin­ta per riba­di­re quan­to la “cli­ma­te justi­ce” non sia prio­ri­ta­ria come dovreb­be nel­le agen­de politiche.

E lo han­no fat­to anche con una gran­de mani­fe­sta­zio­ne per le vie di Mila­no che ha visto la par­te­ci­pa­zio­ne di oltre 50.000 per­so­ne. Ragaz­ze e ragaz­zi di ogni età e appar­te­nen­ti a scuo­le di ogni ordi­ne e gra­do han­no sfi­la­to, colo­ra­ti e chias­so­si come non mai.

Ad apri­re il cor­teo, Gre­ta, Vanes­sa, Mar­ti­na e tut­te le altre e gli altri rap­pre­sen­tan­ti e dele­ga­ti inter­na­zio­na­li dei FFF giun­ti a Mila­no per l’occasione.

Io sono sce­so in piaz­za con loro, ed è sta­to bel­lo vede­re tan­tis­si­ma par­te­ci­pa­zio­ne, com­pre­se anche inte­re sco­la­re­sche del­la scuo­la pri­ma­ria accom­pa­gna­te dal­le loro mae­stre e dai geni­to­ri. Sono sce­si in piaz­za per riven­di­ca­re un futu­ro miglio­re per chie­de­re di inter­rom­pe­re il bla­bla­bla del­la poli­ti­ca che con­ti­nua a par­la­re e a non decidere.

È sta­to emo­zio­nan­te esse­re in piaz­za, cam­mi­na­re, gri­da­re, can­ta­re, sal­ta­re con loro… ma soprat­tut­to pren­der­si lo spa­zio per ascoltare.

Non ascol­tia­mo mai i gio­va­ni, men­tre sul­le cose che riguar­da­no diret­ta­men­te il loro futu­ro, dovrem­mo fer­mar­ci ad ascoltarli…e poi agi­re di con­se­guen­za e in coe­ren­za insie­me a loro.

Un car­tel­lo reci­ta­va: “abbia­mo bal­za­to la lezio­ne per dar­ne una a voi”. E in effet­ti è così: i gio­va­ni ci stan­no dan­do una lezio­ne, ci stan­no dimo­stran­do che il nostro tem­po sta pas­san­do e che il loro futu­ro lo voglio­no deci­de­re loro e soprat­tut­to chie­do­no a noi di non tergiversare.

A tal pro­po­si­to mi vie­ne in men­te Felix Fin­k­bei­ner, un altro bam­bi­no che nel 2007 all’e­tà di 9 anni ave­va discus­so con i suoi com­pa­gni di clas­se di cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci e di giu­sti­zia cli­ma­ti­ca. Aveva­no deci­so che la solu­zio­ne per con­tra­sta­re i cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci era pian­ta­re tan­tis­si­me pian­te. Oggi la fon­da­zio­ne che por­ta il suo nome sta pian­tan­do milio­ni di pian­te in tut­to il mon­do, favo­ren­do la cre­sci­ta di posti di lavo­ro in col­la­bo­ra­zio­ne con ong e altre asso­cia­zio­ni che si occu­pa­no di svi­lup­po socia­le e lot­ta alla povertà.

Il suo slo­gan di allo­ra ben si pre­sta a que­sti gior­ni “stop tal­king start planting”.

Il tem­po del bla bla bla è fini­to biso­gna agi­re: non c’è più tempo.

Infi­ne c’è da cam­bia­re un para­dig­ma e da riscri­ve­re una sto­ria: sem­bra che le deci­sio­ni sul cli­ma le pren­da­no in pochi e in tavo­li deci­sa­men­te ristret­ti con la pre­sen­za del­le lob­by del car­bo­ne. Va com­ple­ta­men­te ribal­ta­to il tavo­lo, dan­do voce e ruo­lo a chi oggi subi­sce le con­se­guen­ze mag­gio­ri di que­sta cri­si socio cli­ma­ti­ca e ambien­ta­le; pren­de­te­vi il tem­po di rive­de­re l’intervento di Vanes­sa Naka­te cir­ca la situa­zio­ne del con­ti­nen­te africano.

Paral­le­la­men­te va allar­ga­ta la par­te­ci­pa­zio­ne nei per­cor­si deci­sio­na­li ai movi­men­ti e alle nuo­ve gene­ra­zio­ni: a livel­lo loca­le, nei comu­ni e nel­le nostre real­tà asso­cia­ti­ve, così come nei livel­li più gran­di, va amplia­ta la par­te­ci­pa­zio­ne dei cit­ta­di­ni e soprat­tut­to va aumen­ta­ta la trasparenza.

La par­te­ci­pa­zio­ne seria e atti­va deve diven­ta­re un pun­to qua­li­fi­can­te del­la rivo­lu­zio­ne mite che dob­bia­mo fare oggi per orga­niz­za­re e costrui­re un futu­ro migliore.

 

 

 

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Ci vediamo a Roma, il 23 e 24 ottobre, Largo Venue, con la nostra Scuola di Politica. Non abbiamo mai smesso di studiare, ma ora torniamo a farlo tutti e tutte insieme, di persona, finalmente.
Mentre sono sicura che si potrà fare a meno di benzina per qualche giorno (il benzinaio più vicino mi ha detto di riprovare lunedì o martedì), o dell’acqua sugli scaffali dei supermercati, o mangiare qualche verdura in meno per adesso, la situazione diventerà ancora più insostenibile per i diritti di chi lavora in questi settori e di conseguenza per l’intero paese, che, nel frattempo, raziona anche un dibattito profondo sull’impatto della Brexit.
Già nel 2018 Possibile ha presentato una proposta di legge sul salario minimo. In quella proposta, l’introduzione di un salario minimo legale, che riconoscesse ai minimi tabellari un valore legale erga omnes quando questi fossero al di sopra della soglia stabilita, forniva una innovativa interpretazione dello strumento, sino a quel tempo bloccato dal timore di erodere potere contrattuale ai sindacati. Il testo del 2018 è stato riscritto e migliorato in alcuni dispositivi ed è pronto per diventare una proposta di legge di iniziativa popolare.