Aspettando Glasgow, tra un “bla, bla, bla” e l’altro!

Il tempo del bla bla bla è finito e bisogna agire: non c'è più tempo. Infine c’è da cambiare un paradigma e da riscrivere una storia: sembra che le decisioni sul clima le prendano in pochi e in tavoli decisamente ristretti con la presenza delle lobby del carbone. Va completamente ribaltato il tavolo, dando voce e ruolo a chi oggi subisce le conseguenze maggiori di questa crisi socio climatica e ambientale.

Il pas­sag­gio a Mila­no dei lavo­ri pre­pa­ra­to­ri alla Cop 26 è sta­to dipin­to dagli inter­lo­cu­to­ri isti­tu­zio­na­li come un gran­de successo.

Da più par­ti inve­ce si sono leva­te voci com­ple­ta­men­te diver­se che han­no descrit­to que­sto lavo­ro di pre­pa­ra­zio­ne come una via di mez­zo tra una pas­se­rel­la elet­to­ra­le e l’ennesimo incon­tro dove le deci­sio­ni ven­go­no rin­via­te a data da desti­nar­si… tan­ti impe­gni ma sem­pre e solo sul­la carta.

Il “bla bla bla” uti­liz­za­to da Gre­ta Thun­berg nel suo pri­mo inter­ven­to duran­te i lavo­ri del Youth4Climate ben rap­pre­sen­ta il tem­po spre­ca­to e che si con­ti­nua a spre­ca­re, appun­to, per par­la­re, par­la­re, par­la­re. Pri­ma cer­can­do di spie­ga­re l’o­ri­gi­ne antro­pi­ca del­la cau­sa dei cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci a chi nega que­sta evi­den­za scien­ti­fi­ca e poi cer­can­do di dare azio­ne alle paro­le in manie­ra coerente!

Tra l’altro vale la pena ricor­da­re che non pos­sia­mo per­met­ter­ci il lus­so di una discus­sio­ne infinita.

Per­ché nel frat­tem­po la lun­ga lista degli even­ti e del­le cata­stro­fi ambien­ta­li, cau­sa­ti dai cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci si aggior­na a rit­mi asso­lu­ta­men­te fre­ne­ti­ci e regi­stra una vio­len­za sem­pre maggiore.

L’a­spet­to fon­da­men­ta­le, la paro­la chia­ve in pre­pa­ra­zio­ne alla cop26 è “vin­co­lan­ti”. Se le deci­sio­ni che emer­ge­ran­no a Gla­sgow non saran­no vin­co­lan­ti per gli Sta­ti avre­mo per­so ulte­rio­re tempo.

Non dob­bia­mo com­met­te­re l’er­ro­re già com­mes­so mol­te vol­te in pas­sa­to, quan­do in occa­sio­ni del­le pre­ce­den­ti Cop gli impe­gni che gli sta­ti pren­de­va­no non era­no vin­co­lan­ti, ren­den­do di fat­to inu­ti­le qual­sia­si ten­ta­ti­vo di abbas­sa­men­to del­le emis­sio­ni di gas climalteranti.

Però a Mila­no è suc­ces­so anche qual­co­sa di diverso.

I 400 ragaz­zi che han­no par­te­ci­pa­to ai lavo­ri del Youth4Climate han­no orga­niz­za­to even­ti, semi­na­ri, han­no discus­so, si sono con­fron­ta­ti, si sono ascol­ta­ti e non han­no volu­to rinun­cia­re a esse­re pro­po­si­ti­vi, a dif­fe­ren­za di quel­lo che sostie­ne il sem­pre più ina­de­gua­to mini­stro Cingolani.

Il rischio che la loro pre­sen­za fos­se solo un con­tor­no neces­sa­rio, così come la con­sa­pe­vo­lez­za del­la vaghez­za di que­sti incon­tri, non ha asso­lu­ta­men­te scal­fi­to i gio­va­ni che sono inter­ve­nu­ti con auto­re­vo­lez­za e grin­ta per riba­di­re quan­to la “cli­ma­te justi­ce” non sia prio­ri­ta­ria come dovreb­be nel­le agen­de politiche.

E lo han­no fat­to anche con una gran­de mani­fe­sta­zio­ne per le vie di Mila­no che ha visto la par­te­ci­pa­zio­ne di oltre 50.000 per­so­ne. Ragaz­ze e ragaz­zi di ogni età e appar­te­nen­ti a scuo­le di ogni ordi­ne e gra­do han­no sfi­la­to, colo­ra­ti e chias­so­si come non mai.

Ad apri­re il cor­teo, Gre­ta, Vanes­sa, Mar­ti­na e tut­te le altre e gli altri rap­pre­sen­tan­ti e dele­ga­ti inter­na­zio­na­li dei FFF giun­ti a Mila­no per l’occasione.

Io sono sce­so in piaz­za con loro, ed è sta­to bel­lo vede­re tan­tis­si­ma par­te­ci­pa­zio­ne, com­pre­se anche inte­re sco­la­re­sche del­la scuo­la pri­ma­ria accom­pa­gna­te dal­le loro mae­stre e dai geni­to­ri. Sono sce­si in piaz­za per riven­di­ca­re un futu­ro miglio­re per chie­de­re di inter­rom­pe­re il bla­bla­bla del­la poli­ti­ca che con­ti­nua a par­la­re e a non decidere.

È sta­to emo­zio­nan­te esse­re in piaz­za, cam­mi­na­re, gri­da­re, can­ta­re, sal­ta­re con loro… ma soprat­tut­to pren­der­si lo spa­zio per ascoltare.

Non ascol­tia­mo mai i gio­va­ni, men­tre sul­le cose che riguar­da­no diret­ta­men­te il loro futu­ro, dovrem­mo fer­mar­ci ad ascoltarli…e poi agi­re di con­se­guen­za e in coe­ren­za insie­me a loro.

Un car­tel­lo reci­ta­va: “abbia­mo bal­za­to la lezio­ne per dar­ne una a voi”. E in effet­ti è così: i gio­va­ni ci stan­no dan­do una lezio­ne, ci stan­no dimo­stran­do che il nostro tem­po sta pas­san­do e che il loro futu­ro lo voglio­no deci­de­re loro e soprat­tut­to chie­do­no a noi di non tergiversare.

A tal pro­po­si­to mi vie­ne in men­te Felix Fin­k­bei­ner, un altro bam­bi­no che nel 2007 all’e­tà di 9 anni ave­va discus­so con i suoi com­pa­gni di clas­se di cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci e di giu­sti­zia cli­ma­ti­ca. Aveva­no deci­so che la solu­zio­ne per con­tra­sta­re i cam­bia­men­ti cli­ma­ti­ci era pian­ta­re tan­tis­si­me pian­te. Oggi la fon­da­zio­ne che por­ta il suo nome sta pian­tan­do milio­ni di pian­te in tut­to il mon­do, favo­ren­do la cre­sci­ta di posti di lavo­ro in col­la­bo­ra­zio­ne con ong e altre asso­cia­zio­ni che si occu­pa­no di svi­lup­po socia­le e lot­ta alla povertà.

Il suo slo­gan di allo­ra ben si pre­sta a que­sti gior­ni “stop tal­king start planting”.

Il tem­po del bla bla bla è fini­to e biso­gna agi­re: non c’è più tempo.

Infi­ne c’è da cam­bia­re un para­dig­ma e da riscri­ve­re una sto­ria: sem­bra che le deci­sio­ni sul cli­ma le pren­da­no in pochi e in tavo­li deci­sa­men­te ristret­ti con la pre­sen­za del­le lob­by del car­bo­ne. Va com­ple­ta­men­te ribal­ta­to il tavo­lo, dan­do voce e ruo­lo a chi oggi subi­sce le con­se­guen­ze mag­gio­ri di que­sta cri­si socio cli­ma­ti­ca e ambien­ta­le; pren­de­te­vi il tem­po di rive­de­re l’intervento di Vanes­sa Naka­te cir­ca la situa­zio­ne del con­ti­nen­te africano.

Paral­le­la­men­te va allar­ga­ta la par­te­ci­pa­zio­ne nei per­cor­si deci­sio­na­li ai movi­men­ti e alle nuo­ve gene­ra­zio­ni: a livel­lo loca­le, nei comu­ni e nel­le nostre real­tà asso­cia­ti­ve, così come nei livel­li più gran­di, va amplia­ta la par­te­ci­pa­zio­ne dei cit­ta­di­ni e soprat­tut­to va aumen­ta­ta la trasparenza.

La par­te­ci­pa­zio­ne seria e atti­va deve diven­ta­re un pun­to qua­li­fi­can­te del­la rivo­lu­zio­ne mite che dob­bia­mo fare oggi per orga­niz­za­re e costrui­re un futu­ro migliore.

 

 

 

 

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nature Restoration Law: stavolta ha vinto la Terra!

È un momen­to sto­ri­co: oggi l’Europa ren­de leg­ge il ripri­sti­no del­la natu­ra, e defi­ni­sce la dire­zio­ne che il nostro con­ti­nen­te segui­rà per ridar­le spa­zio. La que­stio­ne non è edo­ni­sti­ca, e nem­me­no intel­let­tua­le: si trat­ta di per­met­te­re che gli eco­si­ste­mi, come i fiu­mi o le zone umi­de, ter­re col­ti­va­te e fore­ste, tor­ni­no gra­dual­men­te in una con­di­zio­ne di equi­li­brio per con­ti­nua­re a tra­sfor­ma­re la mate­ria, per ren­de­re, cioè, la bio­sfe­ra vivi­bi­le anche per noi.

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.