Parlamento, se ci sei batti un colpo.

E così il Governo ha deciso di abbassare l’Iva sugli assorbenti femminili al 10%, bene ma non benissimo visto che la misura corretta sarebbe quella del 4%, ma in più viene da chiedersi cosa stiano facendo esattamente i partiti in Parlamento se su una misura di questo tipo arrivano a farsi bagnare il naso da Draghi. Osservazioni simili si potrebbero fare a proposito di eutanasia e cannabis legale, e lo stesso ci si augura accada per la proposta di legge d'iniziativa popolare sul salario minimo su cui Possibile si impegna a raccogliere adesioni.

E così il Gover­no ha deci­so di abbas­sa­re l’Iva sugli assor­ben­ti fem­mi­ni­li al 10%, bene ma non benis­si­mo visto che la misu­ra cor­ret­ta sareb­be quel­la del 4%, ma in più vie­ne da chie­der­si cosa stia­no facen­do esat­ta­men­te i par­ti­ti in Par­la­men­to se su una misu­ra di que­sto tipo arri­va­no a far­si bagna­re il naso da Dra­ghi, che dan­do un taglio a un immo­bi­li­smo che va avan­ti da anni deci­de da solo di inter­ve­ni­re su una que­stio­ne su cui loro non sono sta­ti in gra­do di fare nul­la, tenen­do sem­pre ben pre­sen­te che se ne par­la da anni.

Osser­va­zio­ni simi­li si potreb­be­ro fare a pro­po­si­to di euta­na­sia e can­na­bis lega­le, che andran­no – si spe­ra — a refe­ren­dum gra­zie alle fir­me dei cit­ta­di­ni, e lo stes­so ci si augu­ra acca­da per la pro­po­sta di leg­ge d’i­ni­zia­ti­va popo­la­re sul sala­rio mini­mo su cui Pos­si­bi­le si impe­gna a rac­co­glie­re ade­sio­ni.

Poi­ché dopo le ammi­ni­stra­ti­ve i gior­na­li sono pie­ni di ragio­na­men­ti geo­me­tri­ci sul­le allean­ze, col fron­te pro­gres­si­sta che deve tro­va­re il modo di tene­re insie­me uno sche­ma com­pren­den­te Pd, sini­stra, M5s, Azio­ne e Ita­lia Viva, ipo­te­si su cui gli inte­res­sa­ti stes­si han­no mol­ti dub­bi, vie­ne da chie­der­si se il ban­co di pro­va idea­le per qual­sia­si ipo­te­si di allean­za non potreb­be esse­re pro­prio il Par­la­men­to, in par­ti­co­la­re sui temi rispet­to ai qua­li il Gover­no Dra­ghi, per sua natu­ra, ten­den­zial­men­te sarà maga­ri meno pro­pen­so a met­te­re il becco.

Det­to in paro­le più sem­pli­ci, se que­sto ipo­te­ti­co fron­te non si tro­va, oggi, su una serie di que­stio­ni che si pos­so­no por­ta­re avan­ti in aula, subi­to, per­ché mai dovreb­be fun­zio­na­re doma­ni, sul­la sola base di un cal­co­lo arit­me­ti­co, di una som­ma­to­ria che come ci dico­no le pas­sa­te espe­rien­ze poi è sem­pre infe­rio­re al risul­ta­to atteso?

Inol­tre, dopo aver ascol­ta­to il levar­si degli alti lai ai tem­pi del refe­ren­dum sul­la ridu­zio­ne dei par­la­men­ta­ri, non sareb­be que­sto anno e mez­zo che man­ca alla fine del­la legi­sla­tu­ra cor­ren­te il momen­to idea­le per dimo­stra­re che il Par­la­men­to ser­ve a qual­co­sa, e che non è solo il Gover­no la sede del­le ini­zia­ti­ve legi­sla­ti­ve? Inve­ce, tut­to tace, come ormai è nor­ma da tem­po, da ben pri­ma dell’arrivo di Dra­ghi, con mag­gio­ran­ze di ogni sta­gio­ne e di ogni colo­re. E poi però ci si rab­buia, quan­do si sco­pre che i cit­ta­di­ni non van­no a vota­re, quan­do vie­ne fuo­ri che per loro il Par­la­men­to non ser­ve a nien­te, e ci si allar­ma per la faci­li­tà con cui lo Spid per­met­te di rac­co­glie­re le fir­me, su fac­cen­de rispet­to alle qua­li però sfor­tu­na­ta­men­te il Par­la­men­to non bat­te colpo.

Chi è cau­sa del suo mal…

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Era il 23 settembre quando il Presidente del Consiglio Mario Draghi, all’Assemblea di Confindustria, dice “Il governo non aumenterà le tasse, è il momento di dare non prendere”. Quello che viene da chiedersi, guardando la timidissima manovra, è a chi diamo, e soprattutto a chi non diamo.
La Ministra dell’Interno Lamorgese dovrebbe chiarire quale sia l’intenzione del governo circa la sorte degli ottocento precari rimasti in carico presso le sedi di servizio interessate dalle procedure di regolarizzazione e delle medesime istanze sospese.
La priorità è difendere la vittima, difendere chi denuncia, anche e soprattutto quando lo Stato chiede espressamente alla vittima di denunciare per poter intervenire.