Siamo arrivati a risparmiare sulla disabilità?

La questione va risolta immediatamente, con il ripristino dell’interpretazione precedente della norma oppure, se serve, con l’immediata modifica dell’art. 13 nello stesso senso. A meno che non si ritenga di voler fondare i progetti di ripresa economica di cui il governo va così fiero risparmiando sugli assegni di assistenza alle persone con grave disabilità, per un cavillo.

Con il “mes­sag­gio” 3495 del 14 otto­bre 2021, INPS ha pre­ci­sa­to che l’assegno men­si­le di assi­sten­za di cui all’articolo 13 del­la leg­ge n. 118/1971 da quel momen­to in poi sareb­be sta­to ero­ga­to solo a chi pos­sie­de entram­bi i requi­si­ti di leg­ge, vale a dire una per­cen­tua­le di inva­li­di­tà pari o supe­rio­re al 74% e l’inattività lavo­ra­ti­va, inte­sa in sen­so restrit­ti­vo come man­ca­ta per­ce­zio­ne di qual­si­vo­glia red­di­to lavorativo.

La nor­ma­ti­va pre­ve­de­va, per poter frui­re del bene­fi­cio (pari ad euro 287,09 per 13 men­si­li­tà) un limi­te di red­di­to per­so­na­le di euro 4.931,29 per il 2021.

Fino ad oggi l’interpretazione auten­ti­ca, da par­te di INPS, del­la nor­ma era sta­ta quel­la di non con­si­de­ra­re la pro­ve­nien­za del red­di­to per­so­na­le, se cioè deri­vas­se da “lavo­ret­ti” oppu­re da ren­di­te come affit­ti o altro, essen­do con­si­de­ra­to l’importo even­tual­men­te per­ce­pi­to come atti­vi­tà lavo­ra­ti­va non rilevante.

Oggi, inve­ce, diven­ta rile­van­te, anche fos­se un euro, alla luce di alcu­ne recen­ti pro­nun­zie del­la Cor­te di Cas­sa­zio­ne che pre­ci­sa­no come la man­ca­ta atti­vi­tà lavo­ra­ti­va sia un ele­men­to ine­lu­di­bi­le del­la norma.

INPS si fa scu­do del­le sen­ten­ze per giu­sti­fi­ca­re la pro­pria pre­sa di posi­zio­ne, dimen­ti­can­do di dire che quel­le sen­ten­ze nasco­no da pro­ce­di­men­ti in cui sem­pre INPS ha soste­nu­to que­sta tesi. 

Da un pun­to di vista pra­ti­co è una situa­zio­ne abba­stan­za incre­di­bi­le, visto che per decen­ni (alme­no dal 2008) INPS ha uti­liz­za­to un con­di­vi­si­bi­le cri­te­rio di ragio­ne­vo­lez­za nell’interpretazione del­la nor­ma, che nasce­va dal­la con­sa­pe­vo­lez­za che da un “lavo­ret­to” da 400 euro al mese non pote­va cer­ta­men­te deri­va­re un giu­di­zio di per­ce­zio­ne inde­bi­ta dell’assegno.

Inve­ce ora INPS avver­te che, se la per­so­na disa­bi­le vuo­le incas­sa­re la mira­bo­lan­te cifra di 287,09 euro, non deve lavo­ra­re in alcun modo.

È un mes­sag­gio deva­stan­te nei con­fron­ti di chi, pur in con­di­zio­ni di pale­se dif­fi­col­tà, non aven­do un’occupazione sta­bi­le, si ado­pe­ra ugual­men­te per inse­rir­si nel con­te­sto lavo­ra­ti­vo e maga­ri di paga­re le bol­let­te (che aumentano).

Ma soprat­tut­to è un invi­to da un lato alla pas­si­va autoe­sclu­sio­ne socia­le, dall’altro all’illegalità, poi­ché si par­la pur sem­pre di lavo­ret­ti dichia­ra­ti su cui ven­go­no paga­te le tas­se, ma che potreb­be­ro anche non esser­lo, con l’ovvia con­se­guen­za che sareb­be­ro anche paga­ti meno.

La que­stio­ne va risol­ta imme­dia­ta­men­te, con il ripri­sti­no dell’interpretazione pre­ce­den­te del­la nor­ma oppu­re, se ser­ve, con l’immediata modi­fi­ca dell’art. 13 nel­lo stes­so senso.

A meno che non si riten­ga di voler fon­da­re i pro­get­ti di ripre­sa eco­no­mi­ca di cui il gover­no va così fie­ro rispar­mian­do sugli asse­gni di assi­sten­za alle per­so­ne con gra­ve disa­bi­li­tà, per un cavillo.

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nature Restoration Law: stavolta ha vinto la Terra!

È un momen­to sto­ri­co: oggi l’Europa ren­de leg­ge il ripri­sti­no del­la natu­ra, e defi­ni­sce la dire­zio­ne che il nostro con­ti­nen­te segui­rà per ridar­le spa­zio. La que­stio­ne non è edo­ni­sti­ca, e nem­me­no intel­let­tua­le: si trat­ta di per­met­te­re che gli eco­si­ste­mi, come i fiu­mi o le zone umi­de, ter­re col­ti­va­te e fore­ste, tor­ni­no gra­dual­men­te in una con­di­zio­ne di equi­li­brio per con­ti­nua­re a tra­sfor­ma­re la mate­ria, per ren­de­re, cioè, la bio­sfe­ra vivi­bi­le anche per noi.

Firenze, una cosa è certa: non si è trattato di un errore umano

Nel­l’at­te­sa di rice­ve­re noti­zie chia­re e cir­co­stan­zia­te sul­la dina­mi­ca di quan­to avve­nu­to in via Mari­ti a Firen­ze, una cosa si deve dire: non si è trat­ta­to di un erro­re umano.

E que­sto, nono­stan­te le insi­nua­zio­ni dei tito­li dei gior­na­li, arri­va­te appe­na pas­sa­to lo shock ini­zia­le, è neces­sa­rio dir­lo con chiarezza.