Siamo arrivati a risparmiare sulla disabilità?

La questione va risolta immediatamente, con il ripristino dell’interpretazione precedente della norma oppure, se serve, con l’immediata modifica dell’art. 13 nello stesso senso. A meno che non si ritenga di voler fondare i progetti di ripresa economica di cui il governo va così fiero risparmiando sugli assegni di assistenza alle persone con grave disabilità, per un cavillo.

Con il “mes­sag­gio” 3495 del 14 otto­bre 2021, INPS ha pre­ci­sa­to che l’assegno men­si­le di assi­sten­za di cui all’articolo 13 del­la leg­ge n. 118/1971 da quel momen­to in poi sareb­be sta­to ero­ga­to solo a chi pos­sie­de entram­bi i requi­si­ti di leg­ge, vale a dire una per­cen­tua­le di inva­li­di­tà pari o supe­rio­re al 74% e l’inattività lavo­ra­ti­va, inte­sa in sen­so restrit­ti­vo come man­ca­ta per­ce­zio­ne di qual­si­vo­glia red­di­to lavorativo.

La nor­ma­ti­va pre­ve­de­va, per poter frui­re del bene­fi­cio (pari ad euro 287,09 per 13 men­si­li­tà) un limi­te di red­di­to per­so­na­le di euro 4.931,29 per il 2021.

Fino ad oggi l’interpretazione auten­ti­ca, da par­te di INPS, del­la nor­ma era sta­ta quel­la di non con­si­de­ra­re la pro­ve­nien­za del red­di­to per­so­na­le, se cioè deri­vas­se da “lavo­ret­ti” oppu­re da ren­di­te come affit­ti o altro, essen­do con­si­de­ra­to l’importo even­tual­men­te per­ce­pi­to come atti­vi­tà lavo­ra­ti­va non rilevante.

Oggi, inve­ce, diven­ta rile­van­te, anche fos­se un euro, alla luce di alcu­ne recen­ti pro­nun­zie del­la Cor­te di Cas­sa­zio­ne che pre­ci­sa­no come la man­ca­ta atti­vi­tà lavo­ra­ti­va sia un ele­men­to ine­lu­di­bi­le del­la norma.

INPS si fa scu­do del­le sen­ten­ze per giu­sti­fi­ca­re la pro­pria pre­sa di posi­zio­ne, dimen­ti­can­do di dire che quel­le sen­ten­ze nasco­no da pro­ce­di­men­ti in cui sem­pre INPS ha soste­nu­to que­sta tesi. 

Da un pun­to di vista pra­ti­co è una situa­zio­ne abba­stan­za incre­di­bi­le, visto che per decen­ni (alme­no dal 2008) INPS ha uti­liz­za­to un con­di­vi­si­bi­le cri­te­rio di ragio­ne­vo­lez­za nell’interpretazione del­la nor­ma, che nasce­va dal­la con­sa­pe­vo­lez­za che da un “lavo­ret­to” da 400 euro al mese non pote­va cer­ta­men­te deri­va­re un giu­di­zio di per­ce­zio­ne inde­bi­ta dell’assegno.

Inve­ce ora INPS avver­te che, se la per­so­na disa­bi­le vuo­le incas­sa­re la mira­bo­lan­te cifra di 287,09 euro, non deve lavo­ra­re in alcun modo.

È un mes­sag­gio deva­stan­te nei con­fron­ti di chi, pur in con­di­zio­ni di pale­se dif­fi­col­tà, non aven­do un’occupazione sta­bi­le, si ado­pe­ra ugual­men­te per inse­rir­si nel con­te­sto lavo­ra­ti­vo e maga­ri di paga­re le bol­let­te (che aumentano).

Ma soprat­tut­to è un invi­to da un lato alla pas­si­va autoe­sclu­sio­ne socia­le, dall’altro all’illegalità, poi­ché si par­la pur sem­pre di lavo­ret­ti dichia­ra­ti su cui ven­go­no paga­te le tas­se, ma che potreb­be­ro anche non esser­lo, con l’ovvia con­se­guen­za che sareb­be­ro anche paga­ti meno.

La que­stio­ne va risol­ta imme­dia­ta­men­te, con il ripri­sti­no dell’interpretazione pre­ce­den­te del­la nor­ma oppu­re, se ser­ve, con l’immediata modi­fi­ca dell’art. 13 nel­lo stes­so senso.

A meno che non si riten­ga di voler fon­da­re i pro­get­ti di ripre­sa eco­no­mi­ca di cui il gover­no va così fie­ro rispar­mian­do sugli asse­gni di assi­sten­za alle per­so­ne con gra­ve disa­bi­li­tà, per un cavillo.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Era il 23 settembre quando il Presidente del Consiglio Mario Draghi, all’Assemblea di Confindustria, dice “Il governo non aumenterà le tasse, è il momento di dare non prendere”. Quello che viene da chiedersi, guardando la timidissima manovra, è a chi diamo, e soprattutto a chi non diamo.
La Ministra dell’Interno Lamorgese dovrebbe chiarire quale sia l’intenzione del governo circa la sorte degli ottocento precari rimasti in carico presso le sedi di servizio interessate dalle procedure di regolarizzazione e delle medesime istanze sospese.
La priorità è difendere la vittima, difendere chi denuncia, anche e soprattutto quando lo Stato chiede espressamente alla vittima di denunciare per poter intervenire.