manifesto

Sei appuntamenti (più uno spin off a Reggio Emilia su pace e disarmo), il prossimo weekend, che segnano la prima occasione in cui tutti coloro che partecipano (o sono curiosi) alla costruzione di Liberi, libere e uguali potranno dire la propria sul programma che sottoporremo agli elettori.
Quello che chiediamo per la prossima legislatura è un impegno per l’uguaglianza, la libertà e la partecipazione
Un’occasione di approfondimento e di confronto, perché alcune soluzioni coincidono, altre divergono, ma la soluzione di questa divergenza credo possa essere utile al dibattito pubblico, nel percorso verso la definizione di una proposta elettorale a sinistra, nel segno dell’uguaglianza.
La lunga discussione di sabato scorso a Milano sul Manifesto di Possibile è stata per me un momento di grande soddisfazione anche come costituzionalista. È un bel modo di festeggiare gli ormai prossimi settant’anni della nostra Costituzione, in modo davvero non meramente rituale (come temo invece che accadrà in molte sedi).
Un lavoro che mettiamo a disposizione di tutti, ma proprio tutti, non dei soliti partiti della sinistra. Leggetelo, criticatelo, miglioriamolo assieme, entriamo ancora più nel dettaglio delle proposte. Scriveteci come sempre a [email protected]