Andrea Pertici

#

13 Nov: Il lavoro del tavolo a quattro per un programma comune della sinistra

Il segretario di Possibile mi ha chiesto di portare il nostro contributo a quel tavolo, dove – come già emerso da alcune notizie di stampa – sedevano anche un esponente di Mdp (l’on. Guglielmo Epifani), un esponente di SI (l’on. Giovanni Paglia) e un esponente dell’Alleanza popolare per la democrazia e l’uguaglianza (il prof. Tomaso Montanari).
#

18 Set: Un Manifesto decisamente costituzionale

La lunga discussione di sabato scorso a Milano sul Manifesto di Possibile è stata per me un momento di grande soddisfazione anche come costituzionalista. È un bel modo di festeggiare gli ormai prossimi settant’anni della nostra Costituzione, in modo davvero non meramente rituale (come temo invece che accadrà in molte sedi).
#

11 Apr: Se nessuno li voleva, come ci sono finiti nell’Italicum i capilista bloccati?

Ricordiamo che l’Italicum prima versione (quello del “patto del Nazareno” Renzi-Berlusconi) bloccava l’intera lista e era stato un compromesso trovato in Parlamento quello di bloccare solo i capilista. Questo per precisare che non è che l’Italicum nasca con le preferenze e poi qualche cattiva manina lo abbia rovinato con questi capilista bloccati, ma semmai il contrario.
#

06 Apr: Democrazia diretta e rappresentativa insieme per la partecipazione: dal “Progetto 2 giugno”, tre anni di lavoro nella convinzione che “Appartiene al popolo”

Sosteniamo l’importanza della partecipazione delle persone alla cosa pubblica non da ora. Ne avevamo scritto nella primavera del 2014 quando sembrava che tutto dovesse essere deciso al vertice governativo neo-insediato a seguito del voto di circa un milione e ottocentomila elettori del Pd che erano stati fatte passare – almeno nelle ricostruzioni più “appassionate” – quasi come se fossero la maggioranza degli elettori, con “riforme” elettorali e costituzionali tutte volte a una “verticalizzazione del potere”, clamorosamente sconfessata da quasi venti milioni di elettori il 4 dicembre scorso.
#

26 Mar: L’Europa a sessant’anni dai Trattati di Roma

Dobbiamo pretendere che le forze politiche europeiste offrano soluzioni differenti e che i cittadini possano scegliere tra queste. Ciò vale a livello nazionale, dove pure, almeno in una certa fase si è ritenuto di adottare lo schema “t.i.n.a.” e vale a livello europeo. Perché anche l’Europa appartiene al popolo.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
#

06 Mar: Non varcate quella soglia

Ciò che queste Camere, elette con una legge elettorale incostituzionale e autrici di una legge elettorale (per la sola Camera) incostituzionale, devono in ogni modo evitare è l’approvazione di un’altra legge elettorale incostituzionale.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
#

17 Feb: Per un Parlamento che funziona meglio: la prima nostra proposta alla Camera, ora anche al Senato

Si tratta di un primo ma importante tassello di riforme istituzionali che – come diciamo sempre – non passano solo attraverso la Costituzione (che pure può richiedere singoli aggiornamenti o miglioramenti): dalla legge elettorale a quella sul conflitto di interessi, alla revisione di alcune incompatibilità e ineleggibilità, per assicurare una maggiore trasparenza e un effettivo svolgimento delle funzioni pubbliche con disciplina e onore.

  •  
  •  
  •  
  •  
  •