La libertà di voto alla dura prova della riforma elettorale

La proposta in questione risulta l’ennesimo pasticcio, fatto probabilmente con l’occhio troppo fisso sulle ormai imminenti elezioni che impediscono di pensare liberamente al sistema migliore.

[vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1506065554565{margin-top: 20px !important;}”][/vc_column_text][vc_column_text]Alla fine l’ennesima pro­po­sta di leg­ge elet­to­ra­le è arri­va­ta e il siste­ma è sostan­zial­men­te quel­lo che era sta­to anti­ci­pa­to: oltre due ter­zi dei seg­gi (231 alla Came­ra e 102 al Sena­to) sono attri­bui­ti con il siste­ma mag­gio­ri­ta­rio uni­no­mi­na­le, men­tre la restan­te par­te con il siste­ma pro­por­zio­na­le, nell’ambito di col­le­gi plu­ri­no­mi­na­li, com­po­sti di liste bloc­ca­te (che alla Came­ra pos­so­no con­te­ne­re fino a sei candidati).

Tut­to in pra­ti­ca è bloc­ca­to: lo è, natu­ral­men­te, il can­di­da­to nel col­le­gio uni­no­mi­na­le (e que­sto è fisio­lo­gi­co rispet­to a quel siste­ma), lo sono i can­di­da­ti nel­le liste pro­por­zio­na­li (e que­sto, inve­ce, fisio­lo­gi­co non è), ma soprat­tut­to lo è il voto dell’elettore, che è uni­co e deve pren­de­re insie­me il can­di­da­to nel col­le­gio uni­no­mi­na­le e una lista (bloc­ca­ta) che lo appog­gia. Però, un can­di­da­to nel mag­gio­ri­ta­rio (al cui nome non sarà affian­ca­to nes­sun sim­bo­lo di par­ti­to) può esse­re appog­gia­to anche da più liste (essen­do sta­te espres­sa­men­te pre­vi­ste le coa­li­zio­ni, sco­no­sciu­te in ogni altro Pae­se). In que­sto caso se alcu­ni elet­to­ri si espri­mo­no solo per il can­di­da­to nell’uninominale, i loro voti – fate bene atten­zio­ne – sono ripar­ti­ti tra le liste del­la coa­li­zio­ne in pro­por­zio­ne ai voti otte­nu­ti da cia­scu­na nel col­le­gio plu­ri­no­mi­na­le. Si trat­ta di un’evidente aber­ra­zio­ne che peral­tro attri­bui­sce all’elettore scel­te che non ha com­piu­to – e che in mol­ti casi pro­ba­bil­men­te non saprà nep­pu­re di ave­re com­piu­to – inci­den­do nega­ti­va­men­te sul­la sua liber­tà di voto.

Ci sono poi altri aspet­ti che lascia­no dav­ve­ro mol­to per­ples­si. Ad esem­pio, se la soglia che le liste devo­no otte­ne­re per veder­si attri­bui­ti seg­gi è del 3%, basta però l’1% per por­ta­re voti alla coa­li­zio­ne, avvan­tag­gian­do­ne i par­ti­ti che supe­ra­no lo sbar­ra­men­to, ciò age­vo­lan­do la pre­sen­ta­zio­ne di liste che non han­no pos­si­bi­li­tà di entra­re in Par­la­men­to, ma che sono por­ta­tri­ci d’acqua (maga­ri anche costi­tui­te a quest’unico fine) di quel­le mag­gio­ri nell’ambito del­la coa­li­zio­ne (secon­do una tec­ni­ca già spe­ri­men­ta­ta soprat­tut­to a destra).

Un altro aspet­to che col­pi­sce è che, pur essen­do pre­vi­ste le coa­li­zio­ni la pre­sen­ta­zio­ne del pro­gram­ma elet­to­ra­le e del “capo” avvie­ne da par­te del par­ti­to o grup­po poli­ti­co, non essen­do pre­vi­sto (come inve­ce nel­la leg­ge 270 del 2005, anco­ra vigen­te per il Sena­to) che, nel caso di pre­sen­ta­zio­ne in coa­li­zio­ne, vi sia un uni­co pro­gram­ma e un uni­co “capo”. Per­tan­to gli elet­to­ri potreb­be­ro tro­var­si a vota­re per un grap­po­lo di par­la­men­ta­ri bloc­ca­ti, appar­te­nen­ti a diver­se for­ze poli­ti­che, che han­no pre­sen­ta­to maga­ri con un pro­gram­ma dif­fe­ren­te.

La con­clu­sio­ne è che la pro­po­sta in que­stio­ne risul­ta l’ennesimo pastic­cio, fat­to pro­ba­bil­men­te con l’occhio trop­po fis­so sul­le ormai immi­nen­ti ele­zio­ni che impe­di­sco­no di pen­sa­re libe­ra­men­te al siste­ma miglio­re per con­sen­ti­re la rap­pre­sen­tan­za dei cit­ta­di­ni cer­can­do di favo­ri­re anche la sta­bi­li­tà degli ese­cu­ti­vi (che rima­ne poi comun­que una que­stio­ne soprat­tut­to poli­ti­ca). Per que­sto, come abbia­mo già det­to più vol­te, sareb­be sta­to più uti­le con­cen­trar­si sull’armonizzazione del­le attua­li due (diver­se) leg­gi elet­to­ra­li per le due Came­re. Sen­za solu­zio­ni fret­to­lo­se ma sen­za per­de­re tempo.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.