Il «Manifesto» di Possibile e il «Manifesto» contro la disuguaglianza a confronto

Un’occasione di approfondimento e di confronto, perché alcune soluzioni coincidono, altre divergono, ma la soluzione di questa divergenza credo possa essere utile al dibattito pubblico, nel percorso verso la definizione di una proposta elettorale a sinistra, nel segno dell’uguaglianza.
ip-web-1

[vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1506012264361{margin-top: 20px !important;}”][/vc_column_text][vc_column_text]Sabato 16 set­tem­bre 2017 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to il pro­prio «Mani­fe­sto» a Mila­no, dopo un lavo­ro di sei mesi, par­ti­to con la Costi­tuen­te del­le idee (Roma, feb­bra­io 2017) e pas­sa­to dai tavo­li tema­ti­ci del nostro Poli­ti­Camp (Reg­gio Emi­lia, luglio 2017).

Oggi, alla Came­ra dei depu­ta­ti, Mau­ri­zio Fran­zi­ni e Vin­cen­zo Visco (per Nens e Eti­cae­co­no­mia), in dia­lo­go con Roma­no Pro­di, han­no pre­sen­ta­to «Con­tro la disu­gua­glian­za: come e per­ché. Un Mani­fe­sto», che ripren­de, fin dal tito­lo, alcu­ni ele­men­ti che anche il Mani­fe­sto di Pos­si­bi­le (il cui sot­to­ti­to­lo è appun­to: «nel segno dell’uguaglianza») con­tem­pla e approfondisce.

La pro­po­sta è sem­pli­ce: met­tia­mo a con­fron­to i due «Mani­fe­sti» fin d’ora. Lo farà per noi Davi­de Sera­fin, con un appro­fon­di­men­to che nel­le pros­si­me ore met­te­re­mo a dispo­si­zio­ne del­la comu­ni­tà di Pos­si­bi­le e dei nostri interlocutori.

Pro­pon­go però a Fran­zi­ni e Visco un’occasione di appro­fon­di­men­to e di con­fron­to, per­ché alcu­ne solu­zio­ni coin­ci­do­no, altre diver­go­no, ma la solu­zio­ne di que­sta diver­gen­za cre­do pos­sa esse­re uti­le al dibat­ti­to pub­bli­co, nel per­cor­so ver­so la defi­ni­zio­ne di una pro­po­sta elet­to­ra­le a sini­stra, nel segno dell’ugua­glian­za.

 

Il com­men­to di Davi­de Serafin:

Non una ma le mol­te­pli­ci cau­se di disu­gua­glian­za che bloc­ca­no il nostro pae­se sono al cen­tro del mani­fe­sto poli­ti­co eco­no­mi­co pre­sen­ta­to oggi alla Came­ra da Vin­cen­zo Visco, pre­si­den­te del NENS, affian­ca­to dal­l’ex pre­si­den­te del Con­si­glio Roma­no Pro­di, e dal pro­fes­sor Mau­ri­zio Fran­zi­ni. Un docu­men­to soli­do, soste­nu­to dal­l’e­vi­den­za del­la ricer­ca e dal dato sta­ti­sti­co. Un lavo­ro che evi­den­te­men­te ci pia­ce, che con­tie­ne mol­ti dei temi da noi trat­ta­ti, che si inse­ri­sce a cor­ro­bo­ra­re e ali­men­ta­re ulte­rior­men­te le pro­po­ste del Mani­fe­sto di Pos­si­bi­le.

Comin­cian­do da una pun­tua­le dichia­ra­zio­ne di inten­ti («Un Mani­fe­sto è uno stru­men­to asser­ti­vo e, in qual­che modo, di par­te ma fon­da­to su soli­di argo­men­ti»), il docu­men­to elen­ca 28 inter­ven­ti o poli­ti­che che potreb­be­ro cor­reg­ge­re la situa­zio­ne attua­le. Un elen­co cer­ta­men­te «non com­ple­to», scri­vo­no gli auto­ri, ma che indi­ca la stra­da da per­cor­re­re.

Le ven­tot­to pro­po­ste pas­sa­no dal­la rifor­ma del­le isti­tu­zio­ni eco­no­mi­che glo­ba­li («supe­ra­re la ban­ca uni­ver­sa­le, rifor­ma­re il siste­ma finan­zia­rio») che richie­de cer­ta­men­te un con­sen­so inter­na­zio­na­le lun­gi dal­l’es­se­re rite­nu­to fat­ti­bi­le nel bre­ve perio­do, a solu­zio­ni di buon sen­so e pra­ti­ca­bi­li, come l’in­tro­du­zio­ne del red­di­to mini­mo garan­ti­to, la revi­sio­ne del­l’im­po­sta sul red­di­to del­le per­so­ne fisi­che, il con­tra­sto all’e­va­sio­ne e all’e­lu­sio­ne fisca­le, del­le qua­li abbia­mo pro­dot­to ampia e appro­fon­di­ta ela­bo­ra­zio­ne nei sei mesi del­la Costi­tuen­te del­le Idee. Due diver­se trat­ta­zio­ni che però giun­go­no alla mede­si­ma con­clu­sio­ne: la disu­gua­glian­za è tal­men­te mani­fe­sta, in que­sto pae­se, che ci sareb­be da stu­pir­si se non fos­se il tema prin­ci­pe del­la pros­si­ma cam­pa­gna elet­to­ra­le.

Ora che i docu­men­ti ‘sce­si in cam­po’ sono due, la discus­sio­ne cir­ca l’u­ni­tà a sini­stra può final­men­te lascia­re il lido del­le chiac­chie­re e migra­re ver­so la con­cre­tez­za del­la pro­po­sta. Ver­so ciò che ci uni­sce vera­men­te, la lot­ta con­tro l’in­giu­sti­zia. Eco­no­mi­ca, socia­le, ambien­ta­le, politica.

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il Clima entri nelle decisioni della Politica e la Politica si comporti in maniera coscienziosa, non guardando i sondaggi e pensando al prossimo appuntamento elettorale, ma guardi al futuro, alle generazioni future e a chi verrà dopo di loro.
Se scompaiono gli squali, l’Oceano muore. Quello stesso Oceano che produce il 50% dell’ossigeno che respiriamo, e assorbe il 25% dell’anidride carbonica che emettiamo. Se muore l’Oceano, moriamo noi.  Non ci resta, dunque, che salvare gli squali. 
500.000 firme per togliere risorse e giro d’affari alle mafie, per garantire la qualità e la sicurezza di cosa viene venduto e consumato, per mettere la parola fine a una criminalizzazione e a un proibizionismo che non hanno portato a nessun risultato. La cannabis non è una questione secondaria o risibile, ma un tema serio che riguarda milioni di italiani.