#antifa: come fare a pezzi la narrazione fascista

Una guida per rispondere ad alcune parole e luoghi comuni che circolano con insistenza e che si rivelano infondati, strumentali, propagandistici. Argomenti di destra - estrema, a volte - che vanno a comporre una vera e propria narrazione sessista, discriminatoria e razzista, che in molti casi sa di apologia e di propaganda fascista e come tale viene rivendicata.

[vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1505916610565{margin-top: 20px !important;}”][/vc_column_text][vc_column_text]Una gui­da per rispon­de­re ad alcu­ne paro­le e luo­ghi comu­ni che cir­co­la­no con insi­sten­za e che si rive­la­no infon­da­ti, stru­men­ta­li, pro­pa­gan­di­sti­ci. Argo­men­ti di destra — estre­ma, a vol­te — che van­no a com­por­re una vera e pro­pria nar­ra­zio­ne ses­si­sta, discri­mi­na­to­ria e raz­zi­sta, che in mol­ti casi sa di apo­lo­gia e di pro­pa­gan­da fasci­sta e come tale vie­ne rivendicata.

Non rispon­dia­mo alla vio­len­za con la violenza.

Rispon­dia­mo con fer­mez­za al ses­si­smo e al raz­zi­smo e al fasci­smo che ritor­na e che la poli­ti­ca (e non solo: pen­sia­mo alle col­pe del­la fin­ta infor­ma­zio­ne) ripren­de sen­za curar­si del­le conseguenze.

Non attac­chia­mo le per­so­ne, ma le ban­die­re sba­glia­te che han­no deci­so di por­ta­re, come spie­ga bene Emc­ke in “Con­tro l’odio”, un libro che dovreb­be­ro tut­ti leg­ge­re pri­ma di ‘com­men­ta­re’.

Non accet­tia­mo l’arroganza, pre­fe­ria­mo la spie­ga­zio­ne.

Esse­re cor­ret­ti è giu­sto, esse­re buo­ni pure, esse­re stron­zi pro­prio no. Per­ché gli stron­zi fan­no male a tut­ti ma, soli­ta­men­te, fan­no più male alle per­so­ne più fra­gi­li. L’essenza dell’essere stron­zi, in fon­do, non è altro che questa.

Una let­te­ra, una paro­la, una spie­ga­zio­ne. Con que­ste sche­de di faci­le con­sul­ta­zio­ne si può rispon­de­re a que­sta nar­ra­zio­ne tos­si­ca con un sem­pli­ce link, che spie­ga inven­zio­ni, distor­sio­ni e provocazioni.

Per evi­ta­re di cade­re nel­la trap­po­la di rima­ne­re avvi­ta­ti in discus­sio­ni che die­tro al velo del­la pre­sun­ta razio­na­li­tà nascon­do­no le più bece­re ideo­lo­gie, acco­mu­na­te da un trat­to distin­ti­vo: dare la col­pa, pren­der­se­la con le mino­ran­ze, che sia­no pre­sun­te (le don­ne), rea­li (gli immi­gra­ti, gli omo­ses­sua­li) o che sia­no quel­le con­tro cui la sto­ria si è sem­pre acca­ni­ta (gli ebrei, che non man­ca­no mai).

#anti­fa sta per anti­fa­sci­sta, ma anche per #anti­fa­ke e #anti­fa­na­ti­smo. Alcu­ni pos­so­no soste­ne­re posi­zio­ni fasci­ste, sen­za saper­lo e nem­me­no ren­der­se­ne con­to. Ma non è una buo­na ragio­ne per giustificarli.

Un lavo­ro cul­tu­ra­le, svol­to con toni misu­ra­ti ma irre­pren­si­bi­li, e con un meto­do rigo­ro­so dal pun­to di vista scien­ti­fi­co. E sen­za paura.

Comin­cia­mo con la K di Kaler­gi e del suo pre­sun­to pia­no, con la I di Inva­sio­ne e con la G di Gen­der. Tre argo­men­ti che si ten­go­no ine­vi­ta­bil­men­te assieme.

[LEGGI “G COME GENDER”]

[LEGGI “I COME INVASIONE”]

[LEGGI “K COME KALERGI”]

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Ci vediamo a Roma, il 23 e 24 ottobre, Largo Venue, con la nostra Scuola di Politica. Non abbiamo mai smesso di studiare, ma ora torniamo a farlo tutti e tutte insieme, di persona, finalmente.
Mentre sono sicura che si potrà fare a meno di benzina per qualche giorno (il benzinaio più vicino mi ha detto di riprovare lunedì o martedì), o dell’acqua sugli scaffali dei supermercati, o mangiare qualche verdura in meno per adesso, la situazione diventerà ancora più insostenibile per i diritti di chi lavora in questi settori e di conseguenza per l’intero paese, che, nel frattempo, raziona anche un dibattito profondo sull’impatto della Brexit.