Il Manifesto di Possibile per una politica seria

Sia­mo a poche ore dall’inizio del Politicamp2017  in cui discu­te­re­mo il Mani­fe­sto di Pos­si­bi­le, un lavo­ro in pro­gress al qua­le arri­via­mo attra­ver­so mol­te tappe.

Un pro­gram­ma frut­to di anni di lavo­ro, con docu­men­ti e pro­po­ste spe­ci­fi­che (spes­so dive­nu­te pro­po­ste di leg­ge), sul­le que­stio­ni isti­tu­zio­na­li e costi­tu­zio­na­li come su quel­le di gover­no (aven­do sem­pre avu­to cura – è bene spe­ci­fi­car­lo – di distin­gue­re le pri­me dal­le seconde).

La base del pro­gram­ma che Pos­si­bi­le sta com­ple­tan­do si tro­va in un docu­men­to pre­sen­ta­to a Bolo­gna nel dicem­bre 2014: il Pat­to repub­bli­ca­no.

Il pun­to di par­ten­za del Pat­to è il recu­pe­ro del­la par­te­ci­pa­zio­ne, per­ché la poli­ti­ca tor­ni ad esse­re ciò che riguar­da tut­ti i con­so­cia­ti e non un gio­co di pote­re, fat­to di tat­ti­che e tra­sfor­mi­smi tra pochi espo­nen­ti di par­ti­to che si scel­go­no tra di loro. L’idea di fon­do è quel­la per cui, in demo­cra­zia, ci sono sem­pre alter­na­ti­ve (pro­prio al con­tra­rio di quan­to ci sia­mo sen­ti­ti ripe­te­re negli ulti­mi anni) e que­ste dob­bia­mo trac­ciar­le insie­me, con il con­cor­so di tut­ti come affer­ma l’art. 49 del­la Costi­tu­zio­ne. Il Pat­to, aper­to a tut­ti e in effet­ti sot­to­scrit­to da per­so­ne anche appar­te­nen­ti a for­ze poli­ti­che diver­se (poten­do costi­tui­re già la base per un pro­get­to di sini­stra aper­to, plu­ra­le e pro­gres­si­sta, come quel­lo di cui si sta discu­ten­do da qual­che set­ti­ma­na), indi­ca die­ci pun­ti fon­da­men­ta­li, con par­ti­co­la­re atten­zio­ne alla demo­cra­zia (da una leg­ge elet­to­ra­le capa­ce di assi­cu­ra­re rap­pre­sen­tan­za e liber­tà di scel­ta, age­vo­lan­do anche la sta­bi­li­tà dell’azione di gover­no, a una leg­ge sui par­ti­ti per la par­te­ci­pa­zio­ne inter­na e la tra­spa­ren­za, fino a una rifor­ma costi­tu­zio­na­le leg­ge­ra e con­di­vi­sa a par­ti­re dal­la valo­riz­za­zio­ne degli isti­tu­ti di demo­cra­zia diret­ta), all’uguaglianza (attra­ver­so la pro­gres­si­vi­tà fisca­le, il red­di­to mini­mo, il con­trat­to a tute­le cre­scen­ti, l’eliminazione dei con­flit­ti d’interessi e la valo­riz­za­zio­ne del­la con­cor­ren­za e del con­cor­so, ma anche con una leg­ge di pari­tà e un matri­mo­nio ugua­li­ta­rio che por­ti a fami­glie tut­te ugua­li), al benes­se­re (che pas­sa attra­ver­so i pun­ti pre­ce­den­ti ma si svi­lup­pa con una par­ti­co­la­re atten­zio­ne alla for­ma­zio­ne, istru­zio­ne, uni­ver­si­tà e ricer­ca, ma anche attra­ver­so una vera e pro­pria con­ver­sio­ne eco­lo­gi­ca dell’economia). È insom­ma un Pat­to per il pro­gres­so a tut­to ton­do. Un pro­gres­so che non per­de di vista il suo obiet­ti­vo: il benes­se­re gene­ra­le, per noi stes­si e per i nostri poste­ri, per ripren­de­re il pre­am­bo­lo del­la Costi­tu­zio­ne degli Sta­ti Uni­ti d’America. Per­ché – come si leg­ge nel­la riso­lu­zio­ne ONU del 2012 con cui è sta­ta isti­tui­ta la Gior­na­ta del­la feli­ci­tà – «il “pro­gres­so” non dovreb­be por­ta­re solo cre­sci­ta eco­no­mi­ca a tut­ti i costi, ma anche benes­se­re e feli­ci­tà».

Così, abbia­mo cer­ca­to di por­ta­re avan­ti le pro­po­ste alter­na­ti­ve con­tem­pla­te dal Pat­to. Veden­do che in Par­la­men­to c’era sem­pre meno spa­zio, lo abbia­mo fat­to met­ten­do in cam­po otto refe­ren­dum, per la demo­cra­zia (due que­si­ti sul­la leg­ge elet­to­ra­le), l’ambien­te (due que­si­ti per supe­ra­re le tri­vel­la­zio­ni e uno per rifor­ma­re la leg­ge obiet­ti­vo), il lavo­ro (due que­si­ti per resti­tui­re la tute­la rea­le anche ai nuo­vi assun­ti ed evi­ta­re i deman­sio­na­men­ti), la scuo­la (per­ché tor­nas­se più buo­na, sen­za un pre­si­de-mana­ger). Si è trat­ta­to di una cam­pa­gna mol­to impe­gna­ti­va, con­dot­ta da Pos­si­bi­le, appe­na nata (il 21 giun­go 2015), a mani nude, nell’indifferenza di isti­tu­zio­ni, media e del­le altre for­ze poli­ti­che e con qual­che osti­li­tà. Ma – come tut­ti colo­ro che vi han­no par­te­ci­pa­to pos­so­no testi­mo­nia­re – è sta­ta una cam­pa­gna bel­lis­si­ma, in cui quel­la par­te­ci­pa­zio­ne che tan­to spes­so alcu­ni invo­ca­no si toc­ca­va con mano.

Quin­di sia­mo anda­ti avan­ti, attra­ver­so l’impe­gno poli­ti­co sul ter­ri­to­rio, accom­pa­gnan­do pro­po­ste e bat­ta­glie che aves­se­ro il segno dei prin­ci­pi del Pat­to repub­bli­ca­no. Abbia­mo con­ti­nua­to a ela­bo­ra­re pro­po­ste, sem­pre nel meri­to dei temi, stu­dian­do (cosa che in poli­ti­ca si fa ormai dav­ve­ro poco), veri­fi­can­do le con­se­guen­ze appli­ca­ti­ve, facen­do i con­ti. Non abbia­mo mai volu­to cede­re a nes­su­na pro­pa­gan­da. Non abbia­mo mai pro­po­sto o vota­to nien­te che non ci con­vin­ces­se, nep­pu­re sot­to il tri­ste segno dell’ormai fami­ge­ra­to “pas­so avan­ti”. Non pos­sia­mo fare pic­co­li pas­si avan­ti che ser­vo­no poi solo a fare gros­se pau­se, ma dob­bia­mo mira­re agli obiet­ti­vi con coraggio.

In que­sto modo ci sia­mo approc­cia­ti anche alla rifor­ma costi­tu­zio­na­le, avvia­ta al sobrio gri­do di “Via il Sena­to!”, sen­za nep­pu­re un testo scrit­to (per­ché que­sta è sta­ta la con­sue­ta moda­li­tà di affron­ta­re le “rifor­me” come ormai risul­ta impie­to­sa­men­te evi­den­te) e risol­ta­si in un arti­co­la­to mol­to con­tor­to. Essa è sta­ta soste­nu­ta con argo­men­ti dav­ve­ro peno­si, ma tal­vol­ta anche con­tra­sta­ta con argo­men­ti discu­ti­bi­li. Con Pos­si­bi­le abbia­mo sem­pre scel­to un’altra stra­da: quel­la del meri­to del­la pro­po­sta, su cui abbia­mo fat­to una lun­ga e bel­lis­si­ma cam­pa­gna di infor­ma­zio­ne e di edu­ca­zio­ne costi­tu­zio­na­le. Tan­te, tan­tis­si­me tap­pe (solo le mie si avvi­ci­na­no alle cen­to) in tut­to il Pae­se, per spie­ga­re, sen­za pre­giu­di­zi, tut­to quel­lo che non anda­va, pre­sen­tan­do alter­na­ti­ve pre­ci­se, come quel­la con­te­nu­ta nel docu­men­to ela­bo­ra­to da chi scri­ve con Pasqui­no, Viro­li e Zac­ca­ria e che Pos­si­bi­le ha subi­to fat­to pro­prio, aven­do tro­va­to la con­di­vi­sio­ne anche di Mas­si­mo D’Alema e del suo Comi­ta­to per il No. Abbia­mo avu­to ragio­ne per­ché, nono­stan­te una pro­pa­gan­da cer­ta­men­te sbi­lan­cia­ta per il Sì, il No è sta­to con­vin­ta­men­te pro­nun­cia­to da qua­si ven­ti milio­ni di elet­to­ri, pari a qua­si il 60% dei votanti.

Sia­mo mol­to orgo­glio­si del con­tri­bu­to dato a que­sta cam­pa­gna, con tut­ti i Comi­ta­ti per il No, tut­te le asso­cia­zio­ni impe­gna­te, a par­ti­re da Anpi, e tut­te le for­ze politiche.

La Costi­tu­zio­ne è rima­sta di tut­ti; ha man­te­nu­to la sua capa­ci­tà uni­fi­can­te del Pae­se e la sua fun­zio­ne di limi­ta­zio­ne del potere.

Nel peri­me­tro del­la Costi­tu­zio­ne, però, dob­bia­mo recu­pe­ra­re lo spa­zio per l’alternativa tra idee e pro­po­ste diver­se, su cui si fon­da e di cui si ali­men­ta la demo­cra­zia. Que­sto deter­mi­na il con­fron­to tra destra e sini­stra in base ai pro­gram­mi e non ad anti­che appar­te­nen­za o discen­den­ze. È un con­fron­to tra chi mira a con­ser­va­re gli equi­li­bri socia­li esi­sten­ti e chi vuo­le aprir­li. Stan­do sul­le pro­po­ste, la sini­stra cer­ta­men­te può ritro­var­si facil­men­te uni­ta ed è anche per que­sto che in que­sto perio­do, in cui la discus­sio­ne da que­sta par­te è fit­ta ma tal­vol­ta un po’ ozio­sa (e for­se vizia­ta da trop­pe que­stio­ni per­so­na­li) abbia­mo pen­sa­to di ripar­ti­re da un pro­gram­ma. Lo abbia­mo ripre­so alla Costi­tuen­te del­le idee e abbia­mo comin­cia­to a con­cre­tiz­zar­lo pun­to per pun­to in un Mani­fe­sto, con­te­nen­te pro­po­ste pre­ci­se nei con­te­nu­ti, nel­le moda­li­tà di attua­zio­ne, nel­la soste­ni­bi­li­tà finan­zia­ria. Di que­sto ci occu­pia­mo al Poli­ti­camp di quest’anno, che è un momen­to fon­da­men­ta­le per discu­te­re le pro­po­ste, miglio­rar­le, svi­lup­par­le e aggiun­ger­ne di nuo­ve. Sarà – come è già sta­to – un lavo­ro inces­san­te. Un lavo­ro che noi con­si­de­ria­mo esse­re la poli­ti­ca: quel­la atti­vi­tà con cui, sen­za reto­ri­ca, ci si dedi­ca agli altri, pen­san­do non solo all’istante ma anche al doma­ni e al dopodomani.

Que­sto lavo­ro, al Poli­ti­camp e oltre, ci darà sod­di­sfa­zio­ne e sarà la miglio­re allean­za. La miglio­re e più seria poli­ti­ca.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Il Clima entri nelle decisioni della Politica e la Politica si comporti in maniera coscienziosa, non guardando i sondaggi e pensando al prossimo appuntamento elettorale, ma guardi al futuro, alle generazioni future e a chi verrà dopo di loro.
Se scompaiono gli squali, l’Oceano muore. Quello stesso Oceano che produce il 50% dell’ossigeno che respiriamo, e assorbe il 25% dell’anidride carbonica che emettiamo. Se muore l’Oceano, moriamo noi.  Non ci resta, dunque, che salvare gli squali. 
500.000 firme per togliere risorse e giro d’affari alle mafie, per garantire la qualità e la sicurezza di cosa viene venduto e consumato, per mettere la parola fine a una criminalizzazione e a un proibizionismo che non hanno portato a nessun risultato. La cannabis non è una questione secondaria o risibile, ma un tema serio che riguarda milioni di italiani.