Un’altra incostituzionalità per le “grande riforme” della legislatura: tocca (di nuovo) allo “Sblocca Italia”

Incostituzionale un altro pezzo delle “riforme” della legislatura, e soprattutto dei tre anni del Governo Renzi. Un periodo di grande ubriacatura del “rinnovamento”, in cui bastava un titolo perché tutti o quasi credessero che era “la volta buona”

[vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1500626429156{margin-top: 20px !important;}”][/vc_column_text][vc_column_text]Con sen­ten­za n. 170 del 2017 la Cor­te ha dichia­ra­to l’ille­git­ti­mi­tà costi­tu­zio­na­le del d.l. 133 del 2014, cosid­det­to “Sbloc­ca Ita­lia”, limi­ta­ta­men­te all’art. art. 38, com­ma 7, lad­do­ve rimet­te al Mini­ste­ro del­lo Svi­lup­po eco­no­mi­co la defi­ni­zio­ne del disci­pli­na­re con le moda­li­tà di con­fe­ri­men­to del tito­lo con­ces­so­rio sen­za alcun coin­vol­gi­men­to del­le Regio­ni, nono­stan­te l’incidenza sul­la mate­ria di com­pe­ten­za con­cor­ren­te «pro­du­zio­ne, tra­spor­to e distri­bu­zio­ne nazio­na­le dell’energia». Lo stes­so arti­co­lo risul­ta altre­sì inco­sti­tu­zio­na­le limi­ta­ta­men­te al com­ma 10 sul­lo svol­gi­men­to del­le atti­vi­tà mine­ra­rie nel Gol­fo di Vene­zia per­ché «sacri­fi­ca agli inte­res­si ener­ge­ti­ci e fisca­li […] quel­lo alla sal­va­guar­dia dell’ambiente».

Risul­ta così col­pi­to un altro pez­zo del­le “rifor­me” del­la legi­sla­tu­ra, e soprat­tut­to dei tre anni del Gover­no Ren­zi, che all’inizio ne ave­va annun­cia­te a biz­zef­fe: “una al mese” (anche se ora lo si ricor­da poco). Era il perio­do del­la gran­de ubria­ca­tu­ra del “rin­no­va­men­to”, in cui basta­va un tito­lo per­ché tut­ti o qua­si cre­des­se­ro che era “la vol­ta buo­na”, come già “fat­to!” (anche se quest’ultimo era lo slo­gan di un pre­de­ces­so­re). Men­tre tut­ti brin­da­va­no ai tito­li, face­va­mo pre­sen­te che man­ca­va “il foglio del come”: ma que­sto – come pochi ten­do­no a ricor­da­re – era con­si­de­ra­to da “gufi”, “fre­na­to­ri”, sem­mai – se se ne pos­se­de­va il tito­lo (non par­ti­co­lar­men­te rispet­ta­to) – nel­la varian­te “pro­fes­so­ro­ni”.

Dopo che la cor­ti­na fumo­ge­na dei fuo­chi d’artificio che accom­pa­gna­va “la gran­de bouf­fe” del­le rifor­me si è dira­da­ta gra­zie soprat­tut­to al risul­ta­to del refe­ren­dum costi­tu­zio­na­le, risul­ta impie­to­sa­men­te come il “foglio del come”, quan­do c’era (per­ché a vol­te sem­bra che man­cas­se pro­prio), fos­se qua­si sem­pre mol­to pasticciato.

Se già alla vigi­lia del refe­ren­dum costi­tu­zio­na­le nes­su­no riven­di­ca­va il meri­to del­la rifor­ma costi­tu­zio­na­le (le cui cri­ti­ci­tà era­no ammes­se dagli stes­si auto­ri e soste­ni­to­ri), la rifor­ma elet­to­ra­le è sta­ta giu­di­ca­ta inco­sti­tu­zio­na­le nel suo carat­te­re fon­da­men­ta­le: il bal­lot­tag­gio (con cui il padre del­la leg­ge D’Alimonte rite­ne­va di iden­ti­fi­ca­re la leg­ge stes­sa). Ma scor­ren­do la giu­ri­spru­den­za costi­tu­zio­na­le vedia­mo, appun­to, come mol­ti altre sia­no le occa­sio­ni in cui le rifor­me dell’epoca sono sta­te giu­di­ca­te inco­sti­tu­zio­na­li: dal­la leg­ge Madia (sent. n. 251 del 2016) al d.l. 133 del 2014, sobria­men­te defi­ni­to (in coe­ren­za con la pre­te­sa di esse­re “l’unico argi­ne al popu­li­smo”) “Sbloc­ca Ita­lia”, col­pi­to pri­ma dal­la sent. n. 7 del 2016 e poi dal­la sent. n. 170 del 2017, come ricor­da­to in apertura.

In mol­te di que­ste deci­sio­ni il pro­ble­ma è pro­prio il man­ca­to coin­vol­gi­men­to del­le auto­no­mie regio­na­li, viste con fasti­dio, in effet­ti, anche dal­la rifor­ma costi­tu­zio­na­le (che pure ne met­te­va qual­che con­si­glie­re in Senato).

For­se tut­to que­sto potreb­be ser­vi­re come moni­to per il futu­ro, per evi­ta­re di pun­ta­re tut­to anco­ra una vol­ta fidei­sti­ca­men­te sul “toc­co magi­co” di qual­cu­no. Dob­bia­mo chie­de­re, inve­ce, di scri­ve­re (e illu­stra­re) bene pri­ma il “foglio del come”. Con meno fret­ta e più effi­cien­za. Del resto, come scri­ve­va Bob­bio (Il futu­ro del­la demo­cra­zia), in demo­cra­zia le doman­de sono velo­ci, ma le rispo­ste devo­no esse­re len­te (cioè riflet­tu­te); per chi non aves­se avu­to occa­sio­ne di leg­ger­lo, pote­va basta­re anche ave­re ascol­ta­to la non­na, quan­do – ripren­den­do for­se incon­sa­pe­vol­men­te i clas­si­ci, da Eso­po ad Ari­sto­fa­ne – ci dice­va che la gat­ta fret­to­lo­sa fa i gat­ti­ni cie­chi.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.
Cosa ha caratterizzato le destre di tutto il mondo negli ultimi anni se non la precisa strategia di solleticare la sfiducia e le paure dell’elettorato?
Non si possono fare tornare i vita i morti, non si può restituire la pace alle loro famiglie, né ricostituire tutte quelle vite e quelle famiglie che si sono sgretolate nel tempo, per conseguenze dirette ed indirette di un sistema mafioso e corrotto. Ma la giustizia sì che si può fare, ed è doveroso pretenderla. Per chi ha dato la vita per difenderla, per la nostra dignità di cittadini e per le generazioni future.