Scuola politica di “Liguria Possibile”: come è andata

Non basta solo la passione, occorrono anche “Esperienza, Competenza e Impegno”: queste sono le tre parole chiave che pensiamo caratterizzino la nostra partecipazione politica. Con la stessa logica, coinvolgiamo le persone che desiderano avvicinarsi a noi per collaborare insieme alla realizzazione del progetto di “Possibile”.

[vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1500885259350{margin-top: 20px !important;}”][/vc_column_text][vc_column_text]La scor­sa esta­te a Geno­va, insie­me ad un pic­co­lo grup­po di lavo­ro, abbia­mo pro­get­ta­to un per­cor­so for­ma­ti­vo poli­ti­co per dar vita ad un’idea sor­ta già duran­te l’anno, in vista del­le ammi­ni­stra­ti­ve.

L’ambizione era di spe­ri­men­ta­re una sor­ta di scuo­la poli­ti­ca aper­ta a tut­te e a tut­ti con l’obiettivo prin­ci­pa­le di accre­sce­re le com­pe­ten­ze neces­sa­rie sia in caso di atti­vi­tà poli­ti­ca come ammi­ni­stra­tri­ci o ammi­ni­stra­to­ri all’interno di assem­blee con­si­lia­ri, sia come atti­vi­sti e atti­vi­ste che ogni gior­no con­tri­bui­sco­no con pas­sio­ne alla vita poli­ti­ca del partito.

Non basta solo la pas­sio­ne, occor­ro­no anche “Espe­rien­za, Com­pe­ten­za e Impe­gno”: que­ste sono le tre paro­le chia­ve che pen­sia­mo carat­te­riz­zi­no la nostra par­te­ci­pa­zio­ne poli­ti­ca. Con la stes­sa logi­ca, coin­vol­gia­mo le per­so­ne che desi­de­ra­no avvi­ci­nar­si a noi per col­la­bo­ra­re insie­me alla rea­liz­za­zio­ne del pro­get­to di “Pos­si­bi­le”.

Stu­dia­re ed esse­re pre­pa­ra­ti nel meri­to costi­tui­sce, infat­ti, un pun­to di for­za del nostro partito.

La scuo­la ha aper­to i suoi bat­ten­ti a set­tem­bre rivol­gen­do­si a tut­ta la cit­ta­di­nan­za; la par­te­ci­pa­zio­ne è sta­ta gra­tui­ta ed è sta­ta por­ta­ta avan­ti solo gra­zie ad un’autotassazione dei Comi­ta­ti e ai con­tri­bu­ti volon­ta­ri del­le per­so­ne iscrit­te. Que­sto ha signi­fi­ca­to tan­tis­si­mo impe­gno per noi orga­niz­za­tri­ci e orga­niz­za­to­ri. Ma lo abbia­mo fat­to con pas­sio­ne per­ché abbia­mo cre­du­to nel buo­no sco­po che ci era­va­mo pre­po­sti. Prin­ci­pal­men­te abbia­mo pre­vi­sto un calen­da­rio con tre temi principali :

  • Le Isti­tu­zio­ni: Unio­ne Euro­pea, Regio­ne, Comu­ne e Muni­ci­pi per spie­ga­re bene tut­te le loro fun­zio­ni e dina­mi­che. I docen­ti in que­sta par­te sono sta­ti per la mag­gio­ran­za i nostri ammi­ni­stra­to­ri loca­li e nazio­na­li che, aven­do espe­rien­za diret­ta in pri­ma per­so­na, si sono mes­si a dispo­si­zio­ne per fare for­ma­zio­ne in aula. In que­sto modo, abbia­mo potu­to uni­re la teo­ria alla pra­ti­ca, cer­can­do sem­pre di evi­den­zia­re le “buo­ne pra­ti­che”. In alcu­ni casi, come per la lezio­ne sui Muni­ci­pi, abbia­mo anche crea­to una simu­la­zio­ne di aula con­si­lia­re con tan­to di assessori/e e consiglieri/e chia­ma­ti a risol­ve­re una que­stio­ne poli­ti­ca ammi­ni­stra­ti­va loca­le. È sta­to mol­to coin­vol­gen­te e for­ma­ti­vo; ci ripro­met­tia­mo di ripe­ter­lo in una auspi­ca­ta pros­si­ma edizione.
  • Le com­pe­ten­ze tra­sver­sa­li: abbia­mo pen­sa­to che fos­se impor­tan­te anche il saper esse­re, ovve­ro il saper comu­ni­ca­re, inclu­so il saper gesti­re i con­flit­ti per poter poi aggre­ga­re meglio un grup­po e pren­de­re deci­sio­ni in modo più sano. Ci sia­mo rivol­ti ad un esper­to sul tema del­la non violenza.
  • La nor­ma­ti­va che pre­ve­de la dop­pia alter­nan­za di gene­re alle ammi­ni­stra­ti­ve ci ha for­ni­to uno spun­to per affron­ta­re anche l’argomento dell’equi­li­brio di gene­re; visto che “le paro­le non sono solo paro­le”, abbia­mo volu­to dedi­ca­re una ses­sio­ne anche al lin­guag­gio di gene­re pre­sup­po­sto di una poli­ti­ca di pari oppor­tu­ni­tà a par­ti­re da come ci chia­mia­mo nel­le assem­blee pub­bli­che fino a come scri­via­mo un docu­men­to. Per que­sta par­te ci sia­mo rivol­ti a del­le pro­fes­sio­ni­ste docen­ti uni­ver­si­ta­rie e for­ma­tri­ci con espe­rien­za plu­rien­na­le sul tema.

La scuo­la ha ter­mi­na­to le sue lezio­ni a feb­bra­io, ter­mi­ne già defi­ni­to pri­ma per tene­re con­to dell’impegno che sareb­be suben­tra­to con le ammi­ni­stra­ti­ve di Genova.

L’opportunità di repli­ca­re sia a Geno­va che altro­ve o anche sce­glien­do altre moda­li­tà alter­na­ti­ve di for­ma­zio­ne è sen­za dub­bio lega­ta alla pos­si­bi­li­tà di esse­re attrez­za­ti con mag­gio­ri risor­se, ele­men­to che può garan­ti­re con­ti­nui­tà e ulte­rio­re qua­li­tà sia nel­la stru­men­ta­zio­ne, sia nel­la gestio­ne organizzativa.

Per que­sta espe­rien­za ci sia­mo, ad esem­pio, dota­ti, con le nostre for­ze, di un pro­iet­to­re, di una lava­gna a fogli mobi­li, men­tre di vol­ta in vol­ta abbia­mo uti­liz­za­to i nostri per­so­na­li por­ta­ti­li per pro­iet­ta­re sli­de. Per quan­to riguar­da i docen­ti, abbia­mo avu­to la for­tu­na di uti­liz­za­re per­so­ne di alto valo­re tra i nostri pos­si­bi­li­sti loca­li, nazio­na­li e di Bru­xel­les. Inol­tre, esper­ti ed esper­te di altre mate­rie ci han­no mes­so a dispo­si­zio­ne il loro tem­po gra­tui­ta­men­te pro­prio per­ché han­no apprez­za­to il pro­get­to e il fat­to che un par­ti­to si pre­oc­cu­pas­se di fare for­ma­zio­ne su temi non del tut­to scon­ta­ti o classici .

Alla nostra scuo­la di for­ma­zio­ne han­no anche par­te­ci­pa­to mol­ti gio­va­ni under 30 che non era­no appar­te­nen­ti ad alcu­na for­ma­zio­ne poli­ti­ca. Gra­zie a que­sta ini­zia­ti­va mol­ti di loro ci han­no cono­sciu­to, han­no con­di­vi­so i nostri prin­ci­pi e le nostre idee. Ades­so mol­ti sono iscritti/e e mili­tan­ti a tut­ti gli effet­ti. Inol­tre, la scuo­la ha coin­vol­to anche altri adul­ti delu­si dal­la poli­ti­ca, che incu­rio­si­ti dal pro­gram­ma han­no ini­zia­to a fre­quen­ta­re la sede. Alcu­ni di loro han­no scel­to poi di iscri­ver­si ad alcu­ni dei nostri comi­ta­ti geno­ve­si, sce­glien­do in base alla ter­ri­to­ria­li­tà o all’argomento tema­ti­co trat­ta­to dal comi­ta­to. Il per­cor­so, orga­niz­za­to a modu­li, ha con­sen­ti­to una par­te­ci­pa­zio­ne fles­si­bi­le, sia occa­sio­na­le che costan­te, dan­do la pos­si­bi­li­tà di opzio­na­re le diver­se lezio­ni tra­mi­te iscri­zio­ne on line.

L’esito più impor­tan­te è sta­to quel­lo di far­ci cono­sce­re tra­mi­te un per­cor­so di for­ma­zio­ne poli­ti­ca inclu­si­vo e di qualità.

I gra­fi­ci ela­bo­ra­ti con i dati del­le iscri­zio­ni, alle­ga­ti di segui­to, mostra­no que­sti risul­ta­ti dai qua­li si dedu­ce l’importanza di inve­sti­re sul­la for­ma­zio­ne, sull’arricchimento del­le nostre com­pe­ten­ze e nel meri­to come sem­pre avvie­ne per le “cose” di Possibile.

Cri­sti­na Gagi­no, refe­ren­te del grup­po For­ma­zio­ne di Ligu­ria Pos­si­bi­le: Chia­ra Ber­nar­di­ni, Cri­sti­na Caz­zu­lo, Fede­ri­co Del­fi­no, Fede­ri­ca Fer­ra­ro, Gior­gio Mar­ti­ni, Rober­to Schenone.

Per mag­gio­ri infor­ma­zio­ni: http://www.liguriapossibile.it/scuolapolitica.html

[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER

Congresso 2024: regolamento congressuale

Il con­gres­so 2024 di Pos­si­bi­le si apre oggi 5 apri­le: dif­fon­dia­mo in alle­ga­to il rego­la­men­to con­gres­sua­le ela­bo­ra­to dal Comi­ta­to Organizzativo.

Il salario. Minimo, indispensabile. Una proposta di legge possibile.

Già nel 2018 Pos­si­bi­le ha pre­sen­ta­to una pro­po­sta di leg­ge sul sala­rio mini­mo. In quel­la pro­po­sta, l’introduzione di un sala­rio mini­mo lega­le, che rico­no­sces­se ai mini­mi tabel­la­ri un valo­re lega­le erga omnes quan­do que­sti fos­se­ro al di sopra del­la soglia sta­bi­li­ta, for­ni­va una inno­va­ti­va inter­pre­ta­zio­ne del­lo stru­men­to, sino a quel tem­po bloc­ca­to dal timo­re di ero­de­re pote­re con­trat­tua­le ai sin­da­ca­ti. Il testo del 2018 è sta­to riscrit­to e miglio­ra­to in alcu­ni dispo­si­ti­vi ed è pron­to per diven­ta­re una pro­po­sta di leg­ge di ini­zia­ti­va popolare.

500.000 firme per la cannabis: la politica si è piantata? Noi siamo per piantarla e mobilitarci.

500.000 fir­me per toglie­re risor­se e giro d’affari alle mafie, per garan­ti­re la qua­li­tà e la sicu­rez­za di cosa vie­ne ven­du­to e con­su­ma­to, per met­te­re la paro­la fine a una cri­mi­na­liz­za­zio­ne e a un proi­bi­zio­ni­smo che non han­no por­ta­to a nes­sun risul­ta­to. La can­na­bis non è una que­stio­ne secon­da­ria o risi­bi­le, ma un tema serio che riguar­da milio­ni di italiani.

Possibile per il Referendum sulla Cannabis

La can­na­bis riguar­da 5 milio­ni di con­su­ma­to­ri, secon­do alcu­ni addi­rit­tu­ra 6, mol­ti dei qua­li sono con­su­ma­to­ri di lun­go cor­so che ne fan­no un uso mol­to con­sa­pe­vo­le, non peri­co­lo­so per la società.
Pre­pa­ra­te lo SPID! Sarà una cam­pa­gna bre­vis­si­ma, dif­fi­ci­le, per cui ser­vi­rà tut­to il vostro aiu­to. Ma si può fare. Ed è giu­sto provarci.

Corridoi umanitari per chi fugge dall’Afghanistan, senza perdere tempo o fare propaganda

La prio­ri­tà deve esse­re met­te­re al sicu­ro le per­so­ne e non può esse­re mes­sa in discus­sio­ne da rim­pal­li tra pae­si euro­pei. Il dirit­to d’asilo è un dirit­to che in nes­sun caso può esse­re sot­to­po­sto a “vin­co­li quan­ti­ta­ti­vi”. Ser­vo­no cor­ri­doi uma­ni­ta­ri, e cioè vie d’accesso sicu­re, lega­li, tra­spa­ren­ti attra­ver­so cui eva­cua­re più per­so­ne possibili. 

Nasce il coordinamento dei comitati di Possibile del sud

 Oggi a Napo­li sono sce­se in piaz­za le asso­cia­zio­ni riu­ni­te ne La via mae­stra, per sol­le­va­re l’al­lar­me sul disa­stro­so pro­get­to dell’autonomia dif­fe­ren­zia­ta e l’attenzione sui

17 maggio, non c’è nulla da festeggiare

Crea­re un cli­ma di sospet­to, dif­fi­den­za e pau­ra ha l’effetto deva­stan­te di sfo­cia­re in odio che si tra­du­ce in vio­len­za, spes­so fisi­ca, a sca­pi­to di per­so­ne che vor­reb­be­ro solo vive­re la pro­pria vita come tut­te le altre sen­za nega­re nul­la nessuno.