Con #1milione di #invisibili: mobilitiamoci insieme

Gli “Italiani e le Italiane senza cittadinanza” sono quel milione di cittadini, di cui 800mila minori, nati in Italia o arrivati in tenera età ma considerati dallo Stato, ostinatamente, stranieri.

[vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1500648237006{margin-top: 20px !important;}”][/vc_column_text][vc_column_text]

«Sia­mo rima­sti (ius) soli», scri­ve­va Andrea Mae­stri qual­che gior­no fa, com­men­tan­do l’ennesimo rin­vio in Sena­to del­la discus­sio­ne sul­la nuo­va leg­ge sul­la cit­ta­di­nan­za. Una leg­ge appro­va­ta alla Came­ra qua­si due anni fa, tor­na­ta in Par­la­men­to nel­lo scor­so giu­gno e ora appe­sa al soli­to filo del­la tenu­ta del­le lar­ghe inte­se, in atte­sa di settembre.

Gli “Ita­lia­ni e le Ita­lia­ne sen­za cit­ta­di­nan­za” sono quel milio­ne di cit­ta­di­ni, di cui 800mila mino­ri, nati in Ita­lia o arri­va­ti in tene­ra età ma con­si­de­ra­ti dal­lo Sta­to, osti­na­ta­men­te, stranieri.

In que­sto Pae­se si con­su­ma la loro inte­ra esi­sten­za: impa­ra­no a cam­mi­na­re e a par­la­re, cre­sco­no, stu­dia­no, lavo­ra­no, pro­prio come tut­ti i loro coe­ta­nei che han­no ere­di­ta­to la cit­ta­di­nan­za ita­lia­na secon­do la leg­ge 91 del 1992, leg­ge che però con­dan­na loro a resta­re “estra­nei nel loro pae­se” per­ché chi li ha mes­si al mon­do è straniero.

Sono in bal­lo le vite e i sogni di que­sti ragaz­zi e bam­bi­ni, le loro deci­sio­ni più impor­tan­ti e soprat­tut­to la loro iden­ti­tà non anco­ra rico­no­sciu­ta a livel­lo buro­cra­ti­co. Non pos­so­no viag­gia­re libe­ra­men­te nel­la nostra Euro­pa se sca­de loro il per­mes­so di sog­gior­no o se van­no al di fuo­ri del ter­ri­to­rio nazio­na­le per più di tre mesi. Spes­so non pos­so­no nean­che anda­re ad una gita sco­la­sti­ca o par­te­ci­pa­re al pro­get­to Era­smus all’Università.

A vol­te que­sti ragaz­zi sono por­ta­to­ri di com­pe­ten­ze cul­tu­ra­li e lin­gui­sti­che che il nostro pae­se non sfrut­ta a suo van­tag­gio. Sen­za dimen­ti­ca­re i gio­va­ni spor­ti­vi che anche vin­cen­do i cam­pio­na­ti nazio­na­li spes­so non pos­so rap­pre­sen­ta­re il pae­se che li ha cre­sciu­ti nel­le com­pe­ti­zio­ni inter­na­zio­na­li e quin­di non pos­so­no indos­sa­re la maglia azzur­ra pur essen­do al 100% italiani.

Di que­sto si par­la quan­do si par­la di nuo­va leg­ge sul­la cit­ta­di­nan­za, e que­ste sono le sto­rie che abbia­mo ascol­ta­to saba­to scor­so a Reg­gio Emi­lia, al tavo­lo sui “Nuo­vi Cit­ta­di­ni” del Politicamp.

Con You­ness, Ilham, Fatou, Mar­wa, Xavier e tan­ti altri, che ci han­no ripe­tu­to che la loro è una bat­ta­glia per esse­re rico­no­sciu­ti dal­lo Sta­to di cui si sen­to­no par­te. Una bat­ta­glia che riguar­da, mol­to sem­pli­ce­men­te, i dirit­ti civi­li, e si tro­va lega­ta alla que­stio­ne degli sbar­chi e dell’accoglienza solo dal­la reto­ri­ca tos­si­ca del­le destre e dal­la debo­lez­za del gover­no nel­le ulti­me settimane.

Duran­te la discus­sio­ne sono emer­si alcu­ni con­si­sten­ti aspet­ti miglio­ra­bi­li del­la leg­ge, nata già come com­pro­mes­so al ribas­so all’interno del­lo sche­ma di lar­ghe inte­se, come altri prov­ve­di­men­ti del­la sto­ria recente.

Lo ius soli tem­pe­ra­to pre­ve­de infat­ti che il dirit­to dei bam­bi­ni nati in Ita­lia sia lega­to alla tito­la­ri­tà del per­mes­so di sog­gior­no di lun­go perio­do da par­te dei geni­to­ri, che si ottie­ne solo con un red­di­to supe­rio­re all’as­se­gno socia­le, discri­mi­nan­do quin­di i mino­ri in base al red­di­to del­la loro famiglia.

Ed è da rive­de­re anche il mec­ca­ni­smo del­lo ius cul­tu­rae, cioè il dirit­to a con­se­gui­re la cit­ta­di­nan­za se si è fre­quen­ta­to un ciclo di stu­di “posi­ti­va­men­te”: anche in que­sto caso assi­stia­mo a una discri­mi­na­zio­ne, in base all’andamento sco­la­sti­co del mino­re, che per­de i requi­si­ti se non con­clu­de posi­ti­va­men­te il ciclo di stu­di. Si trat­ta di un mec­ca­ni­smo che non tie­ne con­to del­la par­ti­co­la­re deli­ca­tez­za del­le discri­mi­na­zio­ni inter­se­zio­na­li, anzi, le isti­tui­sce per leg­ge, per così dire.

È anche per que­sto che è nato il movi­men­to Ita­lia­ni Sen­za Cit­ta­di­nan­za, per dare voce pro­prio ai diret­ti inte­res­sa­ti, facen­do essi stes­si pres­sing poli­ti­co sul Sena­to. Per avvi­ci­na­re i rap­pre­sen­tan­ti isti­tu­zio­na­li alle vite di que­sto milio­ne di gio­va­ni e bam­bi­ni che in Ita­lia sono cre­sciu­ti o nati.

Tor­nan­do alla rifor­ma, nono­stan­te rap­pre­sen­ti un com­pro­mes­so al ribas­so e quin­di da rive­de­re, rite­nia­mo giu­sto e neces­sa­rio che il tema del­lo ius soli non esca dall’agenda poli­ti­ca e dell’informazione, e che il testo di que­sta leg­ge ven­ga discus­so e appro­va­to in Sena­to il pri­ma pos­si­bi­le, per per­met­te­re al milio­ne di Ita­lia­ni Sen­za Cit­ta­di­nan­za di usci­re dall’invisibilità.

Per que­sto moti­vo abbia­mo ade­ri­to alla cam­pa­gna #1milione di #invi­si­bi­li lan­cia­ta dopo la rab­bia di un Ita­lia­no Sen­za Cit­ta­di­nan­za (You­ness Warhou) in rispo­sta all’ennesimo rin­vio del­la rifor­ma. Una foto con l’indice alza­to, a rap­pre­sen­ta­re l’”uno” di #unmi­lio­ne e la I di #Invi­si­bi­li.

Il movi­men­to Ita­lia­ni Sen­za Cit­ta­di­nan­za ha anche lan­cia­to la peti­zio­ne “Un milio­ne di Ita­lia­ni sen­za dirit­ti: appro­via­mo subi­to la leg­ge sul­la cit­ta­di­nan­za”, diret­ta ai capi­grup­po del Sena­to. E che ha già rag­giun­to qua­si 50.000 firme.

You­ness Warhou, attivista

Mar­co Vas­sa­lot­ti, Comi­ta­to Ago­rà 7 Luglio[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.