Il nero che fa molto comodo

In provincia di Latina è stato arrestato un noto imprenditore agricolo, insieme alla figlia, accusati di sfruttamento di persone soggiornanti irregolarmente. Che sono quelle più esposte al rischio e che meno possono reclamare diritti, ai quali una baracca può bastare e ai quali si somministrano droghe se la fatica è inumana.

[vc_row][vc_column][vc_column_text css=”.vc_custom_1500556701024{margin-top: 20px !important;}”][/vc_column_text][vc_column_text]Il nero fa mol­to como­do, di que­sti tem­pi. Da sfrut­ta­re elet­to­ral­men­te, per gua­da­gna­re qual­che voto, e da sfrut­ta­re lavo­ra­ti­va­men­te, per gua­da­gna­re in manie­ra ille­git­ti­ma e fare dan­no a tut­ta l’e­co­no­mia. E’ già suc­ces­so, è suc­ces­so anco­ra, suc­ce­de­rà di nuo­vo: in pro­vin­cia di Lati­na è sta­to arre­sta­to un noto impren­di­to­re agri­co­lo, insie­me alla figlia, accu­sa­ti di sfrut­ta­men­to di per­so­ne sog­gior­nan­ti irre­go­lar­men­te. Che sono quel­le più espo­ste al rischio e che meno pos­so­no recla­ma­re dirit­ti, ai qua­li una barac­ca può basta­re e ai qua­li si som­mi­ni­stra­no dro­ghe se la fati­ca è inu­ma­na. Per­ché non si capi­sce, altri­men­ti, per qua­li ragio­ni, a pari­tà di dirit­ti, gli sfrut­ta­ti sia­no trop­po spes­so i migran­ti.

«Due nuo­vi arre­sti a Lati­na per capo­ra­la­to e sfrut­ta­men­to del­la mano­do­pe­ra», com­men­ta Mar­co Omiz­zo­lo, pro­fon­do cono­sci­to­re del feno­me­no e di quel­le ter­re. «Ricor­do uno di loro, mol­ti anni fa, davan­ti alle tele­ca­me­re di una reda­zio­ne gior­na­li­sti­ca impor­tan­te, dir­mi di con­si­de­rar­si un bene­fat­to­re per­ché dava una casa, un lavo­ro e una edu­ca­zio­ne ai brac­cian­ti india­ni. Poi spe­ci­fi­cò quan­to inten­de­va. Per casa inten­de­va una barac­ca pre­fab­bri­ca­ta sen­za acqua, luce e con coper­tu­ra in eter­nit. Den­tro ogni barac­ca c’e­ra­no 5 lavo­ra­to­ri ed ognu­no paga­va 100 euro d’af­fit­to. Per lavo­ro inten­de­va 600 euro al mese per 12 ore di lavo­ro al gior­no, tut­ti i gior­ni. Per edu­ca­zio­ne, sue testua­li paro­le, dis­se “a que­sti ani­ma­li abbia­mo inse­gna­to tut­to, anche a bere dal­la boc­ca, per­ché quan­do sono arri­va­ti beve­va­no dal naso”. Ora — con­clu­de Omiz­zo­lo — chie­de­re­mo la costi­tu­zio­ne di par­te civi­le di quei lavo­ra­to­ri sfrut­ta­ti nel rela­ti­vo processo».

Noi sta­re­mo anco­ra al fian­co degli sfrut­ta­ti e lo fare­mo con argo­men­ti sem­pli­ci. Per­ché è una que­stio­ne di uma­ni­tà e per­ché quel­li che sono for­ti con i debo­li non meri­ta­no tre­gua alcu­na.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin

AIUTACI a scrivere altri articoli come quello che hai appena letto con una donazione e con il 2x1000 nella dichiarazione dei redditi aggiungendo il codice S36 nell'apposito riquadro dedicato ai partiti politici.

Se ancora non la ricevi, puoi registrarti alla nostra newsletter.
Partecipa anche tu!

Ultimi articoli

Lo ha detto il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella: "La vaccinazione è un dovere morale e civico. La libertà è condizione irrinunciabile ma chi limita oggi la nostra libertà è il virus, non gli strumenti e le regole per sconfiggerlo".
Per il oltre il 5% della popolazione italiana l’accesso a scuola, lavoro, vita sociale, affettività, sessualità può essere precluso da ostacoli più o meno concreti che vanno dalle barriere architettoniche all’inadeguatezza delle norme che, anche quando presenti spesso non vengono rispettate e a quello più insidioso: la discriminazione.
Vede, caro ministro, per noi il punto fondamentale è proprio questo: la qualità delle intese sul clima, ormai, non la fanno tanto i contenuti quanto le tempistiche per raggiungere gli obiettivi.